Advertisement
Advertisement
Energia rinnovabile

Come acquistare energia rinnovabile

Acquistare energia elettrica rinnovabile fa bene al pianeta e al portafoglio
Un contributo della community di Claudio Campedelli09.02.2020
Ritratto di Claudio Campedelli
Advertisement

Premessa

Le fonti di energia elettrica rinnovabili sono quelle che in una scala di tempi umana si rinnovano.

L´Italia, nella sua particolare tradizione di cercare di piegare la natura alle leggi umane, aveva “assimilato” tra le energie rinnovabili anche la combustione dei rifiuti urbani. I rifiuti urbani sono però composti da molti materiali a base fossile (plastica, fibre sintetiche, ecc.) tutt’altro che rinnovabili. Questi materiali sono la fonte principale di potere calorifico che permettono l’eventuale produzione di calore e/o energia elettrica.

Per fortuna una Direttiva Europea (2009/28/CE) ha regolamentato la materia e le fonti energetiche primarie che possono essere denominate rinnovabili sono le seguenti:  

l'irraggiamento solare (per produrre energia chimica, energia termica ed energia elettrica);

il vento (fonte di energia meccanica ed energia elettrica);

le biomasse (combustione, in appositi impianti per generazione termica e cogenerazione di calore ed elettricità);

le maree e le correnti marine in genere;

le precipitazioni utilizzabili tramite il dislivello di acque (fonte idroelettrica);

il calore geotermico.

Come utilizzare l´energia elettrica da fonti rinnovabili

Molti di noi vivono in luoghi che non permettono l´utilizzo diretto delle fonti primarie rinnovabili:

la casa non permette l’installazione di pannelli solari, non viviamo in una zona con pozzi geotermici, gli impianti idroelettrici sono dati in concessione. Ecc..

Come utenti dell´energia elettrica possiamo però decidere quale fonte d’energia ci fornisce l’energia elettrica che utilizziamo nella nostra casa.

Dal punto di vista fisico tutti i generatori collegati alla rete nazionale contribuiscono a fornire l’energia elettrica che è necessaria per far funzionare il sistema. Quando utilizzo l´energia elettrica nella mia casa non posso decidere quali generatori generano questa forza elettromotrice.

Posso però decidere che il fornitore di energia elettrica, con il quale stipulo un contratto, mi dia la garanzia che sia generata da fonti rinnovabili.

In questo modo posso indirizzare i miei soldi verso le energie rinnovabili a scapito di quelle non rinnovabili. Come piacevole conseguenza induco gli investimenti verso le fonti rinnovabili sempre a scapito di quelle tradizionali basate sul fossile.

Dove trovare le offerte

L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) svolge attività di regolazione e controllo nei settori dell'energia elettrica, del gas naturale, dei servizi idrici, del ciclo dei rifiuti e del telecalore e mette a disposizione sul sito dell`ARERA (https://www.arera.it/it/index.htm ) (solo in lingua italiana) il rimando al Portale delle offerte (https://www.arera.it/it/portaleofferte.htm).

Il Portale delle offerte permette il confronto delle varie offerte per l´energia elettrica (e il gas naturale (metano)).

Per ottenere un confronto utile ai propri bisogni sono necessari i seguenti dati: codice d´avviamento postale, l’energia consumata nell´anno passato e la potenza impegnata.

Un esempio concreto

Aprire la pagina https://www.ilportaleofferte.it/

Utenza elettrica a Bolzano (cap 39100).

Offerte con prezzo fisso.

Abitazione con residenza.

Potenza massima di 3 kW.

Prezzo monorario (Prezzo uguale per tutta la giornata, per risparmiare si potrebbe optare per il prezzo a fasce orarie che comporta un attento utilizzo del consumo).

Consumo giornaliero di 5 Chilo Watt ore (= kWh) che corrisponde ad un consumo annuo di 1.825 kWh.

Il risultato è il seguente (al 09/02/2020):

Esercente Maggior Tutela costo annuo 383,60 € (con un mix di fonti rinnovabili e tradizionali).

Esercente più economico costo annuo 287,50 € (solo energia rinnovabile).

