In visita al termovalozziatore
G. Marciano
Advertisement
Advertisement
sostenibilità

“Ho visto strutture di assoluta qualità”

La visita a Bolzano della sottosegretaria alla Transizione ecologica Vannia Gava. Sul piatto il tema del teleriscaldamento e la corsa ai fondi del PNRR.
Von
Bild des Benutzers Andrea Dalla Serra
Andrea Dalla Serra05.08.2022
Advertisement

Sostenibilità, ecologia ed energia sono temi strettamente interconnessi su cui, nell'ultimo periodo, si sono concentrate molte attenzioni. Le stesse tre tematiche sono state anche le protagoniste della giornata di ieri, giovedì 4 agosto, quando, nel pomeriggio, si è tenuta la conferenza stampa del Vicepresidente della Giunta provinciale, Giuliano Vettorato, insieme a Vannia Gava, sottosegretaria alla Transizione Ecologica ed esponente della Lega.

Sono 2.1 miliardi di euro le risorse previste dal PNRR per i progetti legati all'economia circolare. Una commissione, che a fine settembre si esprimerà pubblicamente, sta già lavorando per valutare quali delle proposte provenienti da tutta Italia riceveranno un finanziamento. “Tra gli obiettivi della Provincia - spiega Vettorato - c’è la decarbonizzazione massiccia dell’Alto Adige, con investimenti importanti nel fotovoltaico e attraverso lo sviluppo di impianti di teleriscaldamento. A livello locale, questi sono progetti possibili grazie alla delibera approvata proprio la settimana scorsa. Dopodiché è chiaro che vogliamo valorizzare la strada dei bandi del PNRR, ma sapremo solo a fine settembre che cosa si potrà realizzare e con quali fondi.”

Nella giornata di ieri, dopo un incontro a Palazzo Widmann con il Presidente Arno Kompatscher e il Vicepresidente Vettorato, la sottosegretaria Gava è stata accompagnata in visita al Termovalorizzatore, all’impianto di teleriscaldamento, all’Istituto per le innovazioni tecnologiche e al Biodigestore di Lana.

La sottosegretaria:
La sottosegretaria: "È stato un vero piacere vedere degli impianti di assoluta qualità come il termovalorizzatore, una struttura necessaria per chiudere il ciclo dei rifiuti." (Foto: G. Marciano)


Accanto alle perplessità dell'assessora all'Ambiente del Comune di Bolzano, Chiara Rabini espresse solamente qualche giorno prima, Gava ha invece affermato: “È stato un vero piacere vedere degli impianti di assoluta qualità come il termovalorizzatore, una struttura necessaria per chiudere il ciclo dei rifiuti. Ben vengano strutture come queste; andiamo a utilizzare l’energia che producono, idrogeno incluso, dato che in questo momento è assolutamente necessaria. Bolzano è un esempio di strutture all’avanguardia anche per il suo impianto per il teleriscaldamento, che copre oltre 45 km di rete e serve circa 6 mila famiglie equivalenti, e per il biodigestore, che produce 130 m³ di gas ogni tonnellata di rifiuto”.

Si continua a lavorare per rispettare le scadenze dettate dal PNRR

Durante l'incontro di ieri con la stampa, è stato ribadito più volte come, in Alto Adige, ci sia un’idea concreta di gestione dei rifiuti, che vengono considerati come una risorsa e non come un problema. La stessa direzione di sviluppo sostenibile, secondo la sottosegretaria, la si dovrebbe attuare nell’intero Paese. “Specie per mettere in atto una reale transizione ecologica, è importante mantenere un constate dialogo con i territori. In Provincia di Bolzano c’è una idea pragmatica di gestione dei rifiuti. Questi ultimi sono di qualità ed è soprattutto merito dell’attenzione data dai cittadini” afferma Gava. “Proprio per questo – hanno evidenziato i due compagni di partito – serve investire sulla sensibilizzazione, creando una cultura ambientale e sottolineando l’importanza della raccolta differenziata." E sulla situazione politica a Roma, influenzata dalla crisi di Governo, Gava rassicura: "Si continua a lavorare per rispettare le scadenze dettate dal PNRR".

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement