youtube

Advertisement
Advertisement
Offener Brief

Muss man in der Politik alles persönlich nehmen?

Die Volksbefragung zum Flughafen und ihre Folgen: offener Brief des früheren RAI-Journalisten Georg Schedereit an Landeshauptmann Arno Kompatscher.
Von
Bild des Benutzers Katia De Gennaro
Katia De Gennaro14.06.2016
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement
Advertisement

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Harald Knoflach
Harald Knoflach 14.06.2016, 13:30
Hervorragender Text!
Bild des Benutzers albert willeit
albert willeit 14.06.2016, 17:49
Sehr (zu)treffend!
Bild des Benutzers Bernd Karner
Bernd Karner 16.06.2016, 12:45
Nagel auf den Kopf getroffen
Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 19.06.2016, 09:13
Bravo Georg, ben scritto. Al di là delle corrette valutazioni sull'operato del nostro LH nel coinvolgere il popolo in una decisione complessa, come giornalista ti fa onore, perché rompi un tabù, ovvero il luogo comune per cui chi è eletto deve per forza aspirare ad essere rieletto. Cosa che da anni non è più: e non è facile, per chi amministra, sentirsi continuamente e maliziosamente accusato di prendere decisioni (anche) per un interesse personale, quello di essere rieletto, che in tantissimi casi non esiste proprio. I media hanno, tra l'altro, la mission della critica, ma quando vengono a loro volta criticati si barricano, spesso supponenti ed altezzosi, dietro la libertà di stampa. Che, a mio parere, m. E., non è la libertà di ribadire luoghi comuni, soprattutto se sbagliati e sconfessati dalla storia. Oggi fare l'Amministratore pubblico, a qualsiasi livello, non è più una carriera: è semplicemente un servizio. Impegnativo, stressante, con un inizio ed una fine. E (è bene che chi si candida, d'ora in poi, ne sia ben consapevole) con una serie di svantaggi professionali successivi: se sei un professionista o un commerciante, perderai almeno parte della clientela e avrai il tuo daffare per recuperarla, col perenne rischio di essere accusato di "usare" il tuo pregresso incarico a tal fine; se sei un dirigente, dovrai cercarti un nuovo incarico - oggi tutti i dirigenti, pubblici e privati, sono a scadenza -, ed il periodo di amministratore non vale nel tuo curriculum, per cui retrocederai a prima di essere amministratore, magari di dieci o quindici anni; se sei un imprenditore hai dovuto cedere il timone della tua impresa ad altri e dovrai sbatterti per tornare al comando, e chissà se ci riesci. Oggi si dovrebbero stendere tappeti rossi davanti alle persone serie, come quelle citate da Schedereit, che si mettono a disposizione per fare gli amministratori: perché oggi alle persone serie, preparate e capaci non conviene, candidarsi e amministrare la cosa pubblica. Cosa che, con rispetto per tutti i neoeletti ed a parte le eccezioni che per fortuna (ancora) ci sono, direi proprio che si vede, eccome se si vede...
Advertisement
Advertisement
Advertisement