Advertisement
Advertisement
Dal Blog di Gianluca Trotta

Lettera di scuse

Al mio bambino.
Community-Beitrag von Gianluca Trotta25.12.2013
Bild des Benutzers Gianluca Trotta
Advertisement

Caro figlio. Questa sera, mettendoti a letto, ero un po' distratto, forse te ne sarai accorto. C'erano i miei pensieri, quei tarli che mi trapanano la testa. E che qualche volta, come in questo momento, si trasformano in fantasmi che vorticano nella mia mente. Ti ho messo nel letto, ti ho dato qualche carezza e un bacio; ma intanto pensavo che dovrei chiederti scusa. Sì, dovrei davvero chiederti scusa, per il fatto che sei mio figlio. Non perché, almeno lo spero, io non sia, dal punto di vista affettivo, un padre adeguato. O almeno lo spero. Mi sembra, ma tu potrai smentirmi, di essere un papà amoroso, che ti riempie di attenzioni e gesti d'affetto. Ma c'è questa cosa che mi tormenta: sei mio figlio. E cioè: il figlio di nessuno. Perché le cose stanno così, e ne ho sempre più la conferma: nel nostro Paese, se sei figlio di una persona, diciamo così, normale, hai possibilità limitate, devi conquistarti tutto con le tue sole forze. E non è scontato che tu possa davvero avere tutte le strade aperte. Leggo, ultimamente, del figlio di un ministro che per un anno di lavoro, come libera uscita, ha ricevuto una quantità di denaro che io non guadagnerò mai in tutta la mia vita di lavoro. Questo lavoro che, tra l'altro, spesso ci allontana; come oggi pomeriggio, domenica, che sono stato tutto il pomeriggio a tracciare segni rossi su fogli scritti da ragazzi poco più grandi di te. Questi figli di persone cosiddette importanti, che passano da un lavoro all'altro con facilità, e con compensi sempre molto soddisfacenti, loro sì sono stati fortunati. O forse, devo dirmelo, forse i loro genitori sono stati più bravi di me. Quale sarà, invece, il tuo futuro? Io non lo so, non lo so immaginare. Spero che tu diventi un adulto preparato, capace di affrontare la vita, forte in ogni senso; spero che tu abbia la possibilità di essere quello che più vorrai. Ma di una cosa sono certo: oltre a offrirti la possibilità di studiare, e oltre a darti il mio affetto, io non potrò darti mai nient'altro. Non potrò aiutarti in nessun modo, non avrai nessun binario preferenziale. Non potrò darti nemmeno una casa, e se andrà bene forse potrò lasciarti qualcosa che ti possa almeno un po' aiutare nei momenti in cui ancora ne avrai bisogno. Valeva la pena, piccolo mio, essere mio figlio? Non lo so, comincio a dubitarne. Comincio a pensare di avere sbagliato tutto nella vita, di non avere dato la giusta importanza alle cose a cui avrei dovuto darne. Non ho mai dato importanza al denaro; ma forse, anche per te, avrei invece dovuto farlo. Non ho mai dato importanza alla carriera; invece, forse, sarebbe stato giusto, anche nei tuoi riguardi, fare di più, conquistarmi una posizione dalla quale poterti un po' aiutare. Ormai le cose stanno così, la casualità ha voluto che tu fossi mio figlio, e che io sia stato così indifferente a certe cose. Non posso ormai più farci niente; a parte, forse, chiedere il tuo perdono. Che spero potrai concedermi, da quel bambino sensibile e affettuoso che sei e che in questi tuoi pochi anni di vita ho avuto la fortuna di conoscere.

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Benno Kusstatscher
Benno Kusstatscher 04.11.2013, 00:07
Ha un papà di grandi pensieri. Grazie per questo pezzo così bello, vero e sincero, Gianluca!
Bild des Benutzers Gabriele Di Luca
Gabriele Di Luca 04.11.2013, 00:42
Se'ondo me Jacopo è dimorto fortunato. :)
Bild des Benutzers angela maerchen
angela maerchen 04.11.2013, 12:06
commovente gianluca. Veramente commovente. Hai dato voce alla disperazione di centinaia di migliaia di genitori. Ma credimi, un padre come te non è normale. E tuo figlio se ne renderà sicuramente conto, l'amore che gli hai dato e i valori che gli hai insegnato lo aiuteranno molto nella lotta per la sopravvivenza che dovrà affrontare. E poi pensa... magari gli lasciavi un milione di euro che con la crisi sarebbe diventato carta straccia... no l'investimento in cultura e amore è sempre il più sicuro. Più dei bond tedeschi!!
Bild des Benutzers Sabina Frei
Sabina Frei 04.11.2013, 14:21
A mio figlio da (molto) piccolo piaceva raccontare la storia di come avesse scelto mamma e papà: era un moscerino e volava in giro in cerca di genitori all’altezza delle sue aspettative, spiando i potenziali genitori dalle finestre. Facendo così notava che c’era chi obbligava i piccoli a mangiare le zucchine, chi i pomodori, c’era chi litigava di frequente e chi non li allattava. Scartata quindi una serie di aspiranti al ruolo genitoriale, arrivò alla nostra finestra, vedendo che pure in questa casa si mangiano le zucchine (alle quali afferma di essere allergico), con la differenza però che a casa nostra non vigeva nessun regime alimentare obbligatorio per tutti. E quindi scelse noi come genitori… Ecco, forse anche tuo figlio, da moscerino, girava, spiava e infine decise che voi e solo voi eravate i genitori giusti per lui!
Bild des Benutzers Stefano Lombardo
Stefano Lombardo 04.11.2013, 21:13
Bella lettera ma conclusioni preoccupanti. Resisti al crimine sempre e comunque; e insisti anche il giorno che sarai solo contro tutti.
Bild des Benutzers Gianluca Trotta
Gianluca Trotta 04.11.2013, 21:45
Grazie a tutt* per le sin troppo generose parole nei miei confronti. Un buon balsamo per le ferite. Quando uscirò dal pozzo nel quale sono sprofondato, forse riuscirò a tornare sulla cosa. Per ora posso che ringraziarvi.
Bild des Benutzers Gianluca Trotta
Gianluca Trotta 04.11.2013, 21:48
... Per ora non posso che ringraziarvi (mi si scusi l'errore di battitura)
Bild des Benutzers Oskar Egger
Oskar Egger 05.11.2013, 07:12
Caro Gianluca, inutile dirti che il pozzo fa parte del cammino, perché non é consolazione e per il bene tuo e di tuo figlio bisogna che riprendi il tuo viaggio senza rimpianti e con tutti i supporti possibili.Tuo figlio non entrerá nella fabbrichetta del babbo o nell' albergo a dieci stelle, ma potrá ricordarsi, se tu saprai offriglielo, il gusto di una corsa libera su un prato, di uno spaghetto preparato con amore, di un nascondiglio nel bosco, di un tramonto in riva al fiume, dei racconti all' imbrunire e di un padre fiero delle proprie scelte. Il vero ricco é colui che si nutre dell' energia dell' amore in ogni secondo della propria esistenza (Paolo Coelho).
Advertisement
Advertisement
Advertisement