rumiz_paolo_1.jpg
upi
Advertisement
Advertisement
Salto Gespräch

Suolo, non sangue

Una chiacchierata sulla Heimat e l’Europa con Paolo Rumiz.
Advertisement
Advertisement

Caro lettore, cara lettrice,

quanto è importante per voi un giornalismo indipendente?

Questo articolo si trova nell’archivio di salto.bz, ed è accessibile esclusivamente ad abbonati e sostenitori.
Se deciderete di sostenere salto.bz potrete ricevere più di 5 anni di giornalismo critico!
Non siete ancora in possesso di alcun abbonamento?

Già a partire da un mini-abbonamento di 12 Euro per un anno potrete avere accesso a tutti gli articoli su salto.bz. Scegliete adesso il vostro abbonamento!

Naturalmente saremo felici anche di un contributo più generoso. Le vostre donazioni ci permettono infatti di poter rimanere indipendenti e di sostenere i costi correnti e gli investimenti per il futuro.

Abbonatevi ora!

Se invece avete già sottoscritto un abbonamento a salto.bz ma non disponete di alcun accesso, scriveteci semplicemente a info@salto.bz

Gli articoli redazionali pubblicati su salto.bz e online da più di 6 mesi, sono visibili solo a pagamento. Grazie per il vostro interesse ed il vostro sostegno.

Siete già abbonati a salto.bz? Scriveteci a info@salto.bz

Advertisement

Aggiungi un commento

Ritratto di Re El
Re El 6 Gennaio, 2019 - 11:43

Wie weise, old but gold, inhalte vom feinsten, chapeau

Ritratto di Servus Leute
Servus Leute 6 Gennaio, 2019 - 12:00

großartig gedacht, sehr schön formuliert und redigiert.

△rtim ୍℘୍stロ 7 Gennaio, 2019 - 02:29

Wunderbarer Paolo Rumiz!
Fehlgriff Patrick Rinas mit seinem "Blut und Boden"-Zitat und Zuschreibung auf das aktuelle Südtirol. Einfach nur unwürdig und zutiefst verletzend diese (geschichtsvergessene) Aussage.
Denn gerade den Verlust der Tiroler ihrer angestammten Heimat deklarierte Hitler 1938 als seinen "unerschütterlichen Willen" und als sein "Vermächtnis an das deutsche Volk."

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 7 Gennaio, 2019 - 09:59

Intervista bella e interessantissima. Non condivido del tutto la sua visione. Con la frase "La contrapposizione etnica è la grande scappatoia di chi non sa risolvere i problemi di carattere economico e sociale del nostro tempo. " ci vedo la Lega ma allora dico che in Alto Adige Südtirol non dovrebbe esserci perché stiamo tutti benissimo!
Comunque ci ho riflettuto: per me l' Heimat è l' Umanità (Menschheit)!

Ritratto di luigi spagnolli
luigi spagnolli 7 Gennaio, 2019 - 10:04

Paolo Rumiz parla sempre chiaro. È assolutamente vero che una memoria condivisa non la vuole nessuno: perché non conviene a nessuno. Non conviene ai singoli cittadini, perché non risolve nessun problema tangibile, anzi ribalta i presupposti dei luoghi comuni e degli automatismi su cui si fondano, nella gran parte, i rapporti interpersonali. Non conviene ai partiti, che prendono i voti sulle contrapposiziono e non sulle alleanze. Non conviene a chi produce cultura, perché gli complica terribilmente la vita. Ciò non toglie che di una memoria condivisa c'è bisogno per disinnescare la microconflittualità etnica, fondata sulla paura del diverso: microconflittualità etnica che è come la goccia della stalagmite, nel lungo periodo produce sassi che limitano ogni tipo di convivenza.
Quindi la memoria condivisa va continuamente ricercata: come in altri settori della vita pubblica, anche in questo chi governa deve fare qualcosa di impopolare: difficilissimo, nel tempo della verifica quotidiana dei sondaggi da parte di chi amministra.
Una considerazione sullo spartiacque come frontiera fra le nazioni: non dimentichiamo che 100 anni fa si era ormai capito benissimo il potenziale di ricchezza e di benessere legato alla produzione di energia (idro)elettrica. Gli strateghi dell'economia, a Roma, avevano ben chiaro il piano di sviluppo degli impianti che avrebbero sfruttato acqua e dislivelli per produrre energia. Il confine sullo spartiacque consentiva di non dover poi discutere con altri su come dividere i proventi e l'energia prodotta - non c'era ancora il libero mercato, allora -. L'idea dello spartiacque come confine era dunque molto meno poetica di come ce la insegnarono a scuola...

Ritratto di Harald Knoflach
Harald Knoflach 8 Gennaio, 2019 - 23:01

ganz wunderbar. klar und differenziert.

Advertisement
Advertisement
Advertisement