Advertisement
Advertisement
70 Jahre Pariser Vertrag

La semplicità del testo

Teil 4 der salto-Serie: Andrea Di Michele sull´Accordo De Gasperi-Gruber e sulla situazione tra Italia, Austria e Alto Adige nel dopoguerra.
Von
Bild des Benutzers Redaktion Redazione
Redaktion Redazione03.09.2016
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Passkontrolle am Brennerpass: Schatzkammer Südtirol. (Alle Bilder: National Archives, Washington DC.)

70 Jahre Pariser Vertrag

Schwieriger Neubeginn

Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Daniele Menestrina
Daniele Menestrina 04.09.2016, 15:03
Trovo l'iniziativa di Salto molto ben fatta ed interessante. Ad ognun' lettore poi le sue valutazioni personali. L'unica mia perplessità però è che a parte la professoressa Pfanzelter gli altri tre autori hanno scritto tutti il cognome di Alcide Degasperi in modo errato (De Gasperi), cosa che non mi sarei aspettato da storici e giornalisti affermati.
Bild des Benutzers Riccardo Dello Sbarba
Riccardo Dello Sbarba 07.09.2016, 18:11
La relazione di Andrea è stata in assoluto la migliore e più approfondita di tutte, poiché ha inserito l'accordo nel giusto contesto internazionale. Non c'erano alternative, questa è la verità. Gli altri storici si sono accapigliati inutilmente sulle personalità dei due uomini politici: se Gruber era un fesso, se Degasperi un bugiardo, ecc... Questioni secondarie, come ha dimostrato Andrea Di Michele, che è piaciuto a molte persone anche inaspettate (Durnwalder mi ha detto: ottima relazione, la migliore, tranne l'ultima considerazione su Degasperi). Su De Gasperi o Degasperi Andrea ha una spiegazione, non so se vuole rispondere (io temo di confondermi).
Bild des Benutzers Alberto Stenico
Alberto Stenico 07.09.2016, 18:34
Maria Romana, la figlia vivente di Alcide si firma De Gasperi.
Bild des Benutzers Daniele Menestrina
Daniele Menestrina 08.09.2016, 08:40
Maria Romana è stata sempre la più vanitosa delle figlie e vivendo a Roma pensava che usando DE staccato fosse più chic, le desse un tocco di nobiltà nei circoli che frequentava. Degasperi si firmava sempre tutto attaccato così come suo padre. Tutti i documenti ufficiali tipo certificato di nascita ecc riportano ovviamente Degasperi così come anche il monumento a TN. Se uno vuole cambiarsi il cognome va rispettata la decisione ma visto che in questo caso non è mai avvenuto se la figlia se lo è cambiato non significa che dobbiamo storpiare anche quello del padre.
Advertisement
Advertisement
Advertisement