Night Bus
reddit
Advertisement
Advertisement
Tpl

Niente mascherina? C’è la multa

Dal 16 gennaio sanzioni da 27,50 a 275 € per chi non indossa la protezione naso-bocca su bus e treni. Vallazza: “Più si rispettano le regole, più è sicuro usare i mezzi”.
Advertisement

Lo aveva annunciato l’assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider durante il primo, parziale bilancio sul funzionamento del trasporto pubblico, dopo la riapertura delle scuole in Alto Adige: i controlli a bordo dei mezzi pubblici per verificare il rispetto dell’utilizzo della mascherina saranno intensificati.
Da venerdì 15 gennaio entrerà in vigore una novità normativa (la misura anti-Covid è resa possibile da una modifica della legge provinciale sulla mobilità pubblica) con la quale si autorizza il personale responsabile del controllo dei biglietti a multare i passeggeri sprovvisti di mascherina che viaggiano su autobus e treni. Da sabato 16 i controllori potranno dare multe da 27,50 a 275 euro.

“La priorità - spiega Martin Vallazza, direttore della Ripartizione mobilità - è il rispetto delle norme di tutela della salute. Più passeggeri rispettano le regole, più è sicuro usare i mezzi pubblici”.

Ci saranno più controlli sia sulle linee urbane che sulle extraurbane. “In passato abbiamo ricevuto una serie di reclami riguardanti il mancato uso delle mascherine, ma finora il nostro personale di servizio non è stato in grado di intervenire. Ora abbiamo uno strumento efficace in mano” afferma la direttrice di SASA Petra Piffer.

Altra storia per i conducenti: per motivi di sicurezza non c’è infatti alcun obbligo di protezione della bocca e del naso per gli autisti di autobus mentre sono alla guida. Le mascherine possono talvolta limitare il campo visivo durante la guida o far appannare gli occhiali. “Ma gli autisti devono indossare la mascherina mentre salgono o scendono i passeggeri” precisa Vallazza ribadendo inoltre che attualmente sugli autobus è possibile trasportare al massimo la metà delle persone rispetto alla capienza massima prevista. “Ciò significa che la maggior parte degli autobus può attualmente ospitare da 37 a 40 persone circa, e quindi la maggior parte dei posti può essere occupata”.

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Trasporto scolastico
Dipartimento mobilità
Südtiroler Mitwagenunternehmer Unterstützen die SASA beim Schülertransport
(c) Hannes Niederkofler
Arno Kompatscher & Daniel Alfreider
LPA/Silvia Fabbi
Jahreswechsel

Für mehr im Jänner

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement