Vettori, Mattei, Bessone
Lega
Advertisement
Advertisement
Lega

Cartoline da Pontida

Il raduno leghista: un tripudio per gli esponenti locali del Carroccio. Se non si contano aggressioni (verbali e non) e strumentalizzazioni. E piovono le critiche.
Advertisement
Advertisement

A giudicare dalle foto postate sui social dai militanti della Lega, rappresentanti istituzionali locali compresi, accorsi per rendere omaggio al loro leader Matteo Salvini in occasione del tradizionale raduno di Pontida, la giornata di ieri (15 settembre) potrebbe essere raccontata come una gita di gruppo animata da “volemosebenismo” e solito folklore in salsa padana.

 

Vettorato, Salvini
"Una domenica di gioia": la narrazione leghista della giornata di ieri a Pontida. Nella foto: l'assessore provinciale Giuliano Vettorato e il segretario federale della Lega Matteo Salvini

 

“È stata una giornata speciale, l’occasione per abbracciare idealmente migliaia di militanti e simpatizzanti che credono in noi e nel nostro lavoro. Un momento di confronto con tanti governatori, sindaci e amministratori delle altre regioni, con i quali ci siamo confrontati su alcune problematiche comuni. Senza dimenticare i tantissimi amici che dall'Alto Adige e dal Trentino non hanno voluto mancare a questa domenica di gioia”, scrive su Facebook l’assessore provinciale Giuliano Vettorato citando lo slogan di questa edizione, “la forza di essere liberi”. Si accoda il collega Massimo Bessone: “Un divertimento unico”, mentre il consigliere provinciale Carlo Vettori tiene i conti: “370 pullman, 100.000 persone (250 dall'Alto Adige, ndr) per bene contro i poltronari”.

 

Pontida
Bagno di folla: a Pontida ieri c'erano circa 80mila persone 

 

Peccato che la cronaca della giornata abbia registrato altri risvolti: un’aggressione ai danni di un cronista di Repubblica, Antonio Nasso, oltre che insulti e offese razziste al giornalista Gad Lerner, “ebreo, comunista, straccione, tornatene a casa”, gli hanno urlato i militanti del Carroccio. Un episodio condannato, in Alto Adige, anche dal segretario provinciale del Pd Alessandro Huber: “Oggi Gad Lerner è stato contestato dai leghisti di Salvini a Pontida. Gli hanno detto: “Tu non sei italiano. Tu sei ebreo. Vergogna. Mille volte vergogna”. Il giorno prima il deputato della Lega Vito Comencini, durante l’Assemblea federale Lega dei Giovani a Pontida, aveva preso di mira il Capo dello Stato, Sergio Mattarella: “Questo presidente della Repubblica mi fa schifo”. Dichiarazioni che l’ex ministro dell’Interno ha provato a mitigare: “Possono essere sbagliati i toni, bisogna sempre portare rispetto. Sicuramente, sono state scelte che non corrispondono alla volontà popolare, nelle ultime settimane. Io non uso l’insulto e propongo agli italiani un cambiamento”, così Salvini che invoca ancora l’urgente necessità di cambiare la legge elettorale al fine di rendere il sistema completamente maggioritario.

 

Pontida, giornalisti aggrediti dai militanti leghisti

 

A far discutere anche il momento in cui, nella fase finale del suo comizio, il numero uno della Lega ha fatto salire sul palco una delle bambine dell’inchiesta sugli affidi illeciti di Bibbiano. “Salvini oggi ha dato il meglio di sé, strumentalizzando il caso di Bibbiano. Ma...non a parole, bensì prendendo in braccio una bambina di quella località. Lo sciacallo leghista è sempre in prima linea”, è uno dei commenti che si legge su Twitter. Ancora più affilata la critica dell’europarlamentare Carlo Calenda: “Che gente siete voi della Lega per usare bambini su un palco? Ma i cosiddetti moderati della Lega” dice l’ex ministro rivolgendosi a Massimo Garavaglia, Luca Zaia e Giancarlo Giorgetti, “non hanno nulla da dire su questo sconcio e sugli insulti a Gad Lerner. Tutti a testa china davanti a questo schifo? Siete senza onore”.

 
Advertisement

Aggiungi un commento

Ritratto di Günther Alois Raffeiner
Günther Alois Raffeiner 17 Settembre, 2019 - 07:27

Si ha visto nella TV RAI, LEGA voi siete un branco di maleducati,almeno il 90% Andate tutti a casa,questo non é un comportamento,VERGOGNA!!!!

Ritratto di elisabeth garber
elisabeth garber 18 Settembre, 2019 - 19:29

De facto und de jure, *vergogna*. Aber der nach Allmacht gierende M.S. weiss recht genau wie man die naive Masse formt.

Ritratto di Peter Gasser
Peter Gasser 18 Settembre, 2019 - 19:42

Der Stil von Trump und Bolsonaro in Bella Italia.
Eine 2.000 Jahre alte Kultur verabschiedet sich grölend.

Ritratto di elisabeth garber
elisabeth garber 18 Settembre, 2019 - 21:52

Ich glaub', ich hoff' auf ein Wunder...unvorstellbar für mich so was wie 'Salvietti' (Eigenkreation seit minds. 2 Jahren) als Premier.

Advertisement
Advertisement
Advertisement