progetto_idrogeno_eu_revive.jpg
Denis Thomas ‏ (twitter.com/dth_hydrogenics)
Advertisement
Advertisement
Trazioni alternative

Sperimentazione idrogeno, trionfo diesel

La notizia del progetto EU sui mezzi asporto rifiuti H2 fa storcere il naso perché tutto il resto era, è (e sarà?) diesel. L'ennesima "foglia di fico" per essere "green"?
Un contributo della community di Michele De Luca17.02.2018
Ritratto di Michele De Luca
Advertisement
Advertisement

La notizia della “sperimentazione” di mezzi per l’asporto rifiuti a idrogeno nell’ambito del progetto Revive finanziato dalla UE è positiva. Piccolo dettaglio, mancano i dati sulle caratteristiche dei mezzi, dei costi complessivi, dei contributi ricevuti, di quando entreranno in servizio, in quali zone, ecc. ecc. …

Presumo che rimarrà un bell’esercizio “di stile” poiché i costi saranno tali che un seguito concreto questi mezzi non ce l’avranno, salvo il o i prototipi che rimarranno in esercizio, e per il resto… avanti a tutto diesel. Insomma una foglia di fico “green che sembra essere copiata di sana pianta dal settore del trasporto pubblico.

Inutile dire che, a livello di sperimentazione, mi convince ben di più il progetto “Silent green” in corso a Francoforte. Già in tale progetto i costi, che vengono dichiarati, non sono indifferenti in un settore che pare guardare fino all’ultimo €/cent.

Mi chiedo però: cosa è stato fatto negli anni scorsi per rendere più pulito il settore in provincia di Bolzano? In poche parole: nulla, zero, nix, nada de nada.

Senza perdere troppo tempo, ne ho già scritto a novembre 2016 e a marzo 2017.

Per la cronaca, non sono mai stato smentito in merito presumo perché, forse, non ci si vuole confrontare sul tema. Perché la realtà, in estrema sintesi, è che si è perso almeno un decennio a rincorrere non so cosa mentre i nostri polmoni “ringraziano sentitamente”.

Insomma, nulla di nuovo sotto il cielo della “green mobility” made in Südtirol, cocciutamente rivolta in una sola direzione cassando di netto e senza appello ogni altra alternativa. L’importante, infatti, è non dirlo e, soprattutto, non dare spiegazioni. Semplice, no?

Advertisement

Aggiungi un commento

Advertisement
Advertisement
Advertisement