Tempo
Piergiorgio Branzi
Advertisement
Advertisement
Bilanci

È andata bene (finora)

Le generazioni del dopoguerra cresciute in Europa occidentale non hanno da lamentarsi. Hanno vissuto a lungo in una condizione favorevole che ora mostra la sua precarietà
Colonna di
Ritratto di Lucio Giudiceandrea
Lucio Giudiceandrea27.03.2020
Advertisement
“Andrà tutto bene!” Lo diciamo più che altro contando sul potere evocativo delle parole. Se sarà davvero così non lo sappiamo con certezza. E inoltre stiamo già pagando un prezzo (anzi un acconto) che nessuno, poche settimane fa, avrebbe immaginato. Se però anziché al futuro decliniamo la frase al passato, possiamo affermare che sì, finora è andata bene!
Non per tutti, intendiamoci. Non per la generazione che ha vissuto l'ultima guerra mondiale e ne ha riportato traumi pesanti. E neppure per i giovani, intendendo per “giovani” coloro che hanno ancora gran parte della vita davanti: non possiamo dire quale futuro li aspetta e dunque meglio astenersi da un bilancio. Se non un bilancio, possiamo tentare una previsione per chi vive, poniamo, in Nigeria, in Irak, in Bangladesh, in Venezuela o in altri paesi devastati da fame, malattie, disastri ambientali, carestie, violenza, dittature e altre calamità: ha scarse probabilità che gli vada bene. Così l'aborigeno in Australia, il tibetano in Cina (e la stessa gran parte dei cinesi), il senegalese in Italia e via dicendo. L'elenco è lungo...
 
Noi figli dell'Europa occidentale nati nel dopoguerra una prova capace di rivoltare l'esistenza non l'avevamo vissuta. E dunque, fino al Covid-19 è andato tutto bene! Possiamo dirlo, a questo punto. Per la maggior parte della nostra vita abbiamo avuto pace, libertà e benessere. Guardiamoci intorno, limitandoci all'Europa e al suo mare: in Siria infuriano bombardamenti e scontri da nove anni; dura da sei anni il conflitto tra Ucraina e Russia nel Donbass; nei Balcani, sull'altra sponda dell'Adriatico, venticinque anni fa accadevano cose che fa orrore ricordare, né l'area si può dire, ad oggi, pacificata. Insieme alla pace noi figli dell'Europa occidentale abbiamo avuto la libertà, condizione risparmiata a tanti paesi martoriati da regimi corrotti e sanguinari, ai cinesi e ai tanti popoli dominati da quella che fu l'Unione sovietica, apparentemente senza conflitti dalla fine della seconda guerra – salvo correre in soccorso di paesi “amici”, come il Tibet, l'Ungheria e la Cecoslovacchia.
Noi figli dell'Europa occidentale nati nel dopoguerra una prova capace di rivoltare l'esistenza non l'avevamo vissuta. E dunque, fino al Covid-19 è andato tutto bene! Possiamo dirlo, a questo punto
Di libertà ne abbiamo avuta in tale misura, da permettere a una parte minoritaria della società (ma con grande forza d'agitazione) di tramare contro di essa, teorizzando rivoluzioni e dittature: per fortuna senza successo. E infine abbiamo goduto di una lunga fase di crescita economica che ha permesso, se non a tutti, alla grande maggioranza della popolazione di migliorare le proprie condizioni di vita, grazie a uno stato sociale che ti segue, assiste e sostiene dalla culla alla bara: privilegio risparmiato per esempio ai cittadini degli Stati Uniti, che pure hanno avuto libertà e crescita economica – la guerra l'hanno per così dire esportata in altri paesi.
 
Noi abbiamo vissuto se non nel migliore dei mondi possibili, nel migliore dei mondi che si siano storicamente dati. Che quella condizione non potesse durare ancora a lungo era evidente già da tempo. In questo senso, il Covid-19 è interpretabile come segno dell'interdipendenza e della fragilità dei sistemi. Il nostro modello di produzione e consumo causa cambiamenti climatici; l'agricoltura industriale distrugge biodiversità, che a sua volta è un fattore di stabilità degli ambienti; lo sfruttamento e il saccheggio dei paesi “terzi” spinge milioni di persone a migrare; la rivalità economica tra gli stati porta a guerre e conflitti per il controllo delle risorse.
Il migliore dei mondi storicamente dati poteva esistere grazie ad altri mondi che ne garantivano l'ordine e ad altri ancora che contribuivano a pagarne i costi. Sicché non è che possiamo vantarci poi tanto, noi figli dell'Europa del dopoguerra. Limitiamoci a riconoscere che abbiamo avuto una gran fortuna, finora.

 

Il lockdown è finito. La crisi invece no. Ogni abbonamento a salto è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Simonetta Nardin
Simonetta Nardin 28 Marzo, 2020 - 12:08

Tutto verissimo, Lucio, anche se potremmo discutere a lungo se il costo imposto agli altri fosse una condizione senza la quale non avremmo avuto il benessere che abbiamo, oppure se avremmo potuto cambiare molto, e stare meglio tutti, dentro e fuori dai nostri confini... Ma certo, resta il fatto che in una fetta minuscola del mondo ha davvero vissuto la generazione più fortunata del pianeta (nel senso in cui la descrivi tu) - ora la nostra prova sarà quella di una ricostruzione che non prevede la rimozione di macerie fisiche ma dovrà sormontare le rovine delle nostre certezze... L’imperativo categorico innanzitutto sarà quello di non dimenticare questi momenti, sfruttiamo subito le lezioni impresse nei nostri cuori e nei nostri cervelli per colmare il disperato bisogno di idee nuove... Forza, andrà tutto bene se non ci dimenticheremo quanto facilmente e improvvisamente può andare tutto storto.

Ritratto di Elisabeth Ladinser
Elisabeth Ladinser 15 Aprile, 2020 - 11:22

Danke, Lucio, für diesen Blick zurück! Wir westliche Europäer sind es in der Tat nicht gewohnt, irgendwelche Einschränkungen und Entbehrungen hinzunehemen, auch wenn es sich in den letzten Jahren sehr deutlich gezeigt hat, dass unsere Welt in ihrer Gesamtheit (Menschen und ökologische Systeme) durch unser Tun und Handeln dem Abgrund zusteuerte. Nur durch gezielte, konkrete Einschränkungen kann ein Kurswechsel vorgenommen, und damit ökologisches Gleichgewicht und soziale Gerechtigkeit auf der ganzen Welt, wenn nicht erreicht, so doch wenigstens als Ziel angesteuert werden. Viellicht, hoffentlich, läutet Corona diesen Kurswechsel ein!

Advertisement
Advertisement
Advertisement