Funicolare del Virgolo
Francesco Leo
Advertisement
Advertisement
Bolzano

Virgolo, fronte comune Team K-Verdi

Sulla riqualificazione sostenibile della collina, il Team K ritira i suoi documenti-voto e trova l'accordo con i Verdi. Messo sotto tutela il tracciato della funicolare.
Di
Ritratto di Valentino Liberto
Valentino Liberto21.12.2021
Advertisement

Support Salto!

Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement
Advertisement
Ritratto di alfred frei
alfred frei 21 Dicembre, 2021 - 17:17

... und die fortschrittlichen, umweltfreundlichen Kräfte im Gemeinderat (PD - usw.) schließen sich dem Vorhaben an, oder nicht ?

Ritratto di Cri -
Cri - 21 Dicembre, 2021 - 18:00

Bene, ma sono legittimi i referendum dedicati esclusivamente alla tutela degli interessi di questa gente? Non se ne può più. Non è che adesso dobbiamo andare a votare per tutti i sogni fantasmagorici che si fa Benko, basta. Si tratta di soldi pubblici, beni pubblici, verde pubblico.

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 21 Dicembre, 2021 - 21:36

Impressionante come sia Team K che Verdi abbiano a cuore solo ed esclusivamente il Virgolo. Che ricordiamo è abbandonato da decenni ed è un ottimo luogo per bucarsi. Tutti gli altri problemi non esistono ,solo Virgolo. Congratulazioni! Se dovessimo dare voce ai Bolzanini finirebbe come con il Waltherpark, con buona pace di questi figli dei fiori del terzo millennio. Gli stessi che vedono in Bolzano tutti i mali del mondo. Tutti i problemi del mondo sono a Bolzano, e solo a Bolzano. Congratulazioni!

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 21 Dicembre, 2021 - 21:48

E aggiungo che se i bolzanini potessero votare lo farebbero anche per una circonvallazione, per spostare l' autostrada, per una fermata in zona industriale del treno. Ma chi se ne frega dei veri problemi dei bolzanini.

Ritratto di Cri -
Cri - 21 Dicembre, 2021 - 22:15

@Sig Mollica, i bolzanini hanno già votato e scelto i loro rappresentanti, Hager non è uno di loro, Lei neanche, con tutto il rispetto.

Certo, usare il “referendum” e quello che i “bolzanini vogliono” è facile ma anche al limite della legalità, se viene a mancare l’utilità pubblica come nel caso del centro commerciale (che tra l’altro ci costa cifre importanti mai precisate prima del “referendum”). Il referendum non nasce per coccolare l’Ego di tutti i magnati con abbastanza soldi da investire in marketing fittizio e campagne di persuasione.

In questo articolo si parla del Virgolo, in altri articoli troverà altre iniziative del Team k, qui non si tratta di loro o altri partiti e non capisco davvero perché sente la necessità di fare campagna elettorale in un contesto del genere.

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 22 Dicembre, 2021 - 07:50

Considerato che lei, in un certo senso, nega ad altri, nella fattispecie Hager e Mollica, il diritto di esprimersi sulle questioni bolzanine in quanto non rappresentanti eletti, mentre lei ci delizia con la sua opinione in merito, devo presuppore che lei sia un rappresentante eletto. O no?
Tuttavia, le ricordo il chiarissimo esito del referendum che finì per dimostrare la volontà dell'opinione pubblica. Volontà che senza tale referendum sarebbe stata pacificamente disattesa per favorire, in quel caso si, interessi privati. Ridurre l'utilità pubblica al realizzando centro commerciale non è cosa seria.
E le ricordo anche che alla fine la realizzazione di tale progetto porta soldi nelle casse comunali, non viceversa, anche se attualmente e per il momento si vedono soprattutto i lati negativi dello stesso.

Ritratto di Cri -
Cri - 22 Dicembre, 2021 - 12:04

@ Carissimo Sig. Klotz, le ho negato nulla, ho solo ricordato che ci sono delle regole in una società civile che vanno rispettate, regole modificate a piacimento in questo caso con tanto di Lex Benko grazie a Spagnoli, Tommasini & co, campagne di marketing unilaterale che hanno portato pói all’esito che tutti conosciamo. Provi a immaginare se avessero fatto una legge del genere per un qualsiasi altro imprenditore locale, impensabile. Mettere la pianificazione urbana nelle mani dei privati, assurdo.