Nel 2018 il mix dell'energia elettrica fornita nell'ambito della Maggior Tutela è stato il seguente (dati provvisori):

Rinnovabili                                                       4,00%

Carbone                                                         19,99%

Metano                                                           64,33%

Petrolio                                                            0,85%

Energia atomica                                              5,93%

Altre fonti (incenerimento rifiuti, ecc.)             4,90%.

Avvertenza

Per esperienza si consiglia di controllare ogni circa 10 mesi l´importo fatturato dal rivenditore dell’energia elettrica. Potrebbe succedere che l´offerta alla quale abbiamo aderito sia limitata nel tempo e che l’offerta non sia più vantaggiosa. In questo caso riconfrontare le offerte e nel caso cambiare rivenditore.

Sarebbe opportuno richiedere al rivenditore una certificazione che l´energia acquistata è effettivamente energia rinnovabile (senza quella degli inceneritori). Questo è ancor più importante nel caso di coloro che comunicano ai propri clienti di lavorare esclusivamente con energia rinnovabile.

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Sepp Bacher
Sepp Bacher 9 Febbraio, 2020 - 17:18

Diese beiden Zahlen verstehe ich nicht ganz? 383,60 € mit einem Mix, aber nur 287,50 € bei ausschließlich erneuerbarer Energie? Heißt das, dass erneuerbarer Strom billiger ist als ein Mix?
Grundsätzlich habe ich folgende Fragen:
Wer kontrolliert bzw. gibt mir die Garantie? In der Leitung ist ja nur ein Mix.
Was ändert die Werbung für erneuerbaren Energie-Verbrauch gesamtheitlich bzw. global? Wenn ich nur erneuerbare beanspruche, kriegt eben der andere einen schlechteren Mix. Denn das verändert ja nicht das Gesamtverhältnis zwischen erneuerbarer und nicht-erneuerbarer Energie.
Was passiert, wenn mehr Menschen/Haushalte mehr erneuerbaren Strom buchen, als vorhanden ist?
Ich bin der Meinung, dass das Ganze auch dazu beiträgt, das eigene Gewissen zu besänftigen!? Dies könnte aber eine gegenteiligen Effekt haben: wenn ich erneuerbaren Strom verbrauche, dann muss ich ja nicht mehr sparen! Auch Südtirols Mächtige glauben, dass wie vom Energie-sparen befreit sind, weil wir viel Wasserkraft haben. Beim Klima gibt es aber keine Autonomie!

Ritratto di Claudio Campedelli
Claudio Campedelli 10 Febbraio, 2020 - 09:05

Si. Rimanendo nel mercato maggiore tutela si paga di più e l'energia elettrica fornita ha come fonte primaria quella indicata nel mix.
Provare per credere (io ho solo energia elettrica rinnovabile da ca. 3 anni).

La garanzia viene data da GSE che ha come compito di garantire la provenienza delle rinnovabili. Se il fornitore agisce in maniera criminale, truffando i clienti, è compito della magistratura accertare l'azione criminosa.

Condivido l'osservazione sul consumo globale. Posso solo dire che personalmente, oltre ad avere scelto energia rinnovabile, attuo ogni sforzo per la riduzione del consumo complessivo di risorse. Il mio punto di riferimento è l'impronta ecologica (calcolata globalmente, non quella riferita agli stati).

Sul rapporto tra fonti rinnovabili e non rinnovabili non concordo con la tesi riportata. Ogni centesimo speso per le energie da fonti rinnovabili fa si che queste vengano sviluppate. Se la richiesta è sostenuta il mercato promette un ritorno economico. Il potenziale delle fonti rinnovabile è ampio.

Al momento non sono a conoscenza di limitazione di fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili. Comunque il rapporto annuale del GSE potrebbe dare una risposta al quesito.

Riguardo alla scelta di passare a fonti rinnovabili confermo che fa bene alla coscienza.
Concordo pienamente che la macchina propagandistica degli amministratori pubblici dell'Alto Adige cerca di vendere un modello energetico che non ha nulla a che fare con la situazione reale.
Ripeto: il punto di riferimento è l'impronta ecologica, non la vicinanza fisica a una centrale idro elettrica.
Una risposta alla finzione propagandistica si trova sul portale delle offerte :-).

Advertisement
Advertisement
Advertisement