Feuernacht
hh
Advertisement
Advertisement
NOTTE dei fuochi

"Violenza da condannare, ma Roma ..."

Il presidente Arno Kompatscher sulla Feuernacht: "La popolazione era esasperata. Il giudizio sull'accelezione dell'autonomia spetta agli storici"
Advertisement

“Spetta però agli storici giudicare se l’Alto Adige, senza la Notte dei fuochi avrebbe ottenuto o meno lo Statuto di autonomia che oggi conosciamo. Ciò che è certo, però, è che sia prima che dopo questi fatti, vi fu bisogno di lunghe e complicate trattative politiche per portare l’autonomia dell’Alto Adige ad essere quella che conosciamo oggi”. Il presidente Arno Kompatscher ha affidato ad una nota ufficiale dell'Agenzia di stampa provinciale il proprio pensiero sulla Notte dei fuochi della quale ricorre il sessantesimo anniversario nella notte tra l'11 e il 12 giugno. La delusione di molti sudtirolesi per la mancata attuazione delle promesse legate all’autonomia altoatesina esplose quella notte, quando si contarono circa 40 esplosioni presso altrettante strutture dello Stato italiano in Alto Adige.  Secondo il presidente Kompatscher, “la violenza non può mai rappresentare la soluzione, ma non bisogna dimenticare ciò che ha portato ad azioni così drastiche. La notte dei fuochi va inserita nel contesto dei conflitti dell’epoca. Molte persone erano deluse e non si sentivano prese sul serio: lo Stato non manteneva le promesse fatte, vi erano tentativi di repressione e il nostro territorio viveva ulteriori ondate di immigrazione a fronte di una contemporanea emigrazione di giovani sudtirolesi in cerca di lavoro”.  Il Landeshauptmann sottolinea inoltre che “l’autonomia conquistata nel 1972 dopo un duro confronto dall’allora presidente Silvius Magnago, grazie anche al significativo sostegno austriaco, rappresentò l’inizio di una nuova era, che fece seguito all’annessione, alla politica di italianizzazione portata avanti dallo Stato e alla soppressione della lingua e della cultura tedesca e ladina. Da quel momento in avanti, l’Alto Adige ha ripreso in mano le sorti del proprio destino e ha iniziato a costruire una propria autonomia amministrativa e legislativa, saldamente ancorata non solo ai principi della Costituzione, ma anche – grazie all’Accordo di Parigi e al coinvolgimento dell’ONU – al diritto internazionale”..

Arno Kompatscher
Arno Kompatscher Foto: ASP

 

La storia, secondo Kompatscher, è proseguita con l’era di Luis Durnwalder, nel corso della quale l’Alto Adige ha sfruttato i margini di manovra dell’autonomia “per portare pace, sicurezza e benessere a tutti gli abitanti di questo territorio”. Il presidente della Provincia si dice convinto che occorra ringraziare principalmente l’impegno di tante persone, e la capacità di trattare e giungere a soluzioni equilibrate di molti protagonisti della nostra vita politica, se l’Alto Adige rappresenta oggi una regione che, nel contesto europeo, spicca per qualità di vità, competività economica e vitalità sociale e culturale. “L’Alto Adige del futuro – conclude Arno Kompatscher – deve puntare sull’apertura verso l’esterno e sulla creazione di reti di cooperazione. La nostra terra ha un potenziale enorme, che possiamo sfruttare a pieno con un atteggiamento positivo delle persone che ci vivono e con una spinta alla crescita in pieno spirito europeo ed europeista”.

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Walter Kircher
Walter Kircher 12.06.2021, 08:10

die "Feuernacht" für sich allein zu bewerten ist eher ein Zeichen von Hilflosigkeit!
Vom Katz-und-Maus-Spiel Roms (bis heute!) wird nicht gesprochen ...

Advertisement
Advertisement
Advertisement