Nicolodi, Enzo
Georg Mayr
Advertisement
Advertisement
Zebra.

“L’utopia è come un motore”

Enzo Nicolodi, nato a Cermes nel 1950, ha avuto un ruolo importante al fianco di Alexander Langer nel movimento giovanile del '68, a cui ha partecipato molto attivamente.
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement
Advertisement
Ritratto di riccardo di valerio
riccardo di valerio 24 Marzo, 2018 - 11:19

Prima della condivisione c'è la giustizia......o meglio la con-divisione dei principi etici.

L'etica e lo stipendio di Michl Ebner

Giornale Alto Adige del 23 marzo 2018.

In base alla legge regionale articoli 2,4,7 n.4 del lontano 22 aprile 1983 è concesso ai poveri cittadini della Regione di venire a conoscenza dei redditi imponibili unitamente all'imposta lorda dei manager della regione riferiti al periodo 2016. (prima a quanto pare tutto stava segreto)
Il Presidente della Camera del commercio, industria, artigianato e agricoltura di Bolzano dott. Michl Ebner dichiara un reddito di 1.205.457 euro con 511.517 euro di imposta lorda.
Togliamo l'imposta e dividiamo per 12 quanti sono i mesi di un anno fino a prova contraria e troviamo la somma di circa 58.000 euro mensili. Se le mensilità fossero di più il nostro guadagnerebbe di meno? Non pare...
Mah quasi mi viene da ridere se non fosse il caso di incazzarsi e di molto...
Come farà il poveretto a gestire il tesoretto mensile che i cittadini della regione gli garantiscono ogni mese? Probabilmente non saprà dove metterli forse in qualche palazzo storico, acquisterà un intero quartiere, terreni di qua e di là dell'oceano, qualche isola caraibica o della Polinesia, un incrociatore, li metterà in parte in banca ma gli interessi non esistono più, comprerà mega suv e microauto, insomma come per il Berlusca avrà una vita d'inferno tutto intento a capire come gestire il patrimonio mobile e immobile.
Ma Ebner cosa fa come lavoro? Quali decisioni importanti prende ogni giorno? Quali responsabilità ha? Quante ore lavora? Come sarà il suo ambiente di lavoro? Passerà un po' di tempo in negozio?
O alla Roechling di Laives? Farà esperienza da qualche buon falegname o pianterà le mele a Laimburg?
In effetti a pensarci bene questo spostarsi a destra e manca visto il plurivariegato titolo di cui si effigie gli costerà non poca fatica e un notevole stress. Spese dal psicanalista?
Pensiamo all'infermiere della geriatria, all'operaio della Roechling in quel bell' ambiente silenzioso, all'insegnante con trenta alunni provenienti da tutte le parti del mondo, al medico del pronto soccorso, all'agricoltore di montagna, all'allevatore di animali mediamente vivi che necessitano di cure anche quelli come gli umani, al casellante dell'autostrada che respira i gas di scarico di 10.000 automobili al giorno, all'artigiano che si barcamena per la pagnotta, al commerciante che vede Amazon come fumo negli occhi, ai lavoratori di Amazon con i braccialetti che hanno problemi alla prostata, ai telefonisti a 600 euro al mese che si prendono un sacco di parolacce dai telefonati, ecc. ecc. ecc.
Ma questi lavorano o no? Hanno nel loro piccolo delle responsabilità o no? Devono mangiare o no? Devono mantenere i loro figlio o no? Devono avere un tetto sopra la testa o no?
Ricapitoliamo: stiamo parlando di un ente pubblico la Regione, si parla di nomine regionali si badi bene; la REGIONE tanto avversata dai politici alto-atesini ai tempi del fu De Gasperi, ente inutile per molti, dato che storicamente favoriva ben poco l'autonomia della minoranza sudtirolese.
Ma l'aria dopo è cambiata e giustamente aggiungo e la regione non riveste più il ruolo che ebbe una volta.
Ma ora che facciamo ? Abbiamo presidenti e vicepresidenti di nomina regionale chi di qua chi di la di Salorno? Manteniamo le cariche e le spese a carico della comunità nei tempi così allegri come sono questi della crisi continua e della povertà crescente?
Qualche giornalista dirà come al solito che non stanno lì le spese, che i manager privati guadagnano molto ma molto di più ( e perchè ? ) che contiamo le pulci, che abbiamo tanto tempo per leggere il giornale, che il giornale pubblica delle fake news, che siamo populisti o palpisti o che ne so...che il voto ai pentastellati al Sud è perchè tutti si aspettano il reddito di cittadinanza e metà della popolazione italiana crede alle favole della politica.
L'etica per tornare al titolo riguarda il comportamento umano ma non in senso autistico riguarda il convivere civile secondo delle norme che qualcuno vorrebbe relative ma che relative non possono essere.
Il senso della giustizia è innato è nella legge di natura inteso come solidarietà che ha garantito all'umanità di intraprendere il cammino evolutivo. Non ci fosse stato si sarebbe estinta.
Il problema è l'economia quella liberista dove è l'individuo che conta e non la polis, la società.
Questi sono i tempi dei pochi ricchissimi e dei molti poveri e poverissimi e ciò non è eticamente accettabile, bisogna dire basta, basta non se ne può più a partire dal presidente del Cciaa , della Ciccia, della Ciacci ….. Dio stramaledica gli acronimi preservando i loro poveri presidenti.

Di Valerio Riccardo

Advertisement
Advertisement
Advertisement