Gianclaudio Bressa
web
Advertisement
Advertisement
L'intervista

“Ma quale atto di prostrazione”

Il senatore Pd Gianclaudio Bressa sui “candidati paracadutati”, le nomine della Commissione dei Sei e le “imprudenti” esternazioni del ministro Boccia.
Di
Ritratto di Sarah Franzosini
Sarah Franzosini22.01.2020
Advertisement
Salto Plus

Cara lettrice, caro lettore,

questo articolo si trova nell’archivio di salto.bz!

Abbonati a salto.bz e ottieni pieno accesso ad un giornalismo affermato e senza peli sulla lingua.

Noi lavoriamo duramente per una società informata e consapevole. Attraverso vari strumenti si cerca di sostenere economicamente questo sforzo. In futuro vogliamo dare maggior valore i nostri contenuti redazionali, e per questo abbiamo introdotto un nuovo salto-standard.

Gli articoli della redazione un mese dopo la pubblicazione si spostano nell’archivio di salto. Dal primo gennaio 2019 l’archivio è accessibile solo dagli abbonati.

Speriamo nella tua comprensione,
Salto.bz

Abbonati

Già abbonato/a? Accedi e leggi!

Advertisement
Advertisement
Ritratto di alfred frei
alfred frei 22 Gennaio, 2020 - 10:56

l'autonomia provinciale richiede da parte del governo nazionale la presenza e l'impegno continuativo di persone che hanno una particolare esperienza e padronanza della questione, anche per i suoi riflessi e collegamenti internazionali. Il senatore Bressa per molto tempo ha assolto e assolve a questa delicata funzione in maniera più che soddisfacente. Dovrebbe bastare per rimanere al di sopra delle polemiche di giornata. o No ?

Advertisement
Advertisement
Advertisement