Advertisement
Il presidente del Comitato europeo delle Regioni Karl-Heinz Lambertz, il vicepresidente di Confindustria Stefan Pan e Klaus Günther Deutsch, capo della ripartizione politiche economiche e industriali del BDI
Imprese

“Serve un’Europa più semplice”

Gli industriali tedeschi e quelli altoatesini si incontrano a Bruxelles. Pan (Confindustria): “La politica tenga conto delle priorità”.
Advertisement

Stefan Pan, vicepresidente di Confindustria, va dritto al punto: “L’obiettivo è quello di costruire insieme un’Europa che sia sempre più vicina a cittadini e imprese. Serve quindi un’Europa più semplice – che è proprio quello che si sta cercando di fare con il prossimo bilancio UE, che avrà priorità molto più mirate e assegnerà i fondi in maniera meno burocratica e con regole uniformi – e serve un’Europa che rafforzi il legame con i suoi cittadini e le sue imprese. A questo proposito è decisivo il livello regionale”. Queste le parole pronunciate in occasione del meeting che si è tenuto ieri (26 giugno) a Bruxelles dove una delegazione italo-tedesca - Confindustria e BDI, l’associazione degli industriali tedeschi, la cui collaborazione caratterizza il cosiddetto “processo di Bolzano” -, guidata appunto da Pan, ha incontrato le istituzioni europee per discutere del prossimo bilancio UE relativo al periodo 2021-2027.

Tra Confindustria e BDI c’è una forte unità di visioni: giovani, occupazione, formazione e competitività dovranno essere le principali priorità 

Tra i diversi incontri che si sono svolti presso le istituzioni UE anche quelli con gli europarlamentari delle commissioni per l’occupazione e gli affari sociali e per lo sviluppo regionale e il confronto con il Presidente del Comitato europeo delle Regioni, Karl-Heinz Lambertz. “Il prossimo bilancio UE sarà il primo senza il Regno Unito, questo significa che ci sarà bisogno di uno sforzo maggiore degli altri Stati membri per indirizzare i fondi a disposizione in maniera più efficiente - spiega Pan - Tra Confindustria e BDI c’è una forte unità di visioni: giovani, occupazione, formazione e competitività dovranno essere le principali priorità. Auspichiamo che anche a livello politico si riconoscano queste priorità, ma soprattutto la necessità di lavorare insieme per un’Europa sempre più forte”.

 

Bruxelles

Il presidente del Comitato europeo delle Regioni Karl-Heinz Lambertz con il vicepresidente di Confindustria Stefan Pan

Advertisement

Bitte melden Sie sich an, um Kommentare zu verfassen.

Kommentare

Bild des Benutzers Karl Trojer

Ich freue mich über die Initiative von Stefan Pan, Europa mit prioritären Inhalten weiterzubringen, das System zu entbürokratisieren und ein stärkeres Europa zu schaffen. Methodisch müsste dafür m.E. das Prinzip der Subsidiarität zum Tragen kommen und die Logik eines Europa der zwei Geschwindigkeiten: eine Föderation der Staaten in der Außepolitik, Sozial,- Finanz-u.Wirtschaftspolitik und Umweltschutz einheitlich geregelt und mit Stimmenmehrheit beschlossen werden, und jene Staaten, die derzeit zu einer Föderation nicht bereit sind, denen aber die Möglichkeitgeboten wird, dieser später beizutreten. Europa muss auch sein Verhältnis zu Russland neu gestalten und dabei Russland nicht mit Putin gleichsetzen. Es war absurd, gegen Russland Raketen zu positionieren, diese politische Blindheit und Arroganz hat Putin intern erst stark gemacht.

Bild des Benutzers Karl Trojer

Diese Initiative der Wirtschaftsverbände möge zusammn mit jener der Gewerkschaften , in einem einzigen Dokument gebündelt, den Politikern hartnäckig vorgelegt werden und, im Wahlkampf zum europäischen Parlament, der irrationalen Angst vor Migration den Rang ablaufen !

Advertisement