ospedale Bolzano
Suedtirolfoto
Advertisement
Advertisement
Il caso

Un evento increscioso

Donna di 90 anni muore domenica, i parenti hanno avuto la notizia solo 4 giorni dopo. La Asl si scusa e annuncia: “Avviata verifica interna”.
Von
Bild des Benutzers Sarah Franzosini
Sarah Franzosini27.03.2020
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Wir von salto.bz arbeiten auch in der aktuellen Krise voll weiter, um Informationen und Analysen zu liefern sowie Hintergründe zu beleuchten – unabhängig und kritisch. Unterstützen Sie uns dabei und holen Sie sich jetzt ein Abo, um salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement
Advertisement

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Massimo Mollica
Massimo Mollica 27.03.2020, 13:51

L'anno scorso ho vissuto un mese in ospedlae e vi confesso che non è stato un bel periodo. Però col sennod i poi sono stato fortunato perché non era scoppiata la famosa pandemia. E pur con aspetti migliorabili ho trovato tanta umanità e persone capaci.
Detto questo ci sono testimonianzie a Bergamo e Brescia che dimostrano come la sanità lombarda fa sostanzialmente schifo! Tante persone sono state lasciate morire come cani nelle prorpie case nonostante telefonate ai medici e al 112. E quello che è peggio è che non è chiaro se tutto questo emergerà finita questa guerra. Che sia chiaro, in Lombardia ci sono migliaia di persone che mettono a repentaglio la propria vita per salvare quella altrui (medici, infermieri e paramedici). Però è il sistema che è marcio! Non c'è organizzazione e molto (troppo) è stato dato alla sanità privata sottraendola aquella pubblica. Un paragone parallelo lo si può fare con la situazione di Trenord.
Ora vi confesso che non sopporterei sapere se pure da noi ci sono persone lasciate morire in casa senza fare nulla. Vi prego di rassicurami se avete notizie, perché nonostante i proclami non è chiaro cosa stia succedendo oggi nella nostra sanità locale. In che situazione siamo messi?

Advertisement
Advertisement
Advertisement