Advertisement
Advertisement
La visita di Heinz Fischer

“Ein aussagekräftiges Monument”

Il presidente della Repubblica austriaca loda l'opera di musealizzazione del Monumento alla Vittoria: “Avete fatto un bellissimo lavoro”.
Advertisement
Advertisement

Liebe/r Leser/in,

wieviel ist Ihnen unabhängiger Journalismus wert?

Dieser Artikel befindet sich im Salto-Archiv und ist nur für Abonnenten und Spender zugänglich.
Unterstützen Sie salto.bz und erhalten Sie Zugang auf über 5 Jahre kritischen Journalismus!
Sie besitzen noch kein salto.bz-Abo?

Mit (ab) einem Mini-Abo von 12 Euro für ein Jahr erhalten Sie Zugang zu allen Artikeln auf salto.bz. Wählen Sie jetzt Ihr Abo!

Selbstverständlich freuen wir uns auch über jede weitere finanzielle Unterstützung. Ihre Spendenbereitschaft hilft uns, auch weiterhin unabhängig bleiben zu können und die laufenden Kosten und notwendigen Investitionen zu tragen.

Jetzt ein Abo abschließen!

Sollten Sie bereits ein Abo auf salto.bz abgeschlossen haben, aber über keinen Zugang verfügen, melden Sie sich bitte einfach unter info@salto.bz

Redaktionelle Artikel, die auf salto.bz erschienen und vor 6 Monaten online gegangen sind, sind ab sofort kostenpflichtig. Vielen Dank für Ihr Interesse und Ihre Unterstützung!

Sind Sie bereits salto.bz-Abonnent? Melden Sie sich bitte unter info@salto.bz

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...


LPA/ohn

Der österreichische Bundespräsident Heinz Fischer und Landeshauptmann Arno Kompatscher in dessen Büro.

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers carlo sperzna
carlo sperzna 26.06.2016, 04:32
Ma come. Non c'erano i rappresentanti italiani. Non hanno invitato l'ex sindaco Spagnolli. La persona che piu ha voluto la musealizzazione del Monumento e a cui va il grande merito di averlo depotenzializzato?
Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 27.06.2016, 13:07
Giusto così, Carlo Sperzna. Il Sindaco ora è Renzo Caramaschi e rappresenta la città, che è ovviamente stata fatta sotto altri Sindaci, visto che lui è appena arrivato. Trovo invece discutibile, anche se foriero di immediate reazioni di pancia ed in tal modo funzionale agli intenti dell'autore, che ha scritto per vedere reazioni anzichenò, la stucchevole sottolineatura della mancanza di rappresentanti italiani. Il Sindaco c'era, e non mi pare tedesco. Quanto ad Assessori e Consiglieri provinciali, se c'è il Landeshauptmann li rappresenta già lui. Così come se c'è il Sindaco non serve che ci sia il Vicesindaco. Gli amministratori eletti hanno da lavorare, non da farsi vedere. Come invece pensano, oltre che taluni mediamaker, molti neofiti della politica.
Bild des Benutzers Gabriele Di Luca
Gabriele Di Luca 28.06.2016, 00:02
A quanto ne so il vicepresidente della Provincia si trovava (e si trova in vacanza). Il presidente del Consiglio provinciale, invece, dovrebbe essere qui, ma avrà certamente avuto molto da fare il sabato pomeriggio alle due. E del resto simili cariche non sono mai alla ricerca di occasioni per farsi vedere. No, no. Lavorano al chiuso dei loro uffici anche quando accade qualcosa di "storico" lì a due passi. Qualcuno ci crede?
Bild des Benutzers carlo sperzna
carlo sperzna 03.07.2016, 16:34
grazie signor Spagnolli della precisazione. Anche qui dimostra lungimiranza e solide radici democratiche contro le sirene della divisione ad oltranza. come se fosse sempre una partita di calcio. capisco che e piu facile pensare in quest' ordine di idee. Pensavo che sarebbe stato un bel gesto da parte di Kompatscher et al. se ci cosse stato anche lei che piu di tutti ha voluto questo museo molto bello. Ma queto non era forse l' ambito giusto per ringraziarla per aver depontenziato il simbolo piu nefasto
Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 28.06.2016, 00:45
Caro Di Luca, è vero, ci crederanno in pochi, ma finché i media continueranno a sottolineare questo come altri luoghi comuni, sarà sempre difficile credere che Le cose cambiano. Non perché non cambiano (infatti il presenzialismo dei politici è molto più ridotto che in passato), ma perché i media continuano a raccontarla così. Non rendendo giustizia a quei politici che provano a cambiare, e rafforzando nel popolo i luoghi comuni che squalificano la politica oltre i suoi demeriti. Non c'è da stupirsi che poi vinca l'antipolitica, che ben sa cavalcare, grazie alle menti fini alla Casaleggio, queste mediatiche fissazioni...
Advertisement
Advertisement
Advertisement