Paddleton
Screenshot
Advertisement
Advertisement
Vertigo

Mr. Quarantine Man

L’alternativa al cinema in tempi di clausura è la combo pc-divano. Tre film per il fine settimana in compagnia di noi stessi: Paddleton, Booksmart e L’Illusionniste.
Kolumne von
Bild des Benutzers Sarah Franzosini
Sarah Franzosini21.03.2020
Advertisement

 Paddleton

Weekend in quarantena, occasione per finire di modellare il solco sul divano a cui state lavorando da oltre dieci giorni. Al cinema non ci possiamo andare ma su internet sì e quindi: momento #recuperoni. Oggi si fa l’en-plein: tre bollini verdi su tre perché ci meritiamo solo gioie in questo periodo. La festa comincia con Paddleton, un film che non si è filato nessuno e che, da bravi, potete trovare su Netflix. Il dramedy di Alex Lehmann (quello di Blue Jay, gioiellino dimenticato) è interpretato da Mark Duplass (capostipite del cosiddetto mumblecore) e Ray Romano, e racconta la storia, in stile bromance, di Michael e Andy, due vicini di casa di mezza età, sociopatici e disadattati, che trascorrono le loro serate mangiando pizza e guardando film (beh, uno in particolare). Finché un giorno Michael scopre di avere un cancro allo stadio terminale e allora scatta il road movie. Ok, sulla carta non sembra un granché ma ecco tre motivi validi per vederlo: regala performance da manuale, gioca con l’ironia e il sarcasmo senza mai scadere nel grottesco o abbandonare la sua vena emotiva, e il terzo è che ora abbiamo tutti voglia di piangere e questa è una buona scusa.

 

 Booksmart

In italiano è uscito con il titolo La rivincita delle sfigate (perdona loro perché non sanno quello che eccetera), ma questo giammai vi freni. Amy e Molly, studentesse modello e amiche per la pelle, realizzano di essersi perse tutto il divertimento al liceo per stare chine sui libri. Alla vigilia del giorno del diploma decidono perciò di recuperare il tempo perduto e darsi alla pazza gioia. Booksmart è un coming-of-age che segna il debutto dietro la macchina da presa dell’attrice Olivia Wilde, intriso di un brillante senso dell’umorismo (la sequenza del viaggio allucinogeno è prodigiosa) al motto di girls just want to have fun, senza tralasciare l’angolo della riflessione. Lo danno su Now Tv. Ragazzi, un abbonamento da qualche parte bisogna pur farselo. Neeeeext.

 

 L’Illusionniste

Chicca finale: L’Illusionniste (L’illusionista) di Sylvain Chomet, quello del pregevolissimo Les Triplettes de Belleville (Appuntamento a Belleville). È un film d’animazione del 2010 di una inconsolabile bellezza d’antan dove l’ombra di Jacques Tati si allunga indisturbata. Non vi serve sapere altro. È su Raiplay, è gratis, che fate ancora qui.

 

 

Da non perdere 
Da vedere
Ma anche no
Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Cinema
Myke Simone - Unsplash
Advertisement

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Simonetta Nardin
Simonetta Nardin 25.03.2020, 20:18

Grazie per i preziosi consigli e per l’umore leggero e intelligente.... ne abbiamo bisogno, più che mai....

Advertisement
Advertisement
Advertisement