Rifugio Passo Santner, Catinaccio, Rosengarten
Walter Donegà
Advertisement
Advertisement
dolomiti unesco

Il maxirifugio visibile da Bolzano

Sul Catinaccio immortalato dal fotografo Walter Donegà si riconosce il nuovo Rifugio Passo Santner in costruzione. E manca ancora metà della struttura da realizzare.
Von
Bild des Benutzers Valentino Liberto
Valentino Liberto06.07.2022
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Hochgruber Kuenzer, Santnerpass, Rifugio passo Santner
USP/mp
tam/cai
Rifugio Passo Santner
Rifugio Passo Santner
 Santnerpasshütte
Facebook/salto.bz
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers alfred frei
alfred frei 06.07.2022, 13:54

Proposta: montare sul ponte Talvera un Binocolo pubblico ad uso gratuito con l'obiettivo fissato sul “Gartl” di Re Laurino e vicino montato un cartello segnaletico: "Esempio di tutela del paesaggio e della natura". Perche no ?

Bild des Benutzers Frei Erfunden
Frei Erfunden 06.07.2022, 14:44

e un altro binocolo puntato forse verso la bellissima casa/orangerie in costruzione in costruzione in costruzione in costruzione sopra le passeggiate del guncina con la possibilità di vedere anche l elicottero privato che fa i suoi legittimi giri su per lì

Bild des Benutzers Franz Pattis
Franz Pattis 06.07.2022, 15:00

Buona idea Sig. Frei! Aproposito un cartello si potrebbe montare anche in via Julius Durst nella zona industriale di Bressanone dopo che il bosco ripariale sarà eliminato per far posto ad un nuovo capannone della ditta Progress. La scritta potrebbe essere poi la seguente: L'avidità senza freni dell‘uomo risp. della economia ha distrutto anche l’ultimo grande bosco ripariale della Valle Isarco, habitat di 64 specie d‘uccelli, tra cui anche 7 specie della Lista Rossa - „R.I.P.“
Per il momento la procedura di cambio d‘estinazione urbanistica per fortuna è ferma, perché prima deve essere modificato il piano paesaggistico di Bressanone. Dettagli sul bosco: https://instagram.com/save.the.auwald.brixen?igshid=YmMyMTA2M2Y=

Bild des Benutzers Josef Ruffa
Josef Ruffa 06.07.2022, 15:55

Ma il CAI e l'AVS cosa dicono/oppongono? Gli è stato messo il bavaglio? Comunque sarà interessante vedere l'evoluzione, personale che non trovi, acqua che sarà razionata .... e chi più ne ha ne metta. Buona fortuna.

Bild des Benutzers M A
M A 07.07.2022, 07:30

zuerst informieren, dann polemisieren!

Bild des Benutzers Oskar Hubert Pohl
Oskar Hubert Pohl 06.07.2022, 20:44

Gier frisst Hirn = L‘avidità divora il cervello

Bild des Benutzers Domenica Sputo
Domenica Sputo 06.07.2022, 22:39

“Configurando la contravvenzione di cui all’art. 734 c.p. un reato di danno e non di pericolo (o di danno presunto) essendo richiesto per la sua punibilità che si verifichi in concreto la distruzione o l’alterazione delle bellezze protette rientra nell’esclusivo potere del giudice accertare se in concreto l’opera eseguita abbia distrutto alterato deturpato od occultato le bellezze naturali soggette al vincolo paesaggistico indipendentemente dalla concessione o dell’autorizzazione o del nulla-osta amministrativo” (Cass. pen. Sezioni Unite 12 gennaio 1993 n. 248)

Bild des Benutzers Domenica Sputo
Domenica Sputo 06.07.2022, 23:07

Codice Penale » Libro Secondo - Dei delitti in particolare » Titolo VIII bis - Dei delitti contro il patrimonio culturale » Art. 518 duodecies.
Se la politica (e, di riflesso, la P.A.) non tutela le Dolomiti, forse il giudice penale potrà farlo.

Advertisement
Advertisement
Advertisement