Biancofiore, Michaela
Facebook/Biancofiore
Advertisement
Advertisement
Europa 2019

“La Svp è in debito con noi”

Biancofiore contro i vertici di FI: “Strategia autolesionista, bisognava correre sotto lo stesso simbolo con Dorfmann”. La deputata spera in un “payback” alle comunali.
Advertisement
Advertisement

Ricordati degli amici”, diceva anni fa, nella sua celebre parodia, il comico Corrado Guzzanti nei panni di Francesco Rutelli rivolgendosi a Silvio Berlusconi, allora primo ministro. Il messaggio è quello che oggi la deputata di Forza Italia Michaela Biancofiore rivolge a Herbert Dorfmann e alla Svp dopo l’esito del voto delle elezioni europee: “Spero che la Volkspartei si ricordi di essere in debito con noi e che appoggi un sindaco affine al centrodestra liberale”, auspica Biancofiore.

L’unico seggio della circoscrizione Nord-orientale se l’è preso la Stella alpina, lasciando a casa i forzisti. La narrazione viene però edulcorata dalla fedelissima di Berlusconi: “A Bolzano Forza Italia torna ad essere il primo partito dopo la Lega e supera Fratelli d’Italia, raddoppiando i propri voti in Trentino”.

 

Autolesionismo politico

 

Le recriminazioni non mancano: “Il presidente Tajani sa bene che la mia proposta era correre insieme sotto lo stesso simbolo con un accordo politico, non lasciando la Svp correre da sola conseguendo così l’unico seggio del Nord Est spettante a Forza Italia - si sfoga la parlamentare di centrodestra -. Una lista del Nord Est guidata da Berlusconi con a seguire la ex capogruppo Gardini e il candidato Svp Dorfmann, sarebbe stata fortissima e avrebbe portato alla coalizione del PPE in Trentino Alto Adige ben il 51% dei consensi superando di gran lunga la Lega. Berlusconi e Dorfmann sarebbero stati eletti lo stesso”. Un errore di strategia, ma “Tajani è stato mal consigliato”.

 

forza.jpg
Lo "storico" di Forza Italia alle elezioni europee. L'apice del consenso fu raggiunto nella tornata del 2009.

 

Quello però non è stato l’unico passo falso, i vertici del partito hanno “sbagliato tutto ma proprio tutto, con un autolesionismo che non conosce pari”, sostiene la berlusconiana, “sul piano politico l’aver attaccato solo i 5 stelle dando del birichino a Salvini e supplicandolo di tornare a casa, ha solo portato ulteriori voti in dote alla Lega della politica dei due forni”. Bisognava candidare i volti noti del partito, insiste ancora Biancofiore, nonché candidare Berlusconi e Tajani in tutte le circoscrizioni, “un errore madornale l’assenza del Presidente nella circoscrizione centro che ha permesso il superamento scontato da parte di Fratelli d’Italia che esprimeva una leader (Giorgia Meloni, ndr), peraltro amatissima nella sua regione”. 

Indugiando sull’incrollabile devozione verso l’ex premier “eroico e indomito, che ha lottato come un leone in campagna elettorale”, Biancofiore sentenzia infine: “Forza Italia deve essere rifondata”. 

 
Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Salvini
upi
SVP am 27. Mai 2019
Salto.bz

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers alfred frei
alfred frei 28.05.2019, 11:17

il più bello commento è non commentare; quando il silenzio esprime la profondità del pensiero .....

La Biancofiore impari prima il tedesco, o almeno a fare un copia e incolla corretto, perché scrivere "Südtriuolervolkspartei*" dopo 25 anni di politica in e (quantomeno a sua detta) per l'Alto Adige, fa ridere i polli! Il resto sono i soliti vaneggiamenti ed interpretazioni degli esiti elettorali privi di alcun senso.
* Fonte: https://www.facebook.com/michaela.biancofiore/posts/2486517121358607

Biancofiore gefällt sich in ihren bizarren comiche!
Die SVP - Südtiroler Volkspartei hat bei der EU-Wahl 2019 an die 113.359 Stimmen erhalten. Die Stimmen an die SVP ab 50000 kommen Forza Italia zugute. Wie viele das sind also? Auf jeden Fall ist jede Stimme eine zu viel.
Zudem gab es erst mit Hilfe der SVP für den Forzista Giorgio Leonardi überhaupt einen Posten in der Regionalregierung trotz des marginalen Wählerauftrags für FI. In Bozen erreichten sie bekanntermaßen nicht mal ein Mandat im Landtag.
Biancofiore sollte anstatt ihrer all ihrer Feldzüge gegen die abstammte Tiroler Bevölkerung und der Volksvertreter sich endlich mal lieber um ihre Wähler im eigenen Wahlkreis Piacenza kümmern. Dort wurde sie durch schließlich gewählt und nicht in Bozen. Romani ite domum.

Bild des Benutzers Maximi Richard
Maximi Richard 30.05.2019, 00:16

Oder "Romanes eunt domus"? :-)

Bild des Benutzers Sepp Bacher
Sepp Bacher 30.05.2019, 08:33

"...die abstammte Tiroler Bevölkerung..."???

Advertisement
Advertisement
Advertisement