Ticket unico
USP
Advertisement
Advertisement
Mobilità

Mano al portafogli, turisti

Trasporto pubblico locale, l’assessore Alfreider vuole un ticket unico per gli ospiti da fuori provincia. Nel 2020 su le tariffe. Al vaglio una nuova piattaforma digitale
Advertisement
Advertisement

Il traffico è troppo e la colpa è anche dei turisti. Questo è in sintesi il messaggio che rappresentanti dei Comuni e delegazioni turistiche di Bolzano, Appiano, Caldaro e Termeno hanno recapitato all’assessore competente Daniel Alfreider durante l’incontro di ieri, 19 giugno. Presenti al meeting il sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi, l’assessora bolzanina Marialaura Lorenzini, il direttore dell’associazione turistica di Termeno Thomas Haberer, la presidente dell’associazione turistica di Appiano Evelyn Falser, il direttore dell’associazione turistica di Appiano Thomas Rauch, il presidente della Strada del Vino Manfred Vescoli, la direttrice dell’associazione turistica di Caldaro Sarah Filippi, il presidente dell’Associazione Turistica di Caldaro Sighard Rainer, il sindaco di Appiano Wilfried Trettel, il presidente dell’associazione turistica di Termeno Stephan Calliari e Doris Bacher dell’Ufficio trasporto persone.

Al problema sollevato dagli astanti l’assessore provinciale alla mobilità ha messo sul piatto una possibile soluzione: le associazioni turistiche adottino un sistema unico di biglietti per il trasporto pubblico locale, da integrare con servizi aggiuntivi. L’esempio positivo di riferimento è la Mobilcard (che include agevolazioni per gli ingressi nei musei, enoteche, piscine ecc.) con la quale le località lungo la Strada del Vino hanno reso negli anni passati il trasporto pubblico locale più attraente per i turisti, ottenendo così un minore impatto del traffico veicolare. 

 

Obiettivi e progetti futuri

 

“Occorrono soluzioni che funzionino su tutto il territorio provinciale, che possano ottenere un sostegno da tutte le parti coinvolte e che offrano spazi di manovra per proporre prestazioni aggiuntive”, ha detto Alfreider aggiungendo che “un trasporto pubblico locale efficiente e funzionale anche per i turisti rappresenta un biglietto da visita fondamentale che rafforza la nostra riconoscibilità come territorio accogliente. In questo senso l’offerta del trasporto pubblico locale va potenziata specialmente a Bolzano e nell’Oltradige, rendendolo finanziabile. Occorre inoltre occorre porre basi solide affinché il trasporto pubblico venga utilizzato”. La novità è che ora un gruppo di lavoro ad hoc svilupperà una nuova mappa della mobilità per l’Oltradige, attuandola poi in collaborazione con gli uffici.

La brutta notizia per gli ospiti che arriveranno da fuori provincia è che le tariffe per i biglietti turistici cresceranno a partire dal 2020, “ma maggiore sarà la collaborazione delle organizzazioni turistiche del territorio e minore sarà l’impatto di questo aumento. Per il futuro sarà importante soprattutto una nuova piattaforma digitale per la viabilità locale, attraverso la quale i cittadini altoatesini e i turisti possano reperire informazioni su tutte le diverse forme di trasporto, prenotarle e pagarle direttamente online”, così Alfreider.

 

Advertisement

Kommentar schreiben

Advertisement
Advertisement
Advertisement