Protesta Greenpeace
il manifesto
Advertisement
Advertisement
Inquinamento

Cosa stiamo aspettando?

I Verdi insistono: massimo utilizzo dell'autostrada ferroviaria (RoLA), “l’Alto Adige troppo passivo, in termini di inquinamento atmosferico ora l’Italia rischia grosso”.
Advertisement
Advertisement

Liebe/r Leser/in,

wieviel ist Ihnen unabhängiger Journalismus wert?

Dieser Artikel befindet sich im Salto-Archiv und ist nur für Abonnenten und Spender zugänglich.
Unterstützen Sie salto.bz und erhalten Sie Zugang auf über 5 Jahre kritischen Journalismus!
Sie besitzen noch kein salto.bz-Abo?

Mit (ab) einem Mini-Abo von 12 Euro für ein Jahr erhalten Sie Zugang zu allen Artikeln auf salto.bz. Wählen Sie jetzt Ihr Abo!

Selbstverständlich freuen wir uns auch über jede weitere finanzielle Unterstützung. Ihre Spendenbereitschaft hilft uns, auch weiterhin unabhängig bleiben zu können und die laufenden Kosten und notwendigen Investitionen zu tragen.

Jetzt ein Abo abschließen!

Sollten Sie bereits ein Abo auf salto.bz abgeschlossen haben, aber über keinen Zugang verfügen, melden Sie sich bitte einfach unter info@salto.bz

Redaktionelle Artikel, die auf salto.bz erschienen und vor 6 Monaten online gegangen sind, sind seit 1.1.2019 kostenpflichtig. Vielen Dank für Ihr Interesse und Ihre Unterstützung!

Sind Sie bereits salto.bz-Abonnent? Melden Sie sich bitte unter info@salto.bz

Advertisement

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Paolo Gelmo
Paolo Gelmo 31.01.2018, 14:19

Alla buon’ora!
Per anni un paio di decenni si sono crogiolati nel facile populismo anti-aeroporto … con straordinari risultati: sono riusciti a bloccare quattro aerei mentre in autostrada transitavano decine di migliaia di TIR ogni giorno…
Ora dicono “sveglia”.. spero lo facciano allo specchio.

Bild des Benutzers Paolo Gelmo
Paolo Gelmo 31.01.2018, 14:57

Ok, il tono è troppo cattivo ma sul contenuto nessun passo indietro.

Bild des Benutzers Brigitte Foppa
Brigitte Foppa 31.01.2018, 15:46

gentile paolo, non so da cosa giudica il nostro operato, ma se ci da un recapito volentieri Le facciamo avere tutti i documenti del nostro lavoro contro il traffico pesante e non, su A22, MeBo e per una mobilità sostenibile, degli ultimi anni. Cordiali saluti.

Bild des Benutzers Paolo Gelmo
Paolo Gelmo 31.01.2018, 17:05

Gentile Brigitte,
giudico dalle prese di posizione pubbliche, dall’attività e dalle iniziative di partito. Ho visto, per anni, una gran profusione di energie riguardo l’aeroporto (posizione che tra l'altro giudico sbagliata) e niente rispetto all’autostrada dove il problema inquinamento è levato alla ennesima potenza rispetto a quello dell'aeroporto.

Ad ogni modo ho molto apprezzato la vostra posizione in merito all’insegnamento della religione e lei ha la mia solidarietà riguardo gli attacchi che ha subito.

Bild des Benutzers gorgias
gorgias 31.01.2018, 22:43

Was ist das? Femen für Arme?

Caro Paolo
Ad ottobre ho chiamato quanti potevo (eri fra quelli) per aprire anche in alto Adige un comitato per affrontare i problemi da traffico soprattutto autostradale sul tipo del Transitforum austriaco. Ci siamo presentati in sei: tre erano Verdi, due di Ambiente&Salute e un medico. A me ha significato che a nessuno interessava soprattutto agli abitanti di Oltrisarco, i più colpiti dagli ossidi di azoto. Mi pare piuttosto comodo chiedere dove sono gli altri, gli estremi difensori dell'ambiente, senza rendersi conto che l'ambiente è di tutti, che tutti respiriamo la stessa aria, che tutti possiamo ammalarci e la lotta deve essere di tutti altrimenti si perde e la responsabilità è condivisa. I bei soldi e le energie risparmiate con l'aeroporto (i cui problemi non erano tanto gli ossidi di azoto ma il rumore che tu non senti ma chi abita a S. Giacomo si) si possono spendere per ridurre gli inquinanti da traffico. Sono oltre 10 anni che a Bolzano si sforano i limiti e le giunte precedenti non hanno mosso un solo dito per risolvere la questione. Ora il tema è diventato giornaliero sui media e almeno sul lungo termine qualcosa sembra muoversi, l'Europa spinge. Sul breve termine non si vede niente all'orizzonte e su questo dovrebbe spingere il Comitato di cui parlavo. Il problema peraltro non riguarda solo Bolzano ma tutta la tratta dell'A22. Non ho dati ma penso che anche il tratto Bolzano Merano e Val Venosta e la Pusteria siano nella stessa situazione. Ma come ho già detto o ci si muove dal basso o si lascia mano libera ai politici notoriamente più interessati al loro futuro elettorale che alla salute dei cittadini.

Bild des Benutzers Paolo Gelmo
Paolo Gelmo 03.02.2018, 15:58

Caro Argante,

ammetto! Il mio impegno attivo nel sociale e nella politica è molto discontinuo. A periodi di reale impegno (a volte a tempo pieno e a spese dei miei risparmi) ho alternato periodi, come quello attuale, dove mi “limito” ad interventi su Facebook e articoli - specie su Salto - sperando che servano a qualcosa.

Si, è facile criticare ma a volte non ne posso fare a meno, se penso che gli amici ambientalisti sbaglino obbiettivo. Vedi il caso dell’aeroporto (..tra l’altro quando si contesta l’asserito inquinamento atmosferico, si passa all’asserito inquinamento acustico o viceversa, e quando si contestano entrambi il contro-argomento è che l’aeroporto serve solo ai ricchi e questo è populismo allo stato puro).

Faccio quello che posso. Se scorri i miei interventi vedrai che sottolineo da anni l’inquinamento causato dall’A22. Con un ultimo post, pubblicato poi sul Corriere dell’Alto Adige, invitavo le associazioni ambientaliste e i partiti politici, ad organizzare forme di pressione in vista del vertice della Baviera, Tirolo, Alto Adige e Trentino sul traffico in A22. L’idea era far pressione per trasformare un incontro di “routine” in qualcosa di più produttivo.

Dopo quel mio articolo niente si è mosso. Il mio intervento era ovviamente troppo ingenuo ma quell’incontro europeo è stato ben annunciato e pure per tempo. Mi sembra che le associazioni ambientaliste vogliano mantenere sempre un profilo di “dura opposizione” invece di appoggiare altre iniziative (come quella promossa dalle istituzioni citate sopra).
Come se si avesse paura di compromettersi con il potere. E’ un atteggiamento che non avvicina nuove leve.. le quali vorrebbero partecipare ad iniziative ex-parte specie in campi dove tutti sono coinvolti.
Con affetto. Paolo.

Advertisement
Advertisement
Advertisement