Cappello, Marco
Sabes
Advertisement
Advertisement
Sanità

“Non ho mai profferito minacce”

Marco Cappello, direttore della ripartizione legale e affari generali dell'ASL, sulle dichiarazioni del medico Andreas Tutzer rese davanti alla commissione d'inchiesta.
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

La crisi continua. Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

2018-07-27_andreas-tutzer-titelbild.jpg
Südtiroler Freiheit
Advertisement
Ritratto di rotaderga
rotaderga 26 Agosto, 2020 - 10:24

Kommunizieren die Herrn Avv. Cappello und Dr. Tutzer in italienischer oder deutscher Sprache ?

Ritratto di Elisabeth Garber
Elisabeth Garber 26 Agosto, 2020 - 10:35

Hier steht für mich Aussage gegen Aussage, bevor die Sache nicht lückenlos aufgeklärt ist.

Ritratto di Andreas gugger
Andreas gugger 26 Agosto, 2020 - 11:15

Hat Tutzer jetzt mit Avv. Cappello telefoniert oder nicht? mit Zeugen? dass jemand derartige im Raum stehende Drohungen verschriftlicht ist wohl kaum anzunehmen...

Ritratto di Chiara Losi
Chiara Losi 26 Agosto, 2020 - 13:45

Le facoltà di Giurisprudenza non sono più degne di forgiare eredi di Cicerone. Al di là del contenuto che non commento per non incorrere nella medesima sorte del DR. Tutzer (Dr. in quanto laureato in Medicina) devo osservare che la lingua italiana viene apparentemente calpestata anche da chi fa dell’ars oratoria la propria vocazione professionale.
Segnatamente: “profferito” si riferisce di certo ad un docente la cui incolumità fisica è compromessa (un prof ferito) perché altrimenti sarebbe scritto con una F (proferito), e nella lingua italiana il titolo “Dr.” è consentito esclusivamente in riferimento al dottori in Medicina e Chirurgia, laddove per tutti gli altri laureati si utilizza “Dott.“
Se fosse stato un discorso scritto da un agricoltore o da un pescatore la cosa mi avrebbe preoccupato poco. Ma a mio avviso un avvocato fonda la propria credibilità anche sulla capacità di esprimersi in modo congruo al proprio titolo.

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 26 Agosto, 2020 - 16:24

Sull'uso di dott. e dr. devo contraddirla. L'Accademia della Crusca dà alle due abbreviazioni la stessa valenza e lo stesso significato e attesta che l'uso di dr. per indicare la professione di medico è limitata al linguaggio comune.
Sul verbo "profferire" ha ragione in parte. La forma "profferire" è la forma archaica del ormai più comune "proferire. Oggi profferire è usato come forma di offrire/offrirsi. Il sommo poeta e anche Boccaccio usavano profferire invece di proferire.
Ma sinceramente non la ritengo una grave colpa. Sulle capacità professionali di Marco Cappello non credo lei abbia le qualità per esprimersi. Se mi permette, io si.

Ritratto di rotaderga
rotaderga 26 Agosto, 2020 - 16:40

Iaz verstea is a, glab i holt ;=)

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 27 Agosto, 2020 - 15:23

Integrando il commento, apprendo che il verbo "profferire" è stato riportato male dal giornalista, per cui qualsiasi