Referendum
Unsplash
Advertisement
Advertisement
la consultazione

"Un no all'Svp, un sì alla democrazia"

Il fronte del NO al referendum esulta per la netta vittoria. "Un chiaro messaggio alla Volkspartei".
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Alessandro Stenico
Alessandro Stenico 30 Maggio, 2022 - 08:17

Un risultato che non si discosta dalle previsioni, è la scarsa affluenza che ha caratterizzato questa chiamata alle urne. Il risultato del „no“ era più che scontato. Non ci ha guadagnato nessuno, neppure l'opposizione che non è riuscita a mobilitare i suoi simpatizzanti. Basta fare le dovute proporzioni, alle ultime elezioni provinciali le liste che si riferivano all'opposizione ricevettero 127.483 voti e i „no“ al referendum sono stati 70.842, non hanno goduto del beneficio della crisi del partito di maggioranza dovuta anche allo scandalo SAD.
Sempre sulle affluenze, con le dovute differenze dovute anche per l'abbinamento ad altre elezioni, almeno per il referendum costituzionale del 2020, è interessante ricordare gli ultimi due appuntamenti referendari. Nel 2020 al referendum costituzionale l'affluenza da noi fu la più alta di tutto il resto del Paese e arrivò al 69,97%, a quello provinciale del 2016 sull'aeroporto l'affluenza arrivò al 46,7%. Sono curioso a quale affluenza arriveremo tra due settimane ai referendum sulla giustizia ?

Ritratto di Christoph Moar
Christoph Moar 30 Maggio, 2022 - 08:27

Sui cinque questiti alla giustizia io rischio un pronostico: meno del 10% di affluenza.

Ritratto di Alessandro Stenico
Alessandro Stenico 30 Maggio, 2022 - 08:37

A livello locale concordo con meno del 10%, a livello nazionale le previsione si attestano sul 30%

Ritratto di Alessandro Stenico
Alessandro Stenico 30 Maggio, 2022 - 16:13

Sulla “La Stampa” di oggi Giovanni Maria Flick, ex ministro della Giustizia e presidente della Corte Costituzione ribadisce in un intervista che i referendum sono inadatti per questioni di giustizia: «Per quesiti tecnici non funziona la logica binaria del votare sì o no»

Non si discosta tanto dall'articolo di Stefano Passigli sul Corriere “Sartori demolitore di miti”

Il libro che lo impose fu nel 1957 Democrazia e definizioni, in cui delineava quella difesa della democrazia rappresentativa contro le seduzioni della democrazia diretta e gli inganni dei regimi totalitari costante nel suo pensiero. A ciò si univa una visione realistica della democrazia ove alla maggioranza si assegna il compito di scegliere con il voto a quale tra le minoranze in competizione delegare il potere di governare.
Questa visione ha sempre portato Sartori ad un netto contrasto con i sostenitori della democrazia referendaria. Piú volte, infatti, egli ha indicato come lo strumento referendario sia in radice ingannevole: laddove il quesito referendario non si presti ad una chiara risposta si-no, come invece nel caso delle grandi questioni etiche (divorzio, aborto, interruzione assistita della vita), i referendum chiedono ai cittadini di pronunciarsi senza possibilità di modifiche su di una domanda formulata da una ristretta minoranza di proponenti. Presentato come massimamente democratico perché espressione del volere popolare, in realtà il referendum si rivela cosí come uno strumento elitistico perché inevitabilmente viziato da una quesito inemendabile formulato da un piccolo gruppo di proponenti.

Ritratto di Christoph Moar
Christoph Moar 30 Maggio, 2022 - 16:25

Concordo largamente. Ho letto i cinque quesiti (https://www.interno.gov.it/it/notizie/quesiti-e-colori-schede-i-referend...) e con tutta la nuova volontá che ci posso mettere mi sembra inconcepibile porre domande talmente tecniche al "popolo" sovrano. Saró ben riuscito ad informarmi e a farmi un opinione - spero fondata - sulla domanda di questa Domenica passata, ma su dettagli finemente tecnici di magistrati e magistratura vogliono andare a chiedere l'opinione a 51 milioni di persone? Sono sconcertato. E d'accordo, vada anche per i 30% di affluenza, mi lascio stupire. Qui da noi, se il tempo é bello, punto ancora sul sotto 10%. ;)

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 30 Maggio, 2022 - 08:33

E' la politica, tutta, che ha perso, ma non da oggi.
E nessuno che si prende le proprie resposnabilità!

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 30 Maggio, 2022 - 13:21

Già definire l'esito un no alla SVP, smaschera le vere intenzioni di chi ha insistito sul referendum, quando sarebbe stato più semplice e meno costoso correggere la legge, visto che, a quanto pare, entrambe le parti hanno capito cosa andrebbe cambiato.

Advertisement
Advertisement
Advertisement