Jobs act
upi
Advertisement
Advertisement
Lavoro

I mancati benefici del Jobs Act

I contratti a tempo determinato aumentano rispetto al tempo indeterminato. Perini (IPL): “La misura di Renzi non ha portato in Alto Adige a un’occupazione più stabile”.
Advertisement
Salto Plus

Cara lettrice, caro lettore,

questo articolo si trova nell’archivio di salto.bz!

Abbonati a salto.bz e ottieni pieno accesso ad un giornalismo affermato e senza peli sulla lingua.

Noi lavoriamo duramente per una società informata e consapevole. Attraverso vari strumenti si cerca di sostenere economicamente questo sforzo. In futuro vogliamo dare maggior valore i nostri contenuti redazionali, e per questo abbiamo introdotto un nuovo salto-standard.

Gli articoli della redazione un mese dopo la pubblicazione si spostano nell’archivio di salto. Dal primo gennaio 2019 l’archivio è accessibile solo dagli abbonati.

Speriamo nella tua comprensione,
Salto.bz

Abbonati

Già abbonato/a? Accedi e leggi!

Noi di salto.bz continuiamo a lavorare sodo anche durante la crisi attuale per fornirvi notizie, analisi e retroscena in modo indipendente e critico. Sostienici e abbonati ora per garantire lunga vita a salto.bz!

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 26 Novembre, 2018 - 15:29

Dai dati presentati dalla Provincia qualche giorno fa risulta che l'occupazione in Alto Adige non è mai stata così alta. Comunque, detto questo, sia il sig. Perini che la redazione di Salto possono stare tranquilli perché Renzi non c'è più e al suo posto c'è il mitico governo del cambiamento! Il Jobs Act verrà smantellato (e in parte hanno inziato con il decreto dignità) e finalmente verrà abolita la povertà!

Ritratto di Martin B.
Martin B. 26 Novembre, 2018 - 18:26

Das decreto dignità ist eine vermurkste Abänderung des Jobs Act (von max. 36 auf 12 + in Ausnahmefällen weitere 12 Monate). In kritischen Branchen werden befristete Verträge weiterhin zulegen, auch wenn 12 Monate wenig sind. Viel besser wäre m.M. den Jobs Act steuerlich einer für Arbeitnehmer besseren Situation entgegenzusteuern, z.B. im 1. Anstellungsjahr 150% der üblichen Arbeitssteuern, ab dem 2. Anstellungsjahr 125% oder wie laut Experten am besten austariert, das es für langfristig vorhandene Stellen unrentabel und nicht nur lästig ist, ständig Arbeitnehmer zu wechseln. Ansonsten sollte eigentlich die Probezeit ausreichen, um festzustellen, ob eine Zusammenarbeit langfristig Sinn macht.

Advertisement
Advertisement
Advertisement