lorenzinacht
St. Magdalener
Advertisement
Advertisement
Bolzano

Piazza 4 di notte

Il sindaco Caramaschi annuncia il ritorno dell'ordinanza "anti-degrado" per piazza Erbe e altre zone della città definite "calde": "Basta musica alle quattro di notte".
Di
Ritratto di Valentino Liberto
Valentino Liberto14.06.2022
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 14 Giugno, 2022 - 21:46

Non credo che vi sia la musica fino alle 4 di notte. Cmq ti accorgi che il mondo sta andando a rotoli perché per gli schiamazzi si fanno proclami. Per chi si inietta la droga nulla di nulla.

Ritratto di Ceterum Censeo
Ceterum Censeo 14 Giugno, 2022 - 22:30

non importa cosa crede l'uno piuttosto dell'altro, i fatti sono tali.

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 15 Giugno, 2022 - 08:42

Quali fatti? Li può portare Lei che non ha nemmeno il coraggio di firmarsi.

Ritratto di Christian I
Christian I 15 Giugno, 2022 - 13:39

Con tutto il rispetto, forse perchè gli schiamazzi ti tengono sveglio notte dopo notte fino all'esaurimento nervoso e i tossici (solitamente) no...?

Ritratto di Christian T
Christian T 15 Giugno, 2022 - 00:15

scheint fast als wollte Bozen keine Stadt für junge Menschen sein... die fuga dei cervelli hat auch in den Freizeitmöglichkeiten und dem Nachtleben ihre Ursachen...

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 15 Giugno, 2022 - 07:05

Wenn Sie ober oder in der Nähe eines Lokals wohnen, dann sieht die Sache anders aus. Ich spreche aus Erfahrung. Ich verstehe schon die Lust auf Ausgelassenheit und akzeptiere sie auch, es stellt sich allerdings schon die Frage, ob es wirklich nötig ist um 3 oder 4 Uhr in der Früh immer noch herumzugrölen, in Hausgänge zu urinieren und zu kotzen oder Flaschen zu zerdeppern. Was ist daran "Spaß" oder "Freizeitmöglichkeit"?

Ritratto di Gianguido Piani
Gianguido Piani 15 Giugno, 2022 - 08:12

Si potrebbe chiedere a Bill Gates, Jeff Bezos, Elon Musk e a numerosissime altre personalita' di successo quante volte abbiano fatto casino per strada alle 4 del mattino piuttosto che pensare ai loro affari. Tra i cervelli in fuga: Carlo Rubbia, Franco Modigliani, Samantha Cristoforetti... In quanti ci faremmo operare volentieri da medici che al tempo dell'universita' passavano la notte al bar piuttosto che, se proprio dovevano stare svegli, sui libri? Vadano le eccezioni per la festa di laurea, ma se ogni neolaureato festeggia una sera diversa, la citta' non dorme mai.

Ritratto di Christian I
Christian I 15 Giugno, 2022 - 13:41

Sie können gerne die junge Menschen bei ihnen daheim einladen, in ihrem Wohnraum und somit bei ihnen daheim einen Konzentrat an cervelli machen. Dann können wir in Ruhe wohnen und schlafen!

Ritratto di Gianguido Piani
Gianguido Piani 15 Giugno, 2022 - 08:13

E' possibile sapere quante trasgressioni sono state rilevate e l'entita' complessiva delle multe comminate?

Ritratto di Domenica Sputo
Domenica Sputo 15 Giugno, 2022 - 14:58

Le piazze sono per definizione uno spazio di raccolta, luoghi di incontro.
Le esigenze di quiete vanno dunque bilanciate con le esigenze di socialità delle persone, che si siedano nei dehors esistenti - pagando una consumazione - oppure che si accomodino su una panchina o un gradino - gratis.
Tralasciando poi il fatto che in ogni caso i locali con i dehors sono pochi e chiudono troppo presto, abitare su una piazza - o in una delle pochissime zone cittadine frequentate in orario serale - è una scelta.
La città è infatti piena di quartieri residenziali silenziosi in cui trasferirsi.
Se dunque si soffrono i rumori e si vive, ad esempio, in piazza delle Erbe o in piazza della Vittoria, la soluzione è semplice: sostituire serramenti e infissi vetusti beneficiando peraltro delle detrazioni fiscali (con un triplo vetro anche gli schiamazzi più intensi saranno impercettibili) oppure traslocare in una zona più adatta alle proprie esigenze di quiete.
Le piazze, a prescindere da qualsiasi tentativo di spogliarle, resteranno sempre e comunque contenitori di vita e di eventi.
E magari, un giorno, anche di concerti all’aperto, come già proposto da alcuni (https://www.altoadige.it/cronaca/bolzano/proposta-zoeggeler-un-arena-spe...).

Ritratto di M A
M A 15 Giugno, 2022 - 15:51

aha...

Ritratto di Christian I
Christian I 17 Giugno, 2022 - 13:25

Ottima idea! Prego scriva qui anche le sue coordinate bancarie cosí che la gente possa indicare i dati del sig. Sputo per i pagamenti dei nuovi infissi!

Ritratto di Alessandro Stenico
Alessandro Stenico 17 Giugno, 2022 - 14:03

“Sostituire serramenti e infissi vetusti beneficiando peraltro delle detrazioni fiscali (con un triplo vetro anche gli schiamazzi più intensi saranno impercettibili) oppure traslocare in una zona più adatta alle proprie esigenze di quiete.”
Questa soluzione porta ad una desertificazione dei centri storici, ci sono molti esempi anche in altri centri della provincia. Basta girare per le vie più centrali del mio centro storico, sempre più spazi abbandonati o affittati a chi non ha altra scelta tra i nuovi cittadini.
Chi si ribella a questa situazione, ha il mio appoggio, i tripli vetri li hanno già molti, ma voglio vedere se in una calda estate si riesce a dormire senza ventilare la casa. L'asserzione di vendere l'immobile e trasferirsi altrove, quando ci si abita da generazioni, la trovo sfacciata.

Riprendo sul tema parte della lettera controfirmata da molti abitanti del centro storico di Bressanone sul festival “Water – light”:

Vom Lebensraum zum Erlebnisraum Altstadt: Die nächtliche Illumination der Altstadt vermittelt die traurige Einsicht, dass der Stadtkern, Lauben und Graben kaum mehr Lebensraum sind: So leuchtet etwa die in den Lauben angebrachte Installation hinein in weitgehend leere Wohnungen, deren frühere Inhaber die Altstadt längst verlassen haben – auf der Suche nach besserer Wohnqualität, aber auch auf der Flucht vor der zunehmend kommerzialisierten Nutzung der Altstadt.
Im Klartext: Das W-L-Festival im Stadtkern ist nur deshalb möglich, weil sich die Altstadt als Lebensraum im Koma befindet. Und dass steuerzahlende Bürger*innen in ihrer Stadt für den Blick auf einige Licht-Attraktionen zur Kasse gebeten werden,geht gar nicht.

Ribadisco, che non ho niente contro alcune manifestazioni in centro, se si limitano ad un certo orario, direi fino alle una, ma poi va garantito il diritto al riposo.

Advertisement
Advertisement
Advertisement