g2.jpg
from the web
Advertisement
Advertisement
Italo Calvino

Un increscioso contrattempo

Anni ‘50: sono davvero così lontani? Le situazioni di disagio spesso si ripetono
Community-Beitrag von Giudizi Universali BZ03.06.2019
Bild des Benutzers Giudizi Universali BZ
Advertisement
Advertisement

Il racconto breve da noi trattato, “L’avventura di una bagnante” di Italo Calvino ci presenta subito un personaggio nel quale il lettore si può immedesimare e a tratti ritrovare facilmente. La nostra protagonista, la signora Isotta,si trova infatti in una sgradevole situazione della quale l’autore analizza i vari aspetti ed emozioni. Quest’ultima si trova infatti in vacanza al mare, e nuotando al largo si accorge di aver perso il costume tra le onde. Quel giorno, avendo deciso di osare rispetto allo stile del tempo, indossava infatti il moderno “costume a due pezzi”, del quale le rimase solo il reggiseno. Trovatasi in questo increscioso contrattempo, la protagonista sconvolta e disperata cerca una soluzione all’accaduto. Questa imprevista situazione nella quale si trova, riporta alla sua mente le difficoltà legate alla propria corporeità: ciò ci fa percepire il senso di vergogna e disagio della donna, incrementati dall’epoca nella quale vive, gli anni ‘50. Ancora oggi chi legge può facilmente comprendere le varie sfumature dei sentimenti della protagonista, poiché è possibile ritrovarsi in momenti di disagio simili a questi. Lo stile di scrittura adattato al brano risulta scorrevole, presentando tratti interessanti e riflessivi alternati a piacevoli espressioni ironiche. In conclusione, nonostante il periodo di pubblicazione risulti poco attuale, l’autore è stato in grado di scrivere un racconto ancora oggi efficace e particolarmente apprezzabile.

Lola

Chiara

Rebecca

Emma

Advertisement

Kommentar schreiben

Advertisement
Advertisement
Advertisement