Arno Kompatscher
ASP/Fabio Brucculeri
Advertisement
Advertisement
leistbares Wohnen

Bis zu 3,5% Gemeindeimmobiliensteuer

Der Wohnungsnot in Südtiroler Gemeinden soll durch eine deutliche Steuererhöhung auf Zweitwohnungen und leerstehende Wohnungen entgegengewirkt werden.
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 5 Ottobre, 2021 - 19:20

Questa è un' ottima notizia sempre che Bolzano faccia parte della lista. Personalmente 3,5% lo trovo ancora poco. Fosse per me lo porterei al 15%. E spero che venga recepita la riforma catastale che considera il valore reale dell' immobile.

Ritratto di Manfred Gasser
Manfred Gasser 5 Ottobre, 2021 - 19:42

Wegen diesem Prozent wird sich aber leider nicht viel ändern. Ich bin da eher bei Herrn Mollica, zweistellig sollte es schon sein.

Ritratto di Gianguido Piani
Gianguido Piani 5 Ottobre, 2021 - 19:55

Sulla riforma catastale pienamente d'accordo. D'accordo anche con una tassa su immobili vuoti o doppie abitazioni, ma l'implementazione pratica potrebbe rivelarsi molto problematica. Ad esempio, il proprietario di una abitazione trova lavoro altrove, forse all'estero, ma le circostanze non sono tali da trasferirsi per sempre. Quindi si si ritrova con i costi di un'abitazione qui, una altrove, doppie spese comunali e una tassa aggiuntiva. Affittare? Salta la possibilita' di rientrare per brevi viaggi. Vendere? I costi di notaio, registrazione ecc. sono totalmente sproporzionati e non c'e' garanzia di trovare una nuova abitazione una volta che ci ritrasferisce. Molti lavori sono senza garanzie, i margini di risparmio sono molto limitati ovunque. Se valgono regole americane ci si puo' ritrovare licenziati nel giro di una settimana, senza buonuscita.
Lungi da me difendere speculatori immobiliari, ma c'e' il rischio che con formulazioni generiche e senza prevedere casi concreti si vadano a colpire persone che non c'entrano. Oppure che un singolo cui viene offerto un lavoro, poniamo, a Monaco o a Zurigo, dopo aver fatto i suoi conti preferisce rimanere disoccupato o sottoccupato qui, ma almeno non perdere l'abitazione.

Ritratto di Christian I
Christian I 5 Ottobre, 2021 - 20:12

O mettiamo anche che qualcuno riceva in ereditá un appartamento che poi vorrebbe tra qualche anno passare a un figlio. Quindi paga grosse tasse su un immobile che rappresenta la sicurezza per il futuro di un figlio? Lo affitta, con il possibilissimo rischio di trovare inquilini che dopo un po' non pagano piú o di non riuscire a liberare l'appartamento quando servirá. Storie ormai sentite e risentite centinaia di volte e la gente preferisce lasciare l'immobile vuoto piuttosto che vivere un'odissea tra Carabinieri, avvocati e aule di tribunale per riavere il proprio appartamento.

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 5 Ottobre, 2021 - 21:14

Fosse per me, oltre alle tasse sulla casa metterei una grossa tassa di successione. Il figlio prima di tutto deve imparare a essere auto sufficiente e poi avrà il mio aiuto.

Ritratto di Christian I
Christian I 5 Ottobre, 2021 - 21:57

le grosse tasse le metterei a chi ha soldi da sprecare in grosse moto da strada, oppure in barche sul Lago di Garda, giocattoli per bambinoni cresciuti e viziati. E non per chi investe nel futuro dei figli!
Ma comunque capisco, é un discorso sicuramente non facile, con tante sfaccettature diverse...

Ritratto di Christian I
Christian I 5 Ottobre, 2021 - 21:54

O l'esempio di mia moglie, che eredita una casa singola molto vecchia, priva di riscaldamento e quindi impossibile da affittare. E mancano i soldi per ristrutturarla. Ma di venderla non se ne parla, con i tempi che corrono almeno una sicurezza per il futuro dei figli.

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 5 Ottobre, 2021 - 21:13

I casi da Lei segnalati sono pochi. Bisognerebbe tutelare di più chi si vuole fare una famiglia e chi mette in gioco del capitale per aprire un' impresa, piuttosto che favorire chi immobilizza i soldi. Non è un caso che la destra italiana sia contraria alla riforma catastale. È una questione sociale! Dobbiamo difendere il diritto alla casa. A Bolzano siamo arrivati a quotazioni da 12.000€ al metro quadro. Tutto questo non ha senso. Se non facciamo qualcosa ci saranno pochi ricchi sempre più ricchi e molti più poveri o quasi poveri.

Ritratto di Gianguido Piani
Gianguido Piani 5 Ottobre, 2021 - 22:12

Il discorso si allarga, e di parecchio. Non credo che i casi indicati da Christian I siano pochi, al contrario, sono probabilmente molto diffusi (e invece di congetturare occorrerebbero statistiche precise). Se si vuole applicare una soluzione estrema occorrerebbe un sistema fiscale come quello scandinavo, tasse molto elevate ma una rete sociale seria e realistica e regole del gioco chiare e fatte applicare. A Nord delle Alpi non ho mai sentito di nessuno che si piazza in un appartamento e lo occupa per anni senza pagare l'affitto. Anzi, e' comune affittare la propria abitazione quando si e' via per lunghi periodi, ma ci sono regole piu' civili.
Il rischio delle proposte di legge in Italia e' che trovino l'applicazione sbagliata.
Vogliamo iniziare da Bolzano? Sappiamo tutti quali abitazioni di grandi costruttori non sono affittate e sono proposte per la vendita a prezzo irrealistici. Iniziare da li'? Io ad esempio non concederei nuove licenze edilizie a costruttori che in altri punti della citta' hanno ancora abitazioni non affittate o invendute. Sarebbe una regola oggettiva e facile da applicare. Il Comune e' pronto a farlo?

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 5 Ottobre, 2021 - 23:36

Non conosciamo le statistiche ma di sicuro se una coppia volesse diventare una famiglia a Bolzano o ha un' eredità oppure è costretta a fare un mutuo che l' obbliga per tutta la vita. E parliamo di un appartamento di 60 metri quadrati. Dobbiamo tutelare in primis il futuro dei giovani e poi anche l' economia e chi rischia il capitale. Però a decidere sono coloro che investono in immobili e quindi non cambierà mai nulla. Ogniuno guarda i propri
interessi e se ne frega degli altri. Durante il boom economico la casa in Italia costava pochissimo. Il capitale fermo è il male.

Ritratto di rotaderga
rotaderga 6 Ottobre, 2021 - 06:54

Il capitale fermo è un male.... per le banche!

Ritratto di Martin Aufderklamm
Martin Aufderklamm 6 Ottobre, 2021 - 07:58

Chissa perchè solo nel 2023? Un altro anno per annaquare tutto secondo la logica dei poteri (sempre quelli).
Questa misura è un correttivo di una politica abitativa fallimentare della nostra provincia.
E ci si dovrebbe interrogare anche sul fatto che non solo i proprietari di case, ma anche il turismo e l'economia debbano fare la loro parte? grazie all' attrattività dello "Standort" Südtirol il mercato abitativo, già dopato di suo, è ulteriormente esploso o imploso che dir si voglia.

Advertisement
Advertisement
Advertisement