quartiere sostenibilita
CNA
Advertisement
Advertisement
Bolzano

Un quartiere (in)sostenibile

Claudio Corrarati (CNA) propone un quartiere residenziale in Zona industriale per contrastare il caro casa. Il sindaco Caramaschi lo stoppa: "Prima il Piano urbanistico".
Di
Ritratto di Valentino Liberto
Valentino Liberto23.08.2022
Advertisement

Support Salto!

Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 23 Agosto, 2022 - 12:30

L' idea non è male e ha una sua logica. Il problema è che se poi questi nuovi edifici vengono acquistati da chi ha soldi e specula allora non si risolve il problema. L'altro giorno leggevo da un'altro giornale che gli affitti per studenti sono a 600€ al mese. Abbiamo passato i limiti imposti dall'etica. Abbiamo edifici interi sfitti e il centro storico in mano al booking. Siamo in far west e quello che più mi dispiace è che chi ci governa (dal Comune alla Provincia) vive tranquillamente come se nulla fosse.
Stiamo per essere travolti da uno tsunami economico di livello mondiale, ma per chi sta bene economicamente sarà solo una piccola brezza.

Ritratto di Faber Simplicius
Faber Simplicius 23 Agosto, 2022 - 16:07

Chi ci mette il capitale lo fa per investire e trarre profitto. Altrimenti non fa bene il suo mestiere od il suo tornaconto.
L'idea è una sparata senza capo né coda, e fa specie venga da chi dovrebbe tutelare le realtà produttive, in primis quindi le aree produttive dove queste attività si possono svolgere. A meno di non voler pensare a chi ha lì qualche capannone od ufficio e "vuole tirare i remi in barca" e quindi ricavarsene un gruzzoletto...
Dal punto di vista urbanistico ed ella viabilità, la situazione è già così compromessa che gravarla di ulteriore traffico e presenza antropica stabile/residenziale è pura follia. Oltretutto con la sopraelevata autostradale che scarica sul basse sicuramente aria non pulita...
La città deve espandersi verso ovest, nell'intoccabile "cuneo verde", ....oppure verso est, recuperando il tempo perduto sull'areale ferroviario ...

Ritratto di Alberto Stenico
Alberto Stenico 23 Agosto, 2022 - 17:45

I datori di lavoro e altri Enti profit e non profit devono avere la possibilità e l'impegno di realizzare foresterie e alloggi per lavoratori. Lo hanno fatto nel passato, per fortuna. Kolpingshaus, Casa del Giovane Lavoratore, Cotonificio, case ferrovieri, postali, Acciaierie, Lancia, Magnesio, Militari, ecc. Ecc. Solo così Bolzano si è potuta sviluppare a vantaggio di tutti. Ripartiamo da lì.

Ritratto di Stefan TAFERNER
Stefan TAFERNER 24 Agosto, 2022 - 13:53

Dato che le costruzioni del Sig. Corrarati in zona industriale sono quasi completate, mi pare doveroso che ci dia una spinta. Magari fra qualche anno anche un Urlaub auf dem Bauernhof vicino alla Vives???

Advertisement
Advertisement
Advertisement