Werbung

VBB - Der thermale Widerstand

La soprano Romana Amerling
Giovani critici

L'euforia di Strauss e compagni

Grande concerto dell'Orchestra Haydn al primo appuntamento del 2018. Ospite d'onore la soprano Romana Amerling
Werbung

Termina con fragorosi applausi del pubblico il concerto di fine anno dell’orchestra Haydn.

La parola chiave? “Fuori programma”. I due tempi, intervallati dalla solita pausa, sono stati una sorpresa dietro l’altra e hanno piacevolmente colpito il pubblico.

È quindi con un programma “tutto classico” che il 2 gennaio 2018, anche a Bolzano, si inaugura il nuovo anno, con il primo concerto del 2018 presso l’Auditorium Haydn in via Dante.

Diretta dall’austriaco Erich Polz, fino a poco tempo fa direttore della “Wiener Konzertvereinigung” e fondatore della “Modus21”, l’Orchestra Haydn incanta tanto adulti quanto bambini, augurando a tutti un felice e sereno anno nuovo.

Come ospite il famoso soprano viennese Romana Amerling, premiata a “Prima la musica” e nel 2004 e 2006 al “Fidelio-Wettbewerb”. L'artista si è esibita in diversi brani di J.Strauss junior tra i quali “Il pipistrello: Spiel ich die Unschuld vom Lande”, “La danzatrice Fanny Elssler: Draußen in Sievering” e “Al Prater rifioriscono gli alberi” di Robert Stolz, compositore austriaco (1880-1975).

Presente sul palco in tutta la sua appassionata vivacità, la Amerling ha rubato l’attenzione del pubblico in sala distogliendola, in parte, dall’orchestra, attraverso una sorridente e divertente performance tanto cantata quanto recitata.

Dominano il concerto i violini della famiglia Strauss introdotti da l’Overture de “Lo zingaro barone” composta nel 1885 da Johann Strauss junior (1825-1899), figlio dell’omonimo compositore e fratello di Eduard e Josef Strauss.

L’austriaca gioventù Strauss è stata messa in luce anche quest’anno. Non poteva essere altrimenti e, in questa circostanza, la tradizione vince sulla voglia di novità lasciando tutti soddisfatti.

Sull’onda della Filarmonica di Vienna, anche a Bolzano vengono riprese polka, danza, valzer e mazurca, tipiche della tradizione popolare ma sempre piacevoli e d’effetto. Brani brevi per mantenere alta l’attenzione e incentivare il coinvolgimento del pubblico.

L’orchestra mette così da parte, provvisoriamente, gli azzardi della contemporaneità e le tensioni romantiche per concentrarsi sulla parte più “disimpegnata” del repertorio ottocentesco.

Semplice e leggero, ma dinamico e festoso il concerto ha raggiunto in pieno l’obiettivo: trasmettere la gioia e inaugurare un 2018 pieno di sorprese.

A dar corpo al primo tempo uno dei padri fondatori del Valzer Viennese, l’austriaco Joseph Lanner (1801-1843), amico e poi rivale di Johann Strauss (padre), che portò il Valzer, dall’essere una semplice danza contadina all’essere specchio di balli e concerti dell’alta società. Con “Galop di capodanno” e “Danze stiriane, op.165: Ländler” veniamo catapultati in un’atmosfera magica e sognante, quasi fiabesca, molto allegra e spensierata. L’orchestra si destreggia con abile maestria tra i vari crescendo e diminuendo, accelerando e rallentando, lasciando sempre largo spazio ai veri protagonisti: agli archi.

Dopo la pausa, nel secondo tempo, si affiancano le tre diverse personalità dei fratelli Strauss in brani molto simili tra loro; l’orchestra riconquista l’attenzione del pubblico con la carica di “Liberate la pista! Polka veloce, op.45” di Eduard Strauss, seguito dal Valzer, op.364 “Dove fioriscono i limoni” di Johann jr. per concludere con tre brani del fratello Josef: “La Libellula. Polka mazur, op. 204”, “Rondini d’Austria. Valzer op. 164”, e infine “Senza pensieri. Polka veloce, op. 271”.

Allegro, festoso e pieno di colpi di scena, questo Capodanno con l’orchestra, esibitasi inoltre in diversi “fuori programma”, tra i quali ha spiccato l’esecuzione del celebre brano di Johann Strauss junior “Sul bel Danubio Blu. Valzer op. 314”, uno dei più famosi brani di musica classica di tutti i tempi, che ha attratto anche il grande regista Kubrick per la colonna sonora di “2001 Odissea nello spazio” .

Volendo essere critici dal punto di vista della trasparenza degli strumenti, l'euforia ha giocato a sfavore di clarinetti e flauti, spesso sovrastati dal resto della massa orchestrale. Ma il piccolo difetto non ha compromesso il successo.

Il prossimo appuntamento con la Haydn è per martedì 30 gennaio, sempre alle ore 20:00, con il direttore John Axelrod e la violinista Anna Tifu alle prese con un programma originale tra le note di Mendelssohn, del meno noto Franz Schreker e di Kurt Weill.

 

Francesca Cavalli, Linard Vogt

Liceo Pascoli classe 5M - indirizzo musicale

Werbung
Werbung

Meistkommentiert

Meistgelesen

Mach mit!

Registrieren oder Anmelden