Diego Nicolini, 5 stelle, M5s
Diego Nicolini M5s
Advertisement
Advertisement
CINQUESTELLE

"Scuola italiana discriminata"

Duro attacco del consigliere provinciale pentastellato, Diego Nicolini. "Si smetta di negare l'evidenza. Grave problema con gli insegnanti di sostegno".
Advertisement

"Non affrontare la questione della discriminazione della scuola italiana in Alto Adige significa continuare a negare l’evidenza". La frase non è estrapolata da un comunicato stampa di Alessandro Urzì, ma è a firma di Diego Nicolini, consigliere provinciale dei Cinquestelle. Significa che Nicolini è assolutamente convinto che sia così e porta quindi una serie di cifre e di esempi per suffagare la propria tesi. "È nota ormai da tempo la situazione di discriminazione degli insegnanti precari della scuola italiana - scrive il pentastellato -  Da molti anni sono negate loro le medesime opportunità di stabilizzazione offerte ai colleghi del resto d'Italia e ai colleghi delle scuole tedesca e ladina: né assunzione in ruolo dei precari storici, né possibilità di accedere alle procedure abilitanti che la Lub riserva solo a chi ha idonei filtri linguistici".
Emblematico, per Nicolini, è anche il caso degli insegnanti di sostegno la cui carenza è tale da non permettere ai più fragili tra gli studenti di seguire le lezioni adeguatamente. "Ciò nonostante, quest'anno la Libera Università di Bolzano ha scelto di non attivare percorsi abilitanti di sostegno, a differenza del resto d'Italia che ne ha attivato per 22000 persone e si appresta, entro poche settimane, ad attivarne qualche altro migliaio. Per la scuola tedesca e ladina, al contrario, sono stati recentemente banditi percorsi a requisiti ridotti", afferma.

Diego Nicolini, M5s
Diego Nicolini, consigliere provinciale per il Movimento 5 Stelle:  "Il fatto che manchino insegnanti di sostegno abilitati è ancora più inquietante se si pensa che in Provincia di Bolzano i posti in organico non sono stabiliti sulla base del numero degli alunni disabili".

 

Nicolini fornisce quindi una serie di cifre per quanto riguarda i docenti di sostegno.  "Il fatto che manchino insegnanti di sostegno abilitati è ancora più inquietante se si pensa che in Provincia di Bolzano i posti in organico non sono stabiliti – come la logica, prima ancora della normativa nazionale, imporrebbe – sulla base del numero degli alunni disabili bensì – in virtù dell’articolo 15/bis che dal 2008 “arricchisce” la legge provinciale 12/2000 nella misura di un insegnante ogni 100 alunni complessivi. Tale legge – chiaramente incostituzionale in quanto determina per gli alunni ex legge 104 un peggioramento di condizioni rispetto alla normativa nazionale e non tiene conto delle loro effettive necessità – comporta anche un’ulteriore discriminazione per la scuola italiana, ove la percentuale di alunni disabili è pari al 7% (con casi eclatanti come alla scuola media “Ada Negri” al 12,5%), mentre nella scuola tedesca si attesta sull’1,70% e la media nazionale sul 3,6%".
In provincia di Bolzano gli insegnanti di sostegno precari non specializzati sono obbligati a frequentare un corso biennale dell’Intendenza che richiede molto impegno ma non garantisce nessun diritto di abilitarsi né, tanto meno, di stabilizzarsi. "Oltre il danno, la beffa. E così, a breve quando saranno riaperte le graduatorie i nostri insegnanti precari saranno sostituiti da insegnanti che hanno potuto specializzarsi altrove.

L'assessore Vettorato ha promesso che avrebbe portato immediatamente delle proposte in Giunta ma che era necessario prima verificare i numeri degli alunni BES

Lo scorso dicembre l’OdG “Studenti BES: potenziamo subito la scuola italiana” presentato dal consigliere Nicolini e sottoscritto dal consigliere Repetto, che chiedeva alla Provincia di impegnarsi ad attivare una ricognizione precisa sui numeri degli studenti BES, in particolare riguardo a quelli rientranti nella ex legge 104; attivare immediatamente nella Provincia autonoma di Bolzano i TFA (Tirocini Formativi Attivi) per la scuola italiana e prevedere le rispettive spese di bilancio, per consentire a qualsiasi aspirante insegnante di sostegno ad abilitarsi;  tutelare gli studenti BES garantendo il diritto allo studio senza essere compromessi per le loro difficoltà, contrastando ogni forma di emarginazione dal mondo della scuola è stato bocciato.

Non affrontare la questione della discriminazione della scuola italiana significa continuare a negare l’evidenza

"In quell’occasione - ricorda Nicolini - l’assessore Vettorato ha promesso che avrebbe portato immediatamente delle proposte in Giunta ma che era necessario prima verificare i numeri degli alunni BES. Eh sì, questa del calcolo degli alunni BES sembra essere un'operazione impossibile. Infatti, per l'anno scolastico 2020/2021 l’assessore ha dichiarato a dicembre 2020 in un bollettino della Provincia, che fossero 1240, a luglio 2021 in due risposte a due differenti interrogazioni che fossero 955 e infine, lo scorso novembre, in una risposta ad una terza interrogazione, che fossero 411. Un bel grattacapo".

"Intanto - conclude, infine, con amarezza - però lunedì prossimo si darà avvio alle celebrazioni per l’anniversario del secondo pacchetto dello Statuto di Autonomia che dovrebbe rappresentare la base per la convivenza egualitaria dei tre gruppi linguistici. Non affrontare la questione della discriminazione della scuola italiana significa continuare a negare l’evidenza!"

Advertisement
Advertisement
Ritratto di One Echnaton
One Echnaton 15 Gennaio, 2022 - 12:41

Aber bitte.
Schon vor Jahren wurde in einer Studie festgestellt, dass die italienische Schule im Verhältnis zur deutschen Schule seit Jahren eine doppelt so hohe Finanzierung erhält, altro che scuola italiane discriminata ...

Ritratto di Francesco Festa
Francesco Festa 15 Gennaio, 2022 - 19:20

Su questo tema e l'Assessore Vettorato segnalo i miei tre contributi pubblicati su Salto rispettivamente in ottobre, novembre e dicembre 2021:
- https://www.salto.bz/it/article/09102021/disabilita-e-istruzione
- https://www.salto.bz/it/article/17112021/un-aiutino-lassessore
- https://www.salto.bz/it/article/19122021/lassessore-da-i-numeri

Ci saranno altre novità in futuro.

Advertisement
Advertisement
Advertisement