Ci vuole fegato per dire che quel centro commerciale ha un’utilità pubblica e riguardo i soldi che entreranno nelle casse del comune non oso immaginare i meravigliosi benefici che una società immobiliare con sede in Belgio o simile può portare per la città, so che è contro il suo credo ammetterlo, ma si tratta di interessi privati, leciti in condizioni normali, illeciti se per realizzarli si creano squilibri politici, si commissiona un Comune, si denigrano imprenditori locali e si paga addirittura un referendum ad personam.

Poco tempo fa Alfreider diceva che bisogna limitare l’uso delle auto per accedere al Centro storico, peccato che ci sono 800 parcheggi in arrivo…crazy :-). Lei abita in centro? Il tempo è galantuomo, tra 20 anni ne possiamo riparlare e aggiornarci sugli “effetti benefici” del centro commerciale, ad oggi solo polvere, traffico snervante x l’avanti indietro continuo di camion, falda perforata e 27 mil pubblici spesi. Oggi, domani si vedrà.

Ritratto di Herta Abram
Herta Abram 22 Dicembre, 2021 - 14:40

Bravo CRI!
Die Bewahrung unseres Hausbergs vor der Zerstörung durch Megaprojekte und seine sanfte Erschließung als naturbelassene Naherholungszone muss das vorrangige gemeinsames Interesse sein.
Alles andere wäre zum Schaden unserer Nachkommen.

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 22 Dicembre, 2021 - 15:04

Frau Abram, schauen Sie sich das Projekt genauer an. Sie können das im 5. Stock des Sparkassengebäudes am Waltherplatz tun. Dann kann man sachlich darüber diskutieren.

Ritratto di Herta Abram
Herta Abram 23 Dicembre, 2021 - 08:59

Herr Klotz, ich denke wir sind uns beide einig: Diskussion, Kritik und Debatte sollten das Ziel haben die beste, zukunftsfähige Lösung zu finden.
Aus meiner persönlichen Haltung heraus, stelle ich Natur, bzw. Naturschutz an die erste Stelle. - Auch weil, die Einstellung „Uns betrifft der Klimawandel ja nicht“ ein natürliches Ablaufdatum hat. Auch hier in Südtirol.
Die Erkenntnis, dass man wirklich alles tun muss, was möglich ist, um diese Entwicklung doch noch irgendwie aufzuhalten, wird zum selbstverständlichen Ausgangspunkt jedes Gesprächs werden. Der Überlebenstrieb wird neu und wach sein und zur Triebfeder werden. Manche bewussteren Menschen, überall auf der Welt, haben dieses Gefühl allerdings schon jetzt; einige wenige haben es bereits seit Jahrzehnten. Davon bin ich überzeugt.
Das bisherige Wirtschaftssystem, und ein Weitermachen wie bisher, wird diese Veränderung nicht schaffen.
Deswegen müssen Innovation, Technologie und Wirtschaft auf gemeinwohlfördernden Werten wie Kooperation und Solidarität statt auf Konkurrenz und Gewinnmaximierung aufgebaut sein und der Schutz der Natur muss an erster Stelle stehen.
- Eine befreundete Biologin hat die gegenwärtigen Herausforderungen kompakt zusammengefasst:
„Die größte kulturelle Leistung des Menschen im 21 Jahrhundert wird sein, sich zurückzunehmen.“

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 26 Dicembre, 2021 - 08:34

Frau Abram, ich lebe persönlich Umweltschutz jeden Tag, beispielsweise verkehrstechnisch. Mit dem Pochen auf Erhaltung der Natur rennen Sie bei mir offene Türen ein. Genau aus dem Grund empfehle ich Ihnen das Projekt näher zu begutachten.
Ich kenne den Virgl wie meine Westentasche, da er in meiner Jugend praktisch mein Abenteuerspielplatz war. Ich versichere Ihnen es ist Zeit, dass man diese Müllhalde aufräumt und etwas daraus macht.

