Hiroo Onoda
Wing Chung News
Advertisement
Advertisement
Vorausgespuckt

Onoda e noi

L'autonomia compie 50 anni e sarà giustamente molto festeggiata. Speriamo solo che tra un brindisi e l'altro non facciamo la fine del celebre tenente giapponese.
Kolumne von
Bild des Benutzers Gabriele Di Luca
Gabriele Di Luca21.01.2022
Advertisement

Forse la storia la conoscete. È una storia “pazzesca”, anche se in fondo quando definiamo “pazzesca” una storia è perché della follia sappiamo poco. La storia è questa: c'era un soldato giapponese – Hiroo Onoda – che rimase su un'isola delle Filippine (Lubang) per quasi trent'anni pensando che la guerra in cui era coinvolto (la Seconda guerra mondiale, quindi – per lui – la guerra contro gli Stati Uniti) non fosse finita. Pensateci bene: per quasi trent'anni quest'uomo, questo soldato col grado di tenente (mai parola fu tanto fatale) che neppure per un istante smette di essere soldato e tenente, se ne sta nascosto nel fitto di una giungla filippina e “combatte” un nemico che non esiste più, che si è dissolto all'interno di una prospettiva geo-politica totalmente mutata. Come si sarà sentito in tutti questi anni, che cosa ha provato quando – finalmente – qualcuno è arrivato a rompergli la bolla di autismo nella quale si era (volontariamente?) rinchiuso?

In quali giungle metaforiche siamo bloccati?

La vicenda è raccontata dal regista Werner Herzog in un libro uscito in italiano l'anno scorso (anche l'edizione tedesca è dello stesso anno), si intitola “Il crepuscolo del mondo” e ve lo consiglio caldamente, anche perché Herzog scrive benissimo. Io però non vorrei attrarre tanto l'attenzione sul tenente Onoda considerandolo, come dicevo, un soggetto “pazzesco” al di là di ogni ulteriore possibilità di confronto. Per questo chiedo: anche se noi non siamo imprigionati in una giungla filippina, anche se non cerchiamo metodicamente di apprendere dalle altre forme della natura le migliori tecniche di mimetizzazione al fine di renderci dei fantasmi in perenne attesa del nemico, in quali altre giungle metaforiche siamo di fatto bloccati, in quali configurazioni di senso abbiamo finito per cristallizzarci, e soprattutto quanto tempo stiamo facendo passare prima che un nostro personale Suzuki – l'uomo che ritrovò Onoda – sbuchi dalla contemporaneità e cerchi di convincerci che nel frattempo le cose sono un po' cambiate?

Anche da noi gli Onoda abbondano e fanno persino carriera politica

Questa domanda mi gira per la testa, per esempio, se penso ai festeggiamenti che (in grandissima pompa) verranno dedicati al cinquantenario della nostra autonomia. In questo caso gli Onoda abbondano (ce ne sono due o tre che ci hanno costruito addirittura sopra una carriera politica e stanno rintanati nel Consiglio provinciale, che per certi versi può essere considerata una vera e propria giungla istituzionale), sono intorno a noi, forse addirittura sono dentro di noi. Certo, sarebbe anche possibile dire che ciò che ha reso possibile la nostra autonomia (le tensioni, i conflitti e tutto quello che sapete) è stato completamente eroso dal tempo, e che nessuno – oggi – affermerebbe che abbiamo a che fare con circostanze anche lontanamente comparabili. Eppure esiste pure la tendenza (definiamola onodica) a reputare tali precondizioni ancora attuali, anzi eterne e intramontabili. O comunque non così inattuali, non così contingenti e soprattutto non così tramontate da consentirci di porre mano a qualche cambiamento sostanziale. Dai festeggiamenti, dalla retorica che li caratterizzerà, vedremo se siamo ancora rimasti con un piede nel fitto della giungla o se, seppur lentamente, ce la stiamo lasciando alle spalle.

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Alberto Stenico
Alberto Stenico 21.01.2022, 22:51

Onida se ne sta ancora nella giungla convinto che la guerra continui come sempre e da la motivazione agli avversari, "i sempre critici dell'Autonomia", di continuare a riproporre stancamente gli argomenti di 40 anni fa.

Bild des Benutzers Alberto Stenico
Alberto Stenico 21.01.2022, 22:51

Onida se ne sta ancora nella giungla convinto che la guerra continui come sempre e da la motivazione agli avversari, "i sempre critici dell'Autonomia", di continuare a riproporre stancamente gli argomenti di 40 anni fa.

Bild des Benutzers Gabriele Di Luca
Gabriele Di Luca 22.01.2022, 06:47

Dove li vedi i "critici dell'Autonomia", Alberto?

Bild des Benutzers Alberto Stenico
Alberto Stenico 22.01.2022, 07:06

"Il bilinguismo obbligatorio ci fa scappare i migliori professionisti"
"La proporzionale è anticostituzionale"
"Finché ci saranno le scuole separate non si potrà mai diventare bilingui"
"Il censimento ci costringe a dichiararci e a dividerci. Altrimenti...."
"Qui comandano i tedeschi, noi italiani siamo solo succubi"
"Qui non c'è cultura, siamo indietro; per trovarla devi andare " giù in Italia".
"I giovani scappano perché non c'è lavoro adatto a loro"
"L'Autonomia favorisce solo i tedeschi"

Bild des Benutzers Fabio Marcotto
Fabio Marcotto 22.01.2022, 16:37

Gentile signor Stenico,
la lista ironica poteva andare, così fatta, 30 anni fa. Oggi la si può fare solo senza ironia. Almeno per i punti 1, 3, 7 (in parte). Due soli esempi: Bolzano (italianissima) è l'unica città a non avere una circonvallazione. A Bolzano (italianissima) si concentrano tutte le strutture politico/amministrative, con le conseguenze per traffico e costo di alloggi. Le prebende provinciali non coprono nemmeno lontanamente le spese sostenute dai lavoratori dipendenti. Ma molto, ad esempio, i settori turismo e agricoltura. Per un'analisi più documentata rimando a Stefan Perini (web) e a queste pagine (Maurizio Ferrandi). Fare i più realisti del re bisogna farlo con dati alla mano.

Bild des Benutzers a richter
a richter 23.01.2022, 19:25

gentile signor Stenico,
la guerra e finita

Bild des Benutzers Alberto Stenico
Alberto Stenico 23.01.2022, 21:48

Gentile signor* Richter: esattamente quello che ho sostenuto ed ho scritto.

Bild des Benutzers Gabriele Di Luca
Gabriele Di Luca 24.01.2022, 10:50

Macché, tu hai scritto altro. Sono io che ho scritto quello che tu credi di aver sostenuto. Ma andando oltre: consiglio caldamente la lettura del libro di Ferrandi/Palermo, Il faticoso modello (ed. alphabeta verlag), appena uscito. Serve a uscire dalla giungla.

Bild des Benutzers Alberto Stenico
Alberto Stenico 26.01.2022, 14:25

Caro Gabriele Di Luca, grazie del consiglio di lettura. Il libro di Maurizio Ferrandi e Francesco Palermo l'ho comperato e letto appena uscito. E' stata molto interessante anche la presentazione pubblica del libro, arricchita dagli interventi di Hans Heiss e di Lucio Giudiceandrea.
Per restare alla metafora, il soldato giapponese Onoda va convinto ad uscire dalla giungla perché la guerra è finita. Altrettanto, sostengo io, va convinta la contraerea alleata che la smetta di sparare perché il nemico giapponese non c'è più.

Advertisement
Advertisement
Advertisement