Tahir Cinkilic
Alessio Giordano
Advertisement
Advertisement
zebra.

Una lotta per la dignità

La storia di Tahir Cinkilic, 56enne curdo che dalla Turchia si è trasferito in Italia. È finito a Bolzano per cercare lavoro ma la vita non gli ha fatto sconti.
Di
Ritratto di zebra .
zebra .24.02.2021
Advertisement

Vivere in Turchia, per me che sono curdo, era pericoloso. Sono stato picchiato e incarcerato per giorni senza una ragione. Quando mia madre è venuta a mancare non avevo più ragioni per rimanere. Sono partito per l’Italia, ma anche qui è dura se sei costretto a vivere per strada.

Mi chiamo Tahir Cinkilic e vengo dalla Turchia. Abito in Italia da cinque anni. Ho avviato la procedura per il riconoscimento della protezione internazionale a Como, poi sono stato trasferito a Savona. Dopo aver ottenuto l‘asilo politico, non trovando lavoro, ho deciso di trasferirmi a Bolzano. Avevo sentito dire che qui ci sarebbero state più possibilità, soprattutto per chi come me conosce il tedesco.

Bolzano è una città ricca, ma a volte ho l’impressione che la gente “normale” preferisca non vedere queste situazioni

Tanti anni fa, infatti, ho vissuto a Colonia, dove ho lavorato come operaio addetto alle pulizie e come pizzaiolo. Sono però poi dovuto tornare in Turchia. Mia madre stava male e dovevo prendermi cura di lei. Una volta a casa ho avuto molti problemi a causa delle mie posizioni politiche anti-Erdogan. Per questo, quando mia madre è venuta a mancare, nel 2014, ho lasciato il mio Paese una volta per tutte. Da più di un anno vivo a Bolzano, dove la vita è davvero dura per chi non ha niente. Ho dormito a lungo sotto i ponti, trascorrendo le giornate alla ricerca di un lavoro. Le ditte in questo periodo non assumono e, a 56 anni, col passare del tempo avrò sempre meno chance.

Ho un parente in Svizzera che mi dà una mano e ogni tanto mi invia un po' di soldi, ma senza un lavoro stabile è impossibile affittare una casa o una stanza con regolare contratto. Per fortuna non sono solo. Sotto il ponte di via Roma ci sono tante persone con tende e materassi. Ci siamo organizzati da soli, non abbiamo avuto molta scelta. La strada è lo specchio della nostra società: ci sono persone eccezionali, così come altre che è meglio evitare. Un giorno ho trovato una persona con le mani nel mio zaino, probabilmente in cerca di soldi.

In strada ogni giorno è una lotta per conservare intatta la propria dignità di essere umano

Bisogna stare sempre vigili. Oltre a me, sono tanti i ragazzi che hanno ottenuto l‘asilo politico – quindi la protezione da parte dello Stato italiano – ma non hanno un posto dove stare. È assurdo. Bolzano è una città ricca, ma a volte ho l’impressione che la gente “normale” preferisca non vedere queste situazioni. Mi sono rivolto anche al Sindaco, ma ovunque sia andato, sono stato rimpallato a un altro ufficio. La pandemia poi ha complicato tutto. A marzo bisognava stare a casa. Bene, come potevo farlo non avendo un tetto sopra la testa? Le soluzioni di emergenza non risolvono il problema.

A volte, paradossalmente, penso sia più confortevole vivere in un accampamento informale, dove almeno posso sdraiarmi su un vero materasso e non su uno di quei materassini sottili che si trovano in questi rifugi. Ci ho provato a stare lì, ma non ho resistito alle luci accese a lungo, a contatto con tantissime altre persone. Non so come sarà il posto che dovrebbe aprire il 20 gennaio alla Fiera. Per ora, insieme a un mio amico, ho trovato un posto letto in nero e posso tirare il fiato, almeno per un po'. In strada ogni giorno è una lotta per conservare intatta la propria dignità di essere umano.
 

Tahir Cinkilic, testo elaborato da Alessio Giordano

 

Questo articolo è tratto dal numero di febbraio 2021 del giornale di strada zebra.

È possibile acquistare da subito il giornale di strada zebra. in tutte le Botteghe del Mondo presenti in Alto Adige e in alcuni negozi solidali. Chi volesse sostenere i venditori e il giornale lo può fare, abbonandosi o con una donazione. Tutte le informazioni si trovano qui.

zebra

La crisi continua. Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement