Advertisement
Advertisement
Tensioni

“Proprio un bel modo di ricucire le ferite”

Sul Corriere della Sera Gian Antonio Stella è tornato a parlare di Schützen, tricolore e alpini. Usando parole forti come non mai.
Advertisement
Advertisement

Liebe/r Leser/in,

wieviel ist Ihnen unabhängiger Journalismus wert?

Dieser Artikel befindet sich im Salto-Archiv und ist nur für Abonnenten und Spender zugänglich.
Unterstützen Sie salto.bz und erhalten Sie Zugang auf über 5 Jahre kritischen Journalismus!
Sie besitzen noch kein salto.bz-Abo?

Mit (ab) einem Mini-Abo von 12 Euro für ein Jahr erhalten Sie Zugang zu allen Artikeln auf salto.bz. Wählen Sie jetzt Ihr Abo!

Selbstverständlich freuen wir uns auch über jede weitere finanzielle Unterstützung. Ihre Spendenbereitschaft hilft uns, auch weiterhin unabhängig bleiben zu können und die laufenden Kosten und notwendigen Investitionen zu tragen.

Jetzt ein Abo abschließen!

Sollten Sie bereits ein Abo auf salto.bz abgeschlossen haben, aber über keinen Zugang verfügen, melden Sie sich bitte einfach unter info@salto.bz

Redaktionelle Artikel, die auf salto.bz erschienen und vor 6 Monaten online gegangen sind, sind ab sofort kostenpflichtig. Vielen Dank für Ihr Interesse und Ihre Unterstützung!

Sind Sie bereits salto.bz-Abonnent? Melden Sie sich bitte unter info@salto.bz

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Ritratto di Stefan Kofler
Stefan Kofler 27 Maggio, 2015 - 19:34
Di seguito uno scritto della Legione Trentina. Ai lettori il giudizio sull'operato del Presidente degli Alpini, che ancora oggi la definisce "gloriosa". LEGIONE TRENTINA Associazione fra i Trentini combattenti nel R. Esercito Trento, 10 Aprile 1919 MEMORANDUM SU L’OPERA DI EPURAZIONE AL POPOLO TRENTINO, ALLE AUTORITÀ I volontari trentini, nell’imminenza della sospirata annessione ufficiale all’Italia, di fronte alla sfacciata invadenza di certa gente indegna resa possibile solo dall’eccessiva biasimevole tolleranza del pubblico e conseguente spiegabile acquiescenza dell’Autorità, ritengono un dovere riaffermare completo il loro pensiero su una questione che tanto appassiona e preoccupa l’animo dei patriotti. Essi sentono di additare in tal modo la sola via che possa condurre alla concordia duratura, necessaria nel nostro paese e da tutti sinceramente auspicata. La nostra gente, sia che partecipasse ardentemente alla lotta nazionale, sia che, assillata dalle necessità e dalle strettezze della vita, non si occupasse di politica, era e si sentiva tutta nell’intimo dell’animo profondamente italiana: questa coscienza videro prorompere in commossa esultanza i soldati d’Italia convergendo su Trento e riveste d’un aspetto sinceramente italiano tutte le manifestazioni del popolo nostro. La tenace italianità della gente trentina non potendo in nessun modo essere posta in dubbio, possiamo con tutta franchezza denunziare ed affrontare un male già verificatosi dal resto in passato - e in proporzioni anche più gravi - nelle altre nobilissime regioni d’Italia che conobbero l’oppressione austriaca. Esistono delle persone che, per pochezza d’animo, o perché nate e cresciute nell’aulico ossequio all’autorità, costituita, o per interesse, hanno offeso il sentimento del nostro popolo mostrando ostentatamente il loro attaccamento agli Absburgo; degli individui che 1’austrofilia esasperarono fino al disprezzo ed all’odio per quanto era italiano, taluno giungendo fino a manifestare la propria gioia per un rovescio delle armi nostre, tal altro scendendo fino all’obbrobrio di chiedere “1’onore” di combattere al fronte italiano. Accanto a questi ultimi, esiste un numero per fortuna limitatissimo di esseri abbietti, strumenti coscienti dell’oppressione straniera, che, per lucro, per vendetta, o per altri turpi moventi, emularono la ferocia degli sbirri austriaci. Questi individui non possono restare impuniti: ogni generosità, ogni clemenza suonerebbe ingiuria a quanti hanno sofferto per aver amato la patria, sarebbe considerata segno di debolezza dalla stessa gente indegna. Non rappresaglie chiedono i volontari trentini, sibbene quella giusta sanzione che i colpevoli stessi attendono: per gli austriacanti, freddezza da parte del pubblico, esclusione dalle Associazioni, eliminazione dai pubblici uffici o trasferimento in altra regione; per i rinnegati, per i disonesti, per i fiduciari dell’Austria, per le spie, per i vermi della società, il disprezzo della pubblica opinione, il boicottaggio da parte dei cittadini, l’esclusione da qualsiasi impiego pubblico e privato. Compiuta questa giusta e doverosa opera di epurazione e raggiunte in tal modo la tranquillità del Paese e la concordia degli animi, il Trentino nostro riprenderà fiducioso e con animo forte il lavoro intenso necessario per il suo risorgere dopo le perdite inestimabili di vite e di beni. LA LEGIONE TRENTINA
Advertisement
Advertisement
Advertisement