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 22 Dicembre, 2021 - 15:03

Se legge bene, io non ho scritto nulla prima del suo commento, per cui è chiaro che a ME non ha negato nulla, ma lo ha fatto nei confronti di Hager e Mollica. Basta un po' di logica.
Se si ricorda è stata la maggioranza della popolazione ad esprimersi a favore del progetto Benko, quindi non c'è nessuna lex Spagnolli (che in quanto Sindaco non è un organo legislativo), né una lex Tommasini. Semplicemente l'interpretazione della volontà popolare. E glielo dice uno che non frequenta centri commerciali, ma che semplicemente mette i puntini sulle i. Lei pare non sapere affatto come si è arrivati all'approvazione del progetto. Che non sappia nulla del progetto lo conferma anche l'affermazione della "falda perforata".
Ci vuole fegato per NON riconoscere la pubblica utilità tra viabilità riorganizzata, arredo urbano di un quartiere finora meno che decente, di tasse per le casse comunali e posti di lavoro. Certo, vi è anche un'utilità privata in tutto questo, le sembra disonesto che chi investe voglia avere anche un tornaconto?
Se poi considera la zona vicino alla stazione "centro storico" mi sa che non ha ben chiaro lo sviluppo della città, infatti siamo in periferia. Si, abito in centro a ridosso del centro storico e soprattutto, per prevenire un eventuale attacco su questo piano: no, l'implementazione del progetto non mi porta nessun vantaggio se non quello, idealistico, di vedere riqualificata una zona da anni in stato di degrado anche viabilistico, senza che nessuno c'abbia mai messo mano (soprattutto per mancanza di interesse).
Ovviamente da democratico, accetto la sua posizione ostile nei confronti della trasformazione di questa parte di città, ma almeno abbia la compiacenza di poggiare la sua posizione su fatti e non su dicerie. Grazie.

Ritratto di Cri -
Cri - 22 Dicembre, 2021 - 15:46

Lei ha la memoria corta se nega l’esistenza di una legge modificata apposta per permettere la realizzazione del progetto. Lo chieda a Tommasini, lui si ricorderà di sicuro.

Abbiamo ideali diversi e va bene così, via Alto Adige è a due passi dal centro storico, la periferia è un’altra cosa :-)). In effetti, gli affitti saranno in linea con quelli del centro mica della periferia, quindi periferia per lei, per chi ha orchestrato tutto questo show centro. Da uno che pretende fatti ci si aspetta più oggettività e meno idealismo di parte. Ci sono modi e modi per fare impresa, i loro modi sono un po’ selvaggi per i miei gusti, tutto qui.

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 23 Dicembre, 2021 - 07:49

Lei si sbaglia se pensa che io sia favorevole alla cementificazione del tessuto urbano, ma non sto certo a guardare se qualcuno si butta nella mistificazione. Il fatto che i Verdi, in larghissima parte apprezzo la loro attività, scrivano che ci si trovi di fronte a una Lex Tommasini, non è certamente una prova. In effetti l’art. da lei citato serve per favorire iniziative private di qualsiasi genere e infatti la proposta di Benko non fu l’unica. Certamente, a differenza di quanto sostiene, non esiste una lex Spagnolli.
Lei continua a bypassare l’espressione della volontà popolare che è, per quanto mi riguarda, ciò che maggiormente importa nella circostanza (come abbiamo, allora tristemente, notato nel „caso“ ridenominazione di piazza Vittoria).
E bypassa poco elegantemente anche il discorso della posizione periferica della zona. Il suo riferimento all’aumento degli affitti certamente non è un argomento per confutare lo stato reale e attuale.
Sia più obiettivo lei, perché è proprio lei ad essere mosso da posizioni ideologiche. Chiudiamola qui.

Ritratto di Cri -
Cri - 26 Dicembre, 2021 - 15:33

In realtà i Verdi, come dell’altro tutti i giornali regionali, avevano chiamato la legge “Lex Benko”, pensi l’audacia…

Ben venga l’espressione della volontà popolare, ma solo ed esclusivamente se si tratta di iniziative che possono portare benefici alla comunità, non solo ad un privato, e solo se l’informazione è leale, corretta e completa, non marketing fittizio con esclusione dei rischi, costi che va a coprire la comunità (come i 27 mil del centro commerciale), disagi causati dal cantiere, durata reale, impatto etc. Vendere sogni sono tutti buoni, ma le persone vivono nella realtà, e la realtà vista sul WaltherPark era molto lontana dalle promesse ante-referendum.

Le posso dire che pur trovando questo progetto “forzato” e invasivo (non per la sostanza, ma per le sue dimensioni e modi di approvazione), offre un elemento che non mi dispiace: l’hotel, questo perché a Bolzano le strutture che offrono un’accoglienza di qualità sono relativamente poche. Ecco, fatto, mi è sfuggito un mezzo complimento, a Natale siamo tutti più buoni.

Buone Feste :-).

Advertisement
Advertisement
Advertisement