Advertisement
Advertisement
Affari Rom-ani

Affari Rom-ani

Lo scandalo del malaffare romano e i boss che si arricchiscono coi campi Rom.
Von
Bild des Benutzers Francesco Palermo
Francesco Palermo10.12.2014
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Mi domando dove l'articolista abbia vissuto finora. Non sa che le mafie utilizzano esercizi di ristorazione "rilevati" o "insediati", leggi "pizzerie", per contaminare un territorio da conquistare? Questo accade dagli albori della rinascita mafiosa italiana (e non solo, turca, cinese anche) grazie alla potenza erogata dai liberatori nella seconda guerra mondiale. Quelle tipo di attività permettono di sapere tutto di tutti. Quali aziende sono in difficoltà o in estremo attivo, quali proprietà immobiliari sono in svendita, chi sono le persone che guidano la comunità locale (eventualmente da corrompere). Inoltre, solitamente, i gestori delle soprannominate pizzerie sono pure simpatici. Ma il giorno che ve li ritroverete amici potrebbe essere l'inizio della vostra fine al primo "favore" che vi chiederanno. Di solito, parte o viene gestito pure un traffico di droghe da tali pizzerie (ma anche bar, pub lounge, ristoranti, residence, alberghi, associazioni di italiani espatriati, etc.) A margine di questo cancro espansivo. Circa venti anni fa il governo italiano cambiò le targhe automobilistiche italiane. Sparirono le sigle delle province (riammesse in piccolo, anni dopo a danno fatto) proprio per permettere una più difficoltosa identificazione degli "stranieri" in una comunità locale. Ora, qualunque persona un po' informata sa che quella, come altre migliaia di norme emanate all'uopo, vennero emanate per favorire la criminalità organizzata con annesso traffico di droga, controllo degli appalti pubblici e collaterali. A tal proposito, per chi non lo conoscesse, consiglio un libro illuminante di questa strategia di aggressione silenziosa ad uno Stato: "Vecchi Trucchi", J. Kleeves, Ed. Il Cerchio, Rimini Quando un progetto, una branca di gestione della cosa pubblica "non funziona" (per la finalità comunitaria) non è per calamità naturale ma perché sono subentrati truffadinalmente interessi di ben altro genere rispetto a quelli istituzionalmente collettivi. A pensar male, in questi casi, ci si azzecca! Riguardo la gestione dei servizi pubblici anche questa inchiesta ha un'altra finalità non certo di fare emergere (tutte) le verità. Nel grande gioco ci sono pedine sacrificabili (per poco, viste le leggi all'acqua di rose per favorire la criminalità) ed esse lo sanno che gli può venire chiesto un giorno. E' quell'obbedienza oscura che sostiene quel mondo infame. La strategia, ben collaudata negli USA a partire dal 1992, è la seguente: 1. Si rendono inefficienti i servizi pubblici 2. Si fa trasparire la corruzione 3. Si ingabbia qualcuno dei dirigenti a seguito di "clamorose" inchieste, ma tutti sapevano bene prima. 4. La gente protesta 5. Si privatizza. Creare il problema e poi offrire la soluzione! «Amico mio, chissà quante volte tu hai dato il tuo voto ad un uomo politico così, cioè corrotto, ignorante e stupido, sol perché una volta insediato al posto di potere egli ti poteva garantire una raccomandazione, la promozione ad un concorso, l’assunzione di un tuo parente, una licenza edilizia di sgarro. Così facendo tu e milioni di altri cittadini italiani avete riempito i parlamenti e le assemblee regionali e comunali degli uomini peggiori, spiritualmente più laidi, più disponibili alla truffa civile, più dannosi alla società. Di tutto quello che accade oggi in questa nazione, la prima e maggiore colpa è tua». GIUSEPPE “PIPPO” FAVA Giornalista assassinato dalla mafia trent’anni fa (5 gennaio 1984) Ah, il male di Roma. Non mi pare che Bolzano sia linda, come neanche la Germania purtroppo (oggi considerata la "lavatrice" d'Europa dalle mafie - riciclaggio). Mai fatto un giro sulla ciclabile lungo fiume a nord della stazione ferroviaria? Ci si nasconde