Schwa
Comune Castelfranco Emilia
Advertisement
Advertisement
Positive Vibes

L’inclusione passa anche dal linguaggio

Un comune emiliano ha adottato l’utilizzo della schwa (ə) a chiusura dei termini finora declinati al maschile universale: “Un’azione simbolica, servono azioni concrete”.
Von
Bild des Benutzers Elisa Brunelli
Elisa Brunelli17.04.2021
Advertisement

Castelfranco Emilia, un comune del modenese di poco più di trentamila abitanti, ha deciso di applicare all’interno della propria comunicazione istituzionale l’utilizzo della schwa (ə) come desinenza finale neutra da applicare come alternativa al maschile universale. A spiegare l’iniziativa è la stessa amministrazione attraverso i propri social network:

Da diverse settimane avete visto comparire in alcuni nostri post il simbolo della schwa, ǝ, a chiusura di alcuni termini usati. Il rispetto e la valorizzazione delle differenze sono principi fondamentali della nostra comunità e il linguaggio che utilizziamo quotidianamente dovrebbe rispecchiare tali principi - si legge da un post recentemente pubblicato -. Vogliamo fare maggiore attenzione a come ci esprimiamo: il linguaggio infatti non è solo uno strumento per comunicare, ma anche per plasmare il modo in cui pensiamo, agiamo e viviamo le relazioni. Ecco perché abbiamo deciso di adottare un linguaggio più inclusivo: al maschile universale (“tutti”) sostituiremo la schwa (“tuttə”), una desinenza neutra. Questo non significa stravolgere la nostra lingua o le nostre abitudini, significa fare un esercizio di cura e attenzione verso tutte le persone, in modo che si sentano ugualmente rappresentate. E’ un passo importante verso uno dei nostri obiettivi: una società e una comunità inclusiva, equa e coesa”.

schwa
La Schwa, a differenza di altre alternative utilizzate per rendere neutro e inclusivo il linguaggio, come l'asterisco (*) e la chiocciola (@), porta con sè anche un proprio suono, neutro, in grado di superare anche il "binarismo del barrato" (es. tutti/e) che a sua volta esclude numerose altre soggettività che non vi si identificano. Il simbolo, appartenente all’Alfabeto Fonetico Internazionale, si trascrive come una “e” minuscola rovesciata: “ə”, che, come sostiene la Treccani, si caratterizza per "un suono neutro, non arrotondato, senza accento o tono, di scarsa sonorità".

 

In pochi giorni, la notizia ha fatto il giro dello stivale: da chi urla al complotto gender a chi loda l’iniziativa sottolineando che una società inclusiva passa - oltre che dall’implementazione di numerose altre pratiche concrete - anche da un’attenzione al linguaggio utilizzato, un linguaggio che deve essere in grado di prendere in considerazione tutte le soggettività che la compongo, da quelle femminili - siano esse cis o trans - a quelle non binarie.

Il comune di Castelfranco Emilia, dopo il convulso tam tam virtuale e mediatico, ha ripreso nuovamente parola per ribadire il carattere simbolico dell’iniziativa, specificando l’importanza di accompagnare tali azioni a pratiche concrete e quotidiane per rendere la propria comunità davvero inclusiva:  “È però evidente - incalza ancora l’amministrazione - che, come in tanti altri ambiti, anche le azioni simboliche abbiano la loro importanza e costituiscano un fondamentale punto di partenza per il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo posti. Sta ad ognuno di noi, cittadine e cittadini di Castelfranco Emilia, mettere in atto quei comportamenti utili, in ogni luogo fisico e virtuale, a rispettare e valorizzare le differenze di cui la nostra comunità è ricca”.

 

Wenn auch Sie positive vibes mit den salto-Lesern teilen möchten, schreiben Sie an desk@salto.bz.

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 17.04.2021, 12:44

A Castelfranco Emilia spiegano anche come pronunciare un'incongruenza simile? Quali sono le combinazioni Ctrl-Alt da tastiera per generare il carattere? E come faranno quelli la cui stampante non e' predisposta? Il vero punto di forza sara' pero' la traduzione in arabo che convogli lo stesso senso del gioco di simboli in italiano. Ma anche di mündige/r Bürger*in, ad esempio.
Dopo avere perso le ultime elezioni nazionali austriache che hanno visto una batosta senza precedenti per la SPÖ, il Cancelliere uscente Christian Kern commento' piu' o meno cosi': "abbiamo perso anni a discutere se aggiungere una terza porta accanto a "M" ed "F" mentre abbiamo trascurato questioni salariali, di diritti sul lavoro, diritti civili, ambiente, e altre. Ce la siamo cercata."
Chissa' chi vincera' le prossime elezioni a Castelfranco Emilia.

Bild des Benutzers Emil George Ciuffo
Emil George Ciuffo 17.04.2021, 13:55

Ha perfettamente ragione Kern. È per questo "schwa-sinn" (come dice Gorgias) che la sinistra perde ovunque.

Bild des Benutzers Alberto Stenico
Alberto Stenico 17.04.2021, 21:20

Introdurre un linguaggio più aderente alla realtà dei rapporti sociali della nostra epoca non comporta rinunciare ad affrontare le tante questioni sociali aperte nella nostra società. Oh?

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 17.04.2021, 21:38

Quando il tempo e l'attenzione sono limitati occorre stabilire delle priorita'. Scegliere temi controversi con pochi effetti pratici va bene per i politici che capiscono poco o nulla di ambiente, energia, sanita' ecc. ma devono lo stesso profilarsi. Quindi litighiamo sugli uomi*e e sui donni*e. Mentre il riscaldamento globale avanza.
Gli SMS hanno portato a un nuovo uso del linguaggio. Se il pubblico, perlopiu' giovane, avesse avvertito la necessita' di superare differenze di genere la stella o il cancelletto appropriati sarebbero in uso gia' da parecchio tempo.

Bild des Benutzers Emil George Ciuffo
Emil George Ciuffo 17.04.2021, 14:02

"..., a rispettare e valorizzare le differenze di cui la nostra comunità è ricca”.
Con un'unica semivocale che nessuno sa pronunciare ...

Advertisement
Advertisement
Advertisement