Ski Alta Badia
Ski Alta Badia
Advertisement
Advertisement
Accordo di Milano

Ai Comuni confinanti 720 milioni

Il fondo ex Odi arriva a 410 progetti: dalla ciclabile per Cortina al treno sotto lo Stelvio da 100 milioni. Mobilità green per il turismo fra la Badia e Livinallongo.
Di
Ritratto di Stefano Voltolini
Stefano Voltolini12.12.2018
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Il lockdown è finito. La crisi invece no. Ogni abbonamento a salto è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

panoramamagasa.jpeg
Wikipedia
Advertisement
Ritratto di Benno Kusstatscher
Benno Kusstatscher 12 Dicembre, 2018 - 10:08

Parliamo un po' delle opportunità perse:

1. Un progetto che prende quel mucchio di soldi finanziati dai cittadini atesini non è capace di spiegare il destino dei soldi in modo multilinguale. Il sito ufficiale lo spiega solamente in lingua italiana. Magari da noi si vergogna del fondo? http://www.fondocomuniconfinanti.it/

2. Il contratto di Milano è stato firmato da Durnwalder anni fa. Kompatscher invece, secondo me uno dei suoi errori più gravi, aveva aggiornato i contratti di finanziamento aumentato con lo stato dimenticandosi di dedicare una somma per lo sviluppo dei territori (mica soltanto dei comuni immediate) confinanti

3. Mentre il fondo a volte riesce a far sognare al di là del confine, da noi progetti di viabiltà della "nostra" Cortina non si parla neanche, perché la STA ha priorità diverse. Guardate qua: https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10155486763817359&id=2081038...

Ritratto di gianluca rossi
gianluca rossi 13 Dicembre, 2018 - 10:37

Tra le opportunità perse, aggiungerei anche quella di migliorare rapporti, relazioni istituzionali, collaborazione amministrativa e scambi culturali tra Alto Adige/SudTirol e territori vicini, parlo per il bellunese, non conoscendo bene le altre situazioni... Nei fatti, o almeno nella percezione che ne ho, riscontro un divario in continua crescita tra le due realtà, nonostante qualche progetto sia partito e i primi soldi inizino ad arrivare... sembra che la scelta dell'AA/ST sia piuttosto quella di perseguire uno "splendido isolamento", un ricercato distacco, con lo sguardo volto sempre e solo a Nord, manifestando un certo disinteresse per ciò che accade alle sue porte di casa, negli altri quadranti.... E' una scelta comprensibile, devo ammetterlo, anche se, a mio modo di vedere, una scelta di respiro limitato, come lo sono tutte quelle che "precludono", nel senso letterale del termine. Aggiungo per correttezza che non attribuisco la responsabilità esclusiva di ciò all'AA/ST... perchè un grosso contributo negativo per perdere questa occasione, l'abbiamo messo anche noi, di qua del confine, specie quando, a volte, abbiamo cercato nemici da combattere anzichè vicini con cui collaborare.

Advertisement
Advertisement
Advertisement