Risparmiatori
upi
Advertisement
Advertisement
Banche

Truffati o traditi?

Gli azionisti delle banche vittime della crisi aspettano la risposta del governo, che mistifica la realtà e prova a far fruttare anche questa vicenda in chiave elettorale
Di
Ritratto di Luca Martinelli
Luca Martinelli12.04.2019
Advertisement
Salto Plus

Cara lettrice, caro lettore,

questo articolo si trova nell’archivio di salto.bz!

Abbonati a salto.bz e ottieni pieno accesso ad un giornalismo affermato e senza peli sulla lingua.

Noi lavoriamo duramente per una società informata e consapevole. Attraverso vari strumenti si cerca di sostenere economicamente questo sforzo. In futuro vogliamo dare maggior valore i nostri contenuti redazionali, e per questo abbiamo introdotto un nuovo salto-standard.

Gli articoli della redazione un mese dopo la pubblicazione si spostano nell’archivio di salto. Dal primo gennaio 2019 l’archivio è accessibile solo dagli abbonati.

Speriamo nella tua comprensione,
Salto.bz

Abbonati

Già abbonato/a? Accedi e leggi!

Noi di salto.bz continuiamo a lavorare sodo anche durante la crisi attuale per fornirvi notizie, analisi e retroscena in modo indipendente e critico. Sostienici e abbonati ora per garantire lunga vita a salto.bz!

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Martin Daniel
Martin Daniel 12 Aprile, 2019 - 16:19

Finalmente un articolo che differenzi un pò! In effetti, le parole di Tajani sono del tutto fuorvianti: «Credo che si debba trovare una soluzione per pagare tutti i clienti delle banche, i risparmiatori che hanno subito un danno per responsabilità altrui...». I risparmiatori veri e propri non hanno subito danno alcuno, in quanto nessun correntista o detentore di depositi bancari ha sofferto delle perdite. Sono stati obbligazionisti e azionisti ad aver subito delle perdite, i primi delle perdite parziali, i secondi anche totali. È chiaro che molti di essi non erano coscienti dei rischi che correvano e perciò va appurato caso per caso se c'é stata truffa da parte delle banche nel piazzare questi prodotti. Ma è chiaro anche che non pochi avranno fatto una scelta ben precisa facendo un investimento per ottenere dei ritorni più alti rispetto alle varie forme di conti bancari. E che per diversi anni hanno percepito cedole e dividendi di cui ora in sede di rimborsi andrebbe tenuto conto. In questa luce la risposta del Governo precedente appare molto più differenziata ed equa (nonchè compatibile con le regole UE).

Advertisement
Advertisement
Advertisement