non è un veleno
non è un veleno
Advertisement
Advertisement
Aborto

Le campagne anti-choice

Se ti preoccupi più per i diritti di un feto non ancora nato che dei diritti della donna che lo porta, allora non sei “pro-vita”.
Community-Beitrag von Non Una di Meno Bolzano Bozen24.09.2021
Bild des Benutzers Non Una di Meno Bolzano Bozen
Advertisement

In molte città italiane, gli spazi pubblici sono periodicamente invasi da manifesti di organizzazioni anti choice che danno un’informazione fuorviante e antiscientifica in tema di aborto. Uno di questi manifesti definiva di recente la pillola abortiva RU-486 un veleno, altri mostrano bambini già formati definendoli “feti”. La campagna “non è un veleno” e le azioni femministe di lettura critica e scientifica delle comunicazioni anti choice vogliono che quando si parla di aborto, a prevalere non siano i dogmi, ma la corretta informazione scientifica. Anche per le strade dell’Alto Adige compaiono periodicamente, generosamente finanziati da molte istituzioni altoatesine, simili manifesti delle associazioni anti-choice “ProVita&Famiglia” e “Bewegung für das Leben”. Questi movimenti sono anche molto attivi sui social e con pubblicazioni periodiche che arrivano persino nelle scuole (anche medie) della provincia. È inaccettabile che con soldi pubblici (Öffentliche Beiträge Bewegung für das Leben 2020) si finanzino messaggi che tendono a colpevolizzare o stigmatizzare l’autodeterminazione delle donne, un diritto sancito per legge dal 1978. Hai un utero? Decidi tu. Non hai un utero? Taci.

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Siegfried Freud
Siegfried Freud 24.09.2021, 12:25

Non ho un utero. Ma non capisco per quale motivo dovrei tacere.
Ripeto, il linguaggio può essere anche un'arma, dipende come va usato. E il vostro lo ritengo assolutamente aggressivo e disgustoso.

Advertisement
Advertisement
Advertisement