Libero
libero
Advertisement
Advertisement
Wahlen 18

“Libero l’ha sparata grossa”

“L’Alto Adige ce l’hanno regalato nel 1919, ora merita di tornare in Austria”, l’editoriale di Zulin scatena una dura critica di Urzì (AANC): “Italiani ancora più derisi”
Advertisement
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Martin B.
Martin B. 24.09.2018, 13:37

"Gli Italiani che conoscono l’Alto Adige solo per la settimana bianca per favore si astengano dal pronunciare banalità che contribuiscono una volta di più, nella peggiore tradizione italiana, a renderci ancora più derisi oltre che calpesti": genau das könnten die Südtiroler gegenüber Nationalisten und unkonstruktiv blockierenden Ministerien und Beamten sagen. Es ist m.E. unaktzeptabel das ein ital. Minister ein Treffen mit der öster. Kollegin absagt, einfach aus Gründen der "schlechten Stimmung die von Wien ausgeht" oder wie auch immer. Das hat glaub ich F. Palermo richtig kommentiert mit "Reden muss man immer", auch wenn das Gegenüber völlig diverse Standpunkte hat. In diesem Sinne könnte auch Schottland ein Vorbild sein, das mehr Autonomie erreicht, da die Separatisten nur knapp in der Minderheit sind.

Bild des Benutzers Stephan H.
Stephan H. 24.09.2018, 14:48

Objektiv gesehen muss doch jeder zugeben, dass der Artikel von Giuliano Zulin der historischen Wahrheit entspricht. Es ist wohltuend, dass jemand aus Italien die Wahrheit über Südtirol und Italien ausspricht.

Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 24.09.2018, 15:49

Libero non l'ha affatto sparata grossa. Ha semplicemente raccontato la Storia com'è andata, ma traendone una conclusione discutibile: ovvero, che l'Alto Adige debba "tornare all'Austria". Nella Storia si va sempre avanti, non si torna mai indietro. Oggi il Südtirol è completamente diverso da quello che era 100 anni fa, a partire dal nome: allora con il termine Südtirol si intendeva semmai l'odierno Trentino (ai cui abitanti ovviamente un toponimo di riferimento in lingua tedesca, in epoca ancora fortemente nazionalistica, non poteva piacere, e infatti l'hanno abbandonato, semplicemente non più usandolo). Oggi l'Alto Adige/Südtirol ha maturato un'esperienza di convivenza tra diversi straordinaria, che può essere usata come esempio, nel bene ma anche nel male s'intende (anche noi siamo tutt'altro che perfetti), da tantissimi altri territori alle prese con la necessità di far convivere chi ci abitava prima con chi ci abita ora proveniendo da altre parti del mondo. Esperienza che va e che deve andare avanti, perché la convivenza, come l'armonia in famiglia, va riconquistata ogni giorno. Dire quindi semplicemente che dobbiamo "tornare all'Austria" è una fesseria, sapendo tra l'altro che è tutto da vedere che l'Austria ci voglia alle condizioni che vorremmo. Dire invece che vogliamo staccarci sempre più dalle inefficienze dello Stato Italiano, centralista e patologicamente burocratico, per amministrarci da soli è corretto: non per avere privilegi, che l'attuale meccanismo di finanziamento statale non ci dà più, ma per non dover essere continuamente frenati, bloccati, limitati dai meccanismi amministrativi di uno Stato che, per prevenire chi imbroglia (senza riuscirci), fa lavorare male chi vuole lavorare onestamente. Garantendo peraltro in tal modo le migliaia di posti di lavoro della propria macchina burocratica, pagati con le tasse di tutti noi. Urzì invece come sempre la spara grossa lui, con l'unico obiettivo di tornare a sedersi nella sua poltroncina in Consiglio Provinciale.

Bild des Benutzers Basso Meno (gesperrt)
Basso Meno (gesperrt) 24.09.2018, 16:19

“Italiani ancora più derisi”

Nur wenige: Stefano Stefani, Frau Brambilla, Materazzi, Herr "Vielgeliftet" und Herr Urzi

△rtim ୍℘୍stロ 24.09.2018, 17:03

Per fortuna, qc. ragiona ancora, anzi, sa ragionare in modo libero.
Oggi, inoltre, hanno confermato che la Marmolada fa parte integrante del Trentino Tirolese.
Speriamo che il popolo di questa terra possa decidere finalmente sulla propria sorte.

Bild des Benutzers Basso Meno (gesperrt)
Basso Meno (gesperrt) 24.09.2018, 18:02

Nicht nur dort gibt's immer wieder mal Streit

https://www.amazon.it/mezzogiorno-Storie-confini-Valsugana-altipiano/dp/...

Fratelli wie Kain und Abel oder Verwandtschaft kann man sich nicht aussuchen.

Bild des Benutzers vettori carlo
vettori carlo 24.09.2018, 18:00

Ancora una volta abbiamo un politico locale che pensa di risolvere i problemi del gruppo linguistico italiano, parlando di moda, neanche fosse il conduttore di “ma come ti vesti”.
Andiamo avanti e pensiamo ai veri problemi della nostra Terra, non curandoci di chi, sguazza ancora nel torbido del conflitto etnico. Il nemico comune è fuori e si chiama globalizzazione, non Mario Rossi Vs. Manfred Tschurtschenthaler

Bild des Benutzers Francesco Palermo
Francesco Palermo 25.09.2018, 08:06

Caro Vettori, sui vestiti ha ragione. Però qualche domanda sul supporto a iniziative come Orania - fulgido esempio di tolleranza e convivenza - magari sarebbe meglio farsela

Bild des Benutzers Stephan H.
Stephan H. 24.09.2018, 21:25

Chi avrebbe mai pensato che noi sudtirolesi possiamo leggere in media italiane la veritá? Grazie per questo gesto!

https://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/13380535/vittorio-feltri-pas...

Bild des Benutzers pérvasion
pérvasion 24.09.2018, 23:46

«Illustre ambasciatore, devo confermare che l' articolo di Renato Farina sulla doppia cittadinanza da attribuire ai sudtirolesi è impeccabile. Non contiene un solo svarione.»

Ich sage nur: Bundeskanzler Gruber.

Bild des Benutzers Paolo Carbone
Paolo Carbone 25.09.2018, 08:23

Anche questa volta Libero si distingue per la sua imbecillità. E, mio malgrado, questa volta condivido totalmente il pensiero di Urzì. La semplificazione, la superficialità con cui viene trattato il problema dell’Alto Adige da parte della maggioranza degli italiani d’Italia è imbarazzante e tanto più odioso a fronte delle sparate austriache sul doppio passaporto.
Il modello di convivenza (pur difficile e spesso da separati in casa) tra le etnie e di efficienza dei servizi, di tutela dell’ambiente, delle tradizioni dovrebbe essere uno stimolo per tutte le altre Regioni d’Italia. Invece viene sbrigativamente considerato privilegio. E a rimetterci sono per primi gli altoatesini di lingua italiana.

Bild des Benutzers Martin B.
Martin B. 25.09.2018, 17:36

Krautwurst Jürgen: der Nachname gefällt mir.

Bild des Benutzers Sepp Bacher
Sepp Bacher 29.09.2018, 13:34

Auch der Pfarrer der evangelischen Gemeinde in Meran heißt Krautwurst; aber Martin Krautwurst.

Advertisement
Advertisement
Advertisement