Walcher, Luis, Caramaschi, Renzo
Salto.bz
Advertisement
Advertisement
La novità

Una “golf-car” per il cimitero

Il servizio di navetta offerto dalla Podini foundation. Aiuterà gli anziani e chi ha problemi a camminare. No alle richieste per danza, concerti e arte tra le tombe.
Advertisement
Advertisement

Il cimitero comunale di Oltrisarco, a Bolzano, è di grandi dimensioni e muoversi al suo interno può essere difficile, soprattutto per chi non è più giovane oppure fatica a camminare. Per far fronte a questo disagio si è fatta avanti la onlus che fa capo alla famiglia Podini, la Podini foundation, che ha presentato una proposta accolta ieri dalla giunta comunale. 

 

Servizio navetta 

 

L’avvio del nuovo servizio è previsto a settembre: nelle giornate di sabato e domenica sarà attivo il servizio di navetta effettuato con la macchina elettrica, di tipo golf-car, messa a disposizione dall’organizzazione no profit. Un’iniziativa benefica che non ha costi per l’amministrazione ed è finanziata dal privato, che ne può ricavare un ritorno in termini di immagine.

 

navetta, cimitero
A disposizione: un esempio del mezzo elettrico che effettuerà il servizio di trasporto dentro il cimitero di Bolzano, dal dossier della giunta comunale.

 

Grazie al trasporto, le persone con problemi di deambulazione potranno così visitare in modo più agevole le tombe dei propri cari. A guidare la navetta saranno i volontari della Fondazione, presenti nei fine settimana negli orari di apertura del cimitero.

Si tratta di un progetto che presenta un profilo sociale di grande interesse ed ha lo scopo di andare incontro alle esigenze di quelle persone che hanno difficoltà a raggiungere autonomamente le tombe dei propri cari

“Si tratta di un progetto che presenta un profilo sociale di grande interesse ed ha lo scopo di andare incontro alle esigenze di quelle persone che hanno difficoltà a raggiungere autonomamente le tombe dei propri cari” hanno detto il sindaco Renzo Caramaschi e il vice Luis Walcher. L’assessore ha spiegato che alla formulazione dell’iniziativa si è arrivati al termine di un confronto con l’amministrazione, che ha analizzato la proposta della fondazione e fornito alcuni suggerimenti.

 

No a concerti, arte e danza tra le tombe

 

Lo stesso Walcher ha poi rivelato che all’amministrazione giungono numerose richieste per poter svolgere iniziative culturali all’interno dell’area cimiteriale: soprattutto concerti, spettacoli di danza e allestimenti di arte contemporanea. Finora però il municipio ha rifiutato, ritenendo le proposte non in linea con il rispetto della funzione del luogo.

Advertisement

Aggiungi un commento

Advertisement
Advertisement
Advertisement