Werbung
Il caso
Scarcerati i due altoatesini arrestati in Thailandia per aver strappato delle bandiere nazionali. Condannati a una pena pecuniaria. Kompatscher: “Serva loro da lezione”.
Werbung

Tornaranno a casa Ian Gerstgrasser e Tobias Gamper, i due giovani italiani di 18 e 20 anni “pizzicati” da un video di sorveglianza mentre strappavano alcuni vessilli nazionali in Thailandia. I due sono stati processati questa mattina (10 gennaio) e condannati a una pena pecuniaria di 106 euro. Il senatore Svp Karl Zeller, che è in contatto con la Farnesina, riferisce che i due ragazzi sono ancora sotto sorveglianza della polizia, mentre si sta predisponendo il loro trasferimento a Bangkok, da dove saranno espulsi.

“Mi auguro che la vicenda dei due giovani altoatesini arrestati e ora liberati in Thailandia sia per loro un ammonimento a mettere in pratica comportamenti consoni, non soltanto all’estero ma anche a casa loro”, commenta l’accaduto il governatore dell’Alto Adige Arno Kompatscher. Un episodio, sottolinea Kompatscher, che dovrà servire anche da monito circa i danni provocati dall’abuso di alcol. In merito all’affermazione dei ragazzi riguardo l’importanza del significato della bandiera in Italia, il Presidente della Provincia dice: “Credo che non vada attribuito alcun significato politico alle dichiarazioni fatte dai due giovani”. Il gesto dei ragazzi non va posto in relazione con la propaganda contro il tricolore attuata dai separatisti sudtirolesi, dunque? Ha chiesto un giornalista al Landeshauptmann durante la consueta conferenza stampa di giunta, “un conto sono gli obiettivi politici che ognuno può avere - replica Kompatscher - un conto sono i mezzi usati per perseguirli. Questi ultimi non debbono essere volti a ferire i sentimenti di una parte della cittadinanza”.

Update (11 gennaio 2017):

È di sette mesi con la condizionale e successiva espulsione la pena emessa da un tribunale locale nei confronti di Gamper e Gerstgrasser. Nei prossimi giorni, come previsto dall'iter di espulsione, i due saranno consegnati alla polizia dell'Immigrazione e trasferiti nella capitale, dove rimarranno in cella fino al momento del rimpatrio. Lo hanno riferito all'ANSA fonti diplomatiche.

Werbung

Verknüpfte Artikel

Kommentare

Bild des Benutzers gorgias

Ende gut alles gut. Ich hoffe in Zukunft kommen Südtiroler auch ohne Vilipendio aus,. Sowohl auswärts, als auch zu Hause.

Werbung