Inserzione
Un "sogno" storico

E se la guerra fosse finita a Carzano?

La Prima guerra mondiale poteva terminare il 18 settembre 1917 a Carzano in Bassa Valsugana, invece...
Inserzione

Cento anni e due mesi dopo il “sogno di Carzano” fra il 17 ed il 18 settembre 1917 sabato Omar Rottoli e Daniele Zanon hanno portato in scena “Il battaglione bosniaco” nel centro polifunzionale del paese della Bassa Valsugana.  “Il battaglione bosniaco” era comandato da Ljudevit Pivko, sloveno arruolato nelle truppe dell'Impero che con il suo “sogno” aprì le porte alla cospirazione: aprire agli italiani le “porte” della monarchia asburgica e lasciarli passare indisturbati fino a Trento. 

img_3399.jpg
img_3399.jpg, per Mattia Frizzera

 

Dal libro scritto da Zanon e Valerio Curcio per Infinito edizioni è scaturito uno spettacolo teatrale con il monologo di Rottoli, attore dilettante conosciuto nel Nord Italia per aver portato in giro il Vajont di Paolini, Zanon alla fisarmonica e Marianna Donini all'assistenza tecnica. 
Dopo le presentazioni del sindaco di Carzano Cesare Castelpietra e di Piera Degan, presidente del Comitato 18 settembre 1917, Rottoli si è avventurato di fronte a cento persone nei fatti che coinvolsero la zona fra Strigno e Carzano in quella notte del 1917. Partendo da Hitler che nel 1939 cercò a Praga i dissidenti austriaci della Prima guerra mondiale fino a quella notte terribile che lasciò sul campo più di 1200 vittime. 

img_3400.jpg
img_3400.jpg, per Mattia Frizzera

 

Pivko e Cesare Pettorelli Lalatta non riuscirono ad arrivare fino in fondo al loro sogno. Cosa sarebbe successo se Luigi Cadorna e Donato Etna, superiori di Lalatta, si fossero fidati? Ci sarebbe il 24 ottobre 1917 la tragedia di Caporetto? Rottoli segue i dettami del teatro civile e porta gli spettatori a “vagare” sulla cartina dietro a lui fra Pieve Tesino, la Caserma di Strigno, i camminamenti fino alla Chiesetta di Spera, il Torrente Maso, Carzano. Con uno zaino di 20kg ed ordini dati senza troppo costrutto. Con la diserzione che tiene gli spettatori sull'equilibrio nel considerare Pivko nelle sue varie sfaccettature fra l'eroe ed il traditore. 

Inserzione
Inserzione

Più commentato

Partecipa!
Registrati o accedi