Turismo Alto Adige
IDM/Thomas Grüner
Advertisement
Advertisement
La strategia

“Alto Adige, il viaggio giovane”

Il Sudtirolo candidato come meta ideale dei 25-40enni che cercano esperienze “trasformative” e di crescita personale. Sulla fiera Btf Widmann risponde a Urzì.
Advertisement
Advertisement

Da una parte i viaggiatori giovani - se lo si è ancora fino ai 40 anni - che cercano esperienze autentiche e crescita personale. Dall’altra, una meta che si candida a essere ideale per questo target, grazie a “decelerazione, natura intatta, tradizione, innovazione e sostenibilità”. La sfida è far incontrare domanda e offerta nel mercato turistico mondiale, che già premia l’Alto Adige con l’aumento di arrivi e presenze. La Provincia attraverso IDM ha da tempo deciso, per intercettare un pubblico più dinamico, di puntare sul Berlin Travel festival al posto della consolidata Itb-Fiera internazionale del turismo, come spiega l’assessore Thomas Widmann nella risposta all’interrogazione di Alessandro Urzì.

 

I lumi sulla scelta

Il consigliere di Alto Adige nel cuore, di area centrodestra, chiede lumi sulla promozione della fiera Btf, rispetto all’Itb. Entrambi gli eventi si tengono in marzo nella capitale della Germania e riguardano il pubblico di lingua tedesca. Il titolare della delega sul turismo chiarisce innanzitutto i termini dell’impegno per la promozione territoriale, affidata a IDM. Per partecipare quest’anno al Berlin Travel festival l’Alto Adige ha speso 92.291,54 euro, contro i 144.752,12 dell’anno scorso investiti nella Fiera internazionale del turismo. E se è pur vero che l’ampiezza delle manifestazioni è diversa - nella prima i contatti professionali sono 1.500, 11.000 i visitatori in un unico padiglione, mentre nella seconda i numeri sono 113.500 contatti, 160.000 visitatori e 25 padiglioni - secondo Widmann la scelta è dettata da buoni motivi e funzionale alla strategia adottata. 

I visitatori del Berlin Travel Festival sono giovani viaggiatori tra i 25 e i 40 anni, per i quali è in primo piano il ‘viaggio trasformativo’, ovvero il viaggio come sviluppo della personalità. L’Alto Adige offre ciò che desiderano: decelerazione, natura intatta, tradizione, innovazione, qualità e sostenibilità

 

Intercettare un pubblico dinamico

“Rispetto alla seconda manifestazione - precisa Widmann -, il Berlin Travel Festival risulta più adatto per raggiungere il nostro target group, i cosiddetti ‘Nanos’, che raggruppano persone alla ricerca di esperienze autentiche. I visitatori del Berlin Travel Festival sono giovani viaggiatori tra i 25 e i 40 anni, per i quali il ‘viaggio trasformativo’, ovvero il viaggio come sviluppo individuale della personalità, è in primo piano. Come destinazione, l’Alto Adige offre i valori che questa giovane generazione desidera: decelerazione, natura intatta, tradizione, innovazione, qualità e sostenibilità possono essere vissute allo stand altoatesino e vengono trasmesse in modo autentico dai vari protagonisti locali”. 

Comunque la provincia di Bolzano, conclude “era presente anche alla fiera Itb con uno stand presso il padiglione delle agenzie, dove si sono svolti 24 incontri con il pubblico specializzato (giornalisti, influencer, blogger, tour operator eccetera)”.

 

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Sommertouristen
Othmar Seehauser
Turismo estivo
USP
I dati Astat

Tirolo batte Sudtirolo

Monte Specie
IDM/Thomas Grüner

Kommentar schreiben

Advertisement
Advertisement
Advertisement