Il gruppo
E. Nardelli
Advertisement
Advertisement
CICLISMO

L’Italia vince gli Europei di Trento

All'arrivo la spunta Sonny Colbrelli davanti al belga. Il CT Cassani: “una vittoria di squadra”. Il sindaco Ianeselli: “clima di grande festa. Trento città europea”.
Von
Bild des Benutzers Andrea Dalla Serra
Andrea Dalla Serra13.09.2021
Advertisement

Si sono chiusi ieri (domenica 12 settembre) i Campionati Europei di ciclismo su strada a Trento, rimandati l'anno scorso per colpa della pandemia al 2021. L'ultimo giorno era in programma la gara più attesa: quella Uomini Elite. Partiti da piazza Duomo, sono saliti sul Monte Bondone per poi percorre otto volte il circuito con all'interno la salita di Povo. Scollinati, i ciclisti, hanno tagliato il traguardo finale posto al punto di partenza. 179 chilometri complessivi, 150 i corridori in gara – di cui soltanto 31 hanno concluso la corsa a causa dei ritmi elevatissimi con cui è stato affrontato il percorso. Ad arrivare per primo a Trento è stato l'italiano Sonny Colbrelli dopo un duello all'ultimo metro con il giovanissimo (classe 2000) Remco Evenepoel.

I corridori sulla salita di Povo (TN)
I corridori sulla salita di Povo (TN) (foto: E. Nardelli)

 

Sonny Colbrelli dopo la premiazione
Sonny Colbrelli dopo la premiazione (foto: E. Nardelli)

 

L'emozione di Davide Cassani

 

Dopo la vittoria di Colbrelli, salto.bz ha incalzato il CT della nazionale italiana maschile élite, Davide Cassani, per un commento a caldo: “È una grande emozione, sono veramente contento, la squadra è stata davvero fantastica, ognuno ha fatto al meglio quello che gli avevo chiesto. Una bella vittoria”.

Questo, per Cassani e per l'Italia, è il quarto europeo vinto consecutivamente; si può ritenere anche un successo personale?
“Non è poco; ma i successi sono il lavoro di più persone, quindi anche questa è una vittoria di squadra” ha concluso il CT.

La nazionale italiana in testa al gruppo
La nazionale italiana in testa al gruppo (foto: E. Nardelli)

 

Trento applaude il passaggio dei corridori

 

Abbiamo chiesto al Sindaco di Trento, Franco Ianeselli, cosa significhi per la città ospitare una gara così importante per il mondo del ciclismo. “Significa, innanzitutto, sentirsi pienamente una città europea. Se si guardano le immagini del percorso si vede una città storica e una contemporanea, ma anche i volti dei tanti trentini e turisti partecipi, gioiosi e contenti; è sicuramente una bella esperienza” ha affermato.

E sulle polemiche circa il traffico?
“Siamo consapevoli dei disagi causati dalla manifestazione sportiva; si percepisce, però, tra chi in questi giorni ha frequentato il centro storico e la piazza, un clima bello e positivo. Poi, questi, sono gli Europei di ciclismo, e per noi la bicicletta ha significato due cose: i numerosi cicloturisti che abbiamo visto questa estate, ma anche una città che deve ripensare la propria mobilità mettendo i ciclisti e i pedoni al centro”.

Si concludono così i cinque giorni di Europei di ciclismo su strada 2021, che hanno visto protagonista l'Italia e, in particolare, anche Bolzano con la concittadina Elena Pirrone che ha centrato il terzo posto nella cronomentro femminile U23.

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Mattia Frizzera
Mattia Frizzera 13.09.2021, 10:42

Seguendo in "second screen" la corsa su twitter (#EuroRoad21) si è visto come la corsa abbia appassionato gente in tutta Europa e anche in Giappone. Una settimana di grandissimo ciclismo in Trentino, tanta gente fra Ingegneria e la rotonda di Povo, uno spettacolo assoluto. Fra qualche anno arriveranno anche i Mondiali, perchè la manifestazione ha avuto un sacco di feedback positivi.

Advertisement
Advertisement
Advertisement