Teleraffrescamento Waltherpark
studio Bergmeister
Advertisement
Advertisement
bolzano

Un buco nell’acqua fredda

L’acqua del fiume Isarco servirà a “raffrescare” il WaltherPark di Benko. Impianto e tubi saranno installati attorno al ponte Loreto (e al nuovo sottopasso ciclabile).
Di
Ritratto di Valentino Liberto
Valentino Liberto13.10.2022
Advertisement

Support Salto!

Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Cantieri 2024-26 Baustellen Bolzano
Salto.bz
Falda Waltherpark
Paolo Giacomoni/Facebook
Advertisement
Ritratto di Gianguido Piani
Gianguido Piani 13 Ottobre, 2022 - 11:58

Con la soluzione descritta non viene solo impattato l'ambiente, ma si spreca una fonte di calore. D'inverno ha senso riscaldare l'Isarco invece che gli edifici circostanti Waltherpark?
Il calore di scarto degli impianti di raffreddamento/ condizionamento dovrebbe essere innanzitutto usato per aumentare la capacita' del teleriscaldamento. Il calcolo indubbiamente non e' facile, sono in gioco temperature, quantita' di calore disponibili, necessita' di tubazioni, scambiatori di calore, pompe. Pero' un'analisi preliminare andrebbe fatta, diverse soluzioni esaminate e adottata la migliore sul lungo termine, in particolare visti gli attuali scenari energetici. Che e' difficile che cambieranno sul breve o medio termine.
Non lo vogliamo fare? Allora non lamentiamoci degli elevati costi dell'energia!

Ritratto di Lukas Abram
Lukas Abram 13 Ottobre, 2022 - 18:05

Una pompa di calore funziona diversamente. D'inverno porta fuori edificio freddo, d'estate caldo.

Ritratto di Lukas Abram
Lukas Abram 13 Ottobre, 2022 - 18:09

Una pompa di calore funziona diversamente. D'inverno porta fuori edificio freddo, d'estate caldo. L'idea di prendere l'acqua del fiume per fare da accumulatore non sarebbe male. Dal punto di vista tecnico gold standard. Il problema e' che finora nessuno l'ha mai potuto realizzare a Bolzano per tutela delle acque (giustamente).

Ritratto di Gianguido Piani
Gianguido Piani 13 Ottobre, 2022 - 18:54

Corretto! Pensavo alla disponibilita' di calore di scarto estivo e la necessita' di calore invernale, che sono in stagioni differenti e non coincidono. Errore mio. Resta la questione del perche' a Waltherpark e' permesso fare quello che ad altri e' giustamente proibito. In alternativa, se accettiamo che l'acqua dell'Isarco in estate possa aumentare la propria temperatura di "x" gradi, allora anche altri dovrebbero potere attingere a questa fonte di freddo fino a che i limiti sono rispettati. O anche, visto che operando con il raffreddamento nell'Isarco l'efficienza e' maggiore rispetto al raffreddamento ad aria, chi beneficiera' dei risparmio energetico? In quali termini (anche economici)?

Ritratto di Filippo Paltrinieri
Filippo Paltrinieri 13 Ottobre, 2022 - 14:44

Strano che non abbiano anche pensato di sfruttare la situazione per creare un'onda artificiale idonea al river surfing, come a Monaco nell'Eisbach. Sarebbe stata un'attrazione sportivo-turistica (e perchè no anche gradita dai surfer locali) di successo e, se con accesso a pagamento, anche lucrativa.

Ritratto di Herta Abram
Herta Abram 13 Ottobre, 2022 - 18:05

Eh super...dann machen wir doch alle das...mannn!!!

Ritratto di Karl Trojer
Karl Trojer 17 Ottobre, 2022 - 10:51

Das so erwärmte Wasser wird den Fischen und der Wasserfauna- und Flora gar nicht gut bekommen. Dieser Eingriff in die Natur ist zu unterbinden, zumal ansonsten mit weiteren Nutznießern und Belastungen zu rechnen ist .

Ritratto di Claudio Campedelli
Claudio Campedelli 17 Ottobre, 2022 - 13:38

Dallo Studio d'Impatto Ambientale:
UVS – SIA
01
RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA - ITALIANO
Datum / Data: 16.03.2018
Pagina 86:
"... Il progetto per la concessione di derivazione acque pubbliche è stata presentata l'11/05/2017. Il progetto deve essere sottoposto alla VIA, in quanto prevede un volume di prelievo pari a 10,25 milioni di m³/anno e supera la soglia di 1 milione di metri cubi.
Si fa presente che il presente SIA muove dal presupposto che la concessione di derivazione venga effettivamente rilasciata. Nell’ipotesi in cui questa non dovesse essere concessa è possibile un’ulteriore diversa soluzione che fondamentalmente consiste in un refrigeratore tradizionale aria/acqua e non come previsto con und refrigeratore acqua/acqua.... "

I proponenti avevano presentato l'idea di pompare l'acqua dall'Isarco per uso termico indicando però la necesità di una VIA per realizzare il progetto.

Cosa ha fatto la Provincia Autonoma di Bolzano?
In fase di Valutazione Ambientale ha concesso, senza richiedere una VIA, l'autorizzazione al proggetto.
Risultato:
d'ora in poi tutti hanno il diritto di pompare l'acqua dall'Isarco per usi termici.

Le osservazioni a suo tempo presentate non sono nemmeno state considerate.

Alla faccia della sostenibilità. Conta solo il profitto di pochi a scapito dell'interesse comune.

Ritratto di Josef Fulterer
Josef Fulterer 18 Ottobre, 2022 - 06:09

"Das sehr bedenkliche AUFHEIZEN der Flüsse mit der KONDENSATIONS-WÄRME der Klima- und Lühlanlagen," verursacht die Erwärmung der Luft über dem Fluss.
Damit wird die Aufnahme-Fähigkeit der Luft mit Wasserdampf gesteigert, "der im KLIMA-SCHIRM mit dem CO2, Methan (CH4), Lachgas (N2O) + Stickstofftriflorid (NF3), die zu hohe Rückstrahlung der Wärme verursacht!"
Weitaus vernünfitiger wäre, die anfallende Wärme-Energie für andere Aufgaben einzusetzen, bzw. in den Untergrund zu speichern, um damit im Winter zu heizen.

Advertisement
Advertisement
Advertisement