la droga sotto, nell'argine. Oppure alla confluenza tra i due fiumi che attraversano la città, proprio sotto le carceri? Lì ci spacciano tranquillamente in pieno giorno. Mi fermo qui. Il resto lo conoscete anche dalle pagine de Il Salto. --- Non vorrete mica che cominci proprio io? "Il problema del rispetto delle più basilari regole di convivenza civile, in Italia è da sempre un tabu che ha avuto due facce, ma della stessa medaglia; sia che si tratti di riuscire a spegnere una sigaretta nel portacenere, sia che si tratti di rispettare spazi comuni come una ciclabile, uno parcheggio per disabili o la fila alla posta. Che si tratti di riuscire nell’altrettanto titanica impresa di buttare la carta nel bidone della carta o la plastica in quello della plastica. Ma è bene distinguere i ruoli, sebbene figli dello stesso vuoto civico-morale, perché una delle due facce della medaglia è rappresentato dal controllore che non controlla per non perdere consensi quindi poltrone, mentre dall’altra il controllato che ha una visione del rispetto delle regole che parte sempre e comunque dagli altri…la sua è ogni volta l’eccezione che dovrebbe confermare la regola, ma che in pratica conferma che “io sono io e voi non siete un cazzo”. Questa medaglia a due facce complementari poggia però saldamente proprio su quel vuoto etico morale che caratterizza ormai da 25 anni la società (gregge) italiana, vuoto che può riassumersi in un dato di fatto: il controllore non crede realmente nel valore delle regole…il controllato nemmeno, in mezzo gli ignavi. Il paese è certamente da cambiare…ma che lo facciano gli altri…non vorrete mica che cominci propri io, controllante o controllato che sia? Oggi proprio non posso…ho la palestra al pomeriggio, il calcetto stasera, sono in ritardo e devo fare ancora la spesa…oggi poi a dire il vero è il mio giorno libero…la nonna ha la febbre…beh non ho il diritto di fare un giro in bicicletta…che sarà mai un garage abusivo…la differenziata che la faccia chi può farla…io non ho tempo…sta zitto valà..ho il criceto che mi soffre d’insonnia…non vorrai mica che per andare in banca debba parcheggiare a 50 mt…le macerie all’isola ecologica…sotto il ponte si fa prima…auto sul marciapiede…ma è inverno, non c’è nessuno…auto sul marciapiede…ma è estate, con sto casino dove vuoi che la metta…come no…io sono per il verde…ma l’albero davanti a casa mia l’ho salato…faceva un immondizia per terra…reti da pesca a maglie più larghe…che le mettano in Europa…no guarda l’inceneritore dietro casa non lo voglio…e la differenziata per non doverli bruciare...beh inizio lunedì a farla…se non piove…ho allargato la casa…il permesso per costruire non me lo avrebbero dato…ma la casa non è un diritto…vuoi dirmi che il problema adesso è la carta che ho gettato dal finestrino dell’auto…guarda, la battigia è di tutti…quindi io ci pianto gli ombrelloni…l’appalto che ho vinto io era regolare…come i favori che ho dovuto poi ricambiare…insomma…non vorrete dirmi che in questo paese dove vale tutto, grazie anche alla mia doppia morale, a rispettare regole banali di convivenza civile debba iniziare proprio io? Te l’ho già detto…oggi proprio no…è un giorno sacro…dedicato interamente a famiglia e figli…li porto all’Iper!" (tratto da LaVoce Romagnola) "Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione. " (Edmund Burke)
Bild des Benutzers Oskar Egger
Oskar Egger 17.12.2014, 07:37
Mi veniva da rispondere che ho sempre tenuto in alta considerazione l' animo buono e gentile dell' italiano in paragone con quello (mi si perdoni) teutonico, che ora si rimanifesta con quegli ammassi di proteste strane in atto in quel paese, ma non posso togliere nulla quanto detto sopra! E quest' estate sul Bodensee, forse perché sta volta ci ho fatto caso, ho notato, nei punti piú belli di quei paesini vicino al lago, proprio tante pizzerie....i teutonici faranno fatica, anche per i mezzi giuridici mancanti.
Advertisement
Advertisement
Advertisement