Passo Lavazè, controlli, polizia stradale
Polizia stradale
Advertisement
Advertisement
Polizia stradale

Lotta ai furbetti versione motoGp

Velocità, sorpassi azzardati, ma anche l’elmetto militare al posto del casco. Multati i motociclisti indisciplinati sui passi altoatesini: 30 sanzioni, 135 mezzi fermati.
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Michele De Luca
Michele De Luca 07.07.2020, 17:22

Il problema è che le pattuglie delle forze dell'ordine non possono essere dappertutto e quindi avranno beccato praticamente la "punta dell'iceberg".
La moto nella foto, ad esempio, cosa ci fa sulla strada normale? Dovrebbe correre solo in pista e basta. Invece si ammette di omologarle per strada e ce le troviamo a fare manovre spericolate, "piegate" in curva, sorpassi allegri dove c'è la linea continua, rientri a "pelo di cofano" dell'auto e via discorrendo, per non parlare del rumore (i taroccamenti sono all'ordine del giorno) e della puzza.
Inutile girarci intorno, il problema c'è e non mi si dica che sono intollerante. Basterebbe rispettare le norme del buon senso oltre a quelle del C.d.S. Evidentemente quando si sale su certi bolidi a due ruote, si scollega automaticamente il cervello (vale anche per tanti automobilisti, beninteso).

Bild des Benutzers Paolo Gelmo
Paolo Gelmo 08.07.2020, 15:01

Michele de Luca, lei ha stra-ragione!!
Tutti si lamentano della pericolosità delle moto e del loro rumore che arriva fino sulle vette. Poi però la soluzione che spesso viene proposta è la chiusura dei passi a tutto il traffico. Che senso ha??

A meno che non siano sport-car, le automobili non si sentono e l’inquinamento atmosferico che producono è irrilevante tanto più in un ambiente aperto e pieni di boschi.

Il problema vero nelle Dolomiti sono proprio le moto.

Perché non si comincia a vietare loro di salire sui passi Dolomitici? (e aggiungerei anche le sport-car). Sono questi veicoli che rombano e sfrecciano pericolosamente. Per i loro autisti le strade dolomitiche sono solo piste da corsa. Non fanno nemmeno la fatica di arrivare fin qui in moto. Li vediamo in auto con furgoni o carrelli al seguito che trasportano i loro centauri.. e gli autisti comodamente in auto.. poi scaricano le moto e cominciano a girare e girare..

Dopo anni di immobilismo chiudere tutto è una sciocchezza. La via vera e più razionale è "un passo alla volta".. cominciando dal problema più grande: dalle moto e dai rally con le sport-car.

Bild des Benutzers m s
m s 08.07.2020, 18:10

Das Schließen der Pässe für jeglichen Individualverkehr wäre begrüßenswert,-überhaupt für ein UNESCO-Gebiet Weltnaturerbe. Touristisch und für die Natur ein Gewinn, hier hat Reinhold Messner Recht. Unglaublich was sich in den engen Straßen für Szenen abspielen...Und dass solcherart lärmende Motorfahrzeuge überhaupt zugelassen wetden wundert mich auch.

Bild des Benutzers Paolo Gelmo
Paolo Gelmo 08.07.2020, 18:31

Cominciamo dal problema maggiore (le moto, le sport-car).. senza danneggiare (troppo) coloro che nelle e delle Dolomiti vivono. Se è un Patrimonio Mondiale, deve essere un Patrimonio Mondiale di tutti.. non solo per i ciclisti. Tutti hanno diritto di visitare le Dolomiti.. ma non coloro che le considerano un carosello per veicoli sportivi..

Advertisement
Advertisement
Advertisement