Inserzione
La compositrice di origine finlandese Kaija Saariaho
giovani critici

Non solo suggestioni classico-romantiche

Ottima direzione di Clements Schuldt che guida l'Orchestra Haydn da Mozart a Beethoven passando da un'opera contemporanea in prima esecuzione italiana
Inserzione

Performance entusiasmante quella del quarto concerto della stagione sinfonica della Haydn, tenutasi martedì 21 novembre 2017 all'auditorium della stessa orchestra. Grandissimi i compositori proposti: Wolfgang Amadeus Mozart e Ludwig van Beethoven, in compagnia della compositrice finlandese contemporanea Kaija Saariaho.

A dirigere l'orchestra è stato il giovane direttore Clements Schuldt, che ha aperto con la Sinfonia mozartiana n.33 in Si bemolle maggiore, suddivisa nei tipici quattro movimenti. L'Allegro iniziale è stato eseguito brillantemente sia dagli archi che dai fiati e ha creato un'atmosfera quasi surreale, trasportando gli ascoltatori in una mite primavera, grazie a toni pacati e graziosi. Successivamente gli archi hanno dominato nell'Andante moderato, mentre nel Menuetto l'interpretazione di Schuldt ha accentuato vistosamente la vivacità e il carattere incalzante del ritmo. Infine, l'Allegro conclusivo ha mantenuto il pubblico divertito e attento, dalla prima all'ultima nota.

La seconda opera musicale, in prima esecuzione italiana, è stata Nymphea Reflection. La compositrice è Kaija Saariaho, nata a Helinski nel 1952, esperta in musica da camera e autrice di importantissime opere teatrali. Nymphea Reflection è una dedica al pianista e direttore d'orchestra Christoph Eschenbach e nasce come quartetto d'archi. Il nome dato alle sei sezioni della composizione può dare un'idea del carattere dell'opera: Sostenuto, Feroce, Dolcissimo, Lento espressivo, Furioso e Misterioso. Il brano è infatti introdotto da una nota sostenuta e quasi lamentosa, che ha saputo trasmettere fin da subito una sensazione di angoscia e di disagio. Accordi dissonanti e schema ritmico-melodico del tutto singolare, hanno reso ogni battuta un mistero, così da rendere impossibile all'ascolto qualsiasi aspettativa. Il flebile suono quasi elettronico (anche se prodotto interamente e solo dagli strumenti dell'orchestra), è stato il filo conduttore per tutto il corso del brano, e non ha lasciato alla suspense un attimo di tregua. Particolarmente d'effetto è stata la poesia di Asenij Tarkovskij, bisbigliata dai membri dell'orchestra durante l'esecuzione del brano: voci nella testa di un folle? O forse la nostra coscienza? Ricordi? Un sogno? Un sogno sì, surreale e ambiguo, quello della Saariaho, ma sicuramente unico e curioso, e che piaccia o no, capace di far riflettere, di svegliare gli animi.

L'ospite d'onore del concerto, che ha regalato al pubblico il momento forse più carico di energia, è stato infine Evgeni Bozhanov, giovanissimo ma già pluripremiato pianista bulgaro. Bozhanov ha interpretato in maniera limpida e appassionata ogni frase dell'“Imperatore”, quinto e ultimo Concerto per pianoforte e orchestra che ci ha lasciato Beethoven, interagendo e fondendosi bene con l'orchestra. In un secondo momento, il pianoforte ha fatto da protagonista, con tanto di trilli e arpeggi prolungati: pura energia che dalle mani di Bozhanov, ha risalito il corpo fino a riemergere dalle espressioni facciali quasi esagerate dello stesso pianista. Si può dire che fosse il piano a suonare il pianista, o così pareva, e la maestosità impetuosa che ha saputo muoverlo, ha senza dubbio mosso anche i sentimenti di ogni spettatore lì presente.

Per chi non avesse assistito al concerto e per chi volesse riascoltarlo, Rai Südtirol trasmetterà il concerto su Radio Live domenica 25 febbraio 2018 alle ore 20.

Chiara Avanzo, Martina de Noia

Liceo Pascoli classe 5M - indirizzo musicale

Inserzione
Inserzione

Più commentato

Partecipa!
Registrati o accedi