Bohemian Rhapsody
Bohemian Rhapsody
Advertisement
Advertisement
Positive Vibes

Un bacio contro la censura

La #BohemianKissChallenge contro i tagli delle emittenti televisive alle scene che affrontano la sessualità di Freddie Mercury nell’ultimo film di Bryan Singer.
Von
Bild des Benutzers Elisa Brunelli
Elisa Brunelli22.02.2021
Advertisement

La scorsa settimana l’emittente sudcoreana SBS trasmette una versione appositamente ritoccata di Bohemian Rhapsody, l’ultimo film di Bryan Singer e interpretato da Rami Malek incentrato sulla vita di Freddie Mercury, l'intramontabile frontman dei Queen. La decisione della piattaforma di censurare le scene che ritraggono gli aspetti inerenti alla malattia e all’orientamento sessuale del cantante (affrontati comunque marginalmente all’interno della pellicola) non è passata inosservata: Kim e Backpack, coppia di lunga data e tra le più famose nella galassia degli youtuber sudcoreani, hanno denunciato l’operazione omofoba e lanciato, attraverso un video comparso sul loro canale che ha collezionato migliaia di visualizzazioni in poche ore, la #BohemianKissChallenge: “La scena in cui Freddie Mercury bacia una donna è rimasta intatta - spiegano - ma quella in cui bacia un uomo è stata cancellata. Per questo vogliamo proporre questa campagna, non importa quale sia il tuo orientamento sessuale e chi sia la persona che ami: i baci sono tutti uguali”.


 

Partecipare è semplice: basta scattare una foto o realizzare un video del bacio e caricarli sui propri social media con gli hashtag #BohemianKissChallenge e #AllKissesAreEqual. “Non importa che tipo di bacio sia. Pubblica la foto o il video di te che baci una persona e non importa se non siete davvero una coppia” specifica Backpack prima di inaugurare assieme al partner la campagna.

I want to break free
Una delle scene del film colpite dalla censura. Rami Malek nei panni di Freddie Mercury nel videoclip "I Want to Break Free"

 

Non è la prima volta che Bohemian Rhapsody subisce una qualche forma di limitazione. Negli Stati Uniti il film è stato vietato ai minori di 13 anni non accompagnati. In Malesia, dove l'omosessualità è punibile fino a vent'anni di reclusione, la visione della pellicola, che ha subito un taglio di oltre 24 minuti, è consentita solo a partire dai 18 anni. In Cina, nonostante una decriminalizzazione formale della comunità LGBT+, sono ben sei le scene che risultano censurate, c'è un accanimento contro i riferimenti ai termini  “gay” e “omosessuale” e sono stati eliminati gli spezzoni che ritraggono alcuni atteggiamenti intimi tra uomini, oltre a quelli in cui gli attori, travestiti con le stesse gonne e parrucche utilizzate dai membri dei Queen, si cimentavano con le riprese del videoclip di “I Want to Break Free”.

 

Wenn auch Sie positive vibes mit den salto-Lesern teilen möchten, schreiben Sie an desk@salto.bz.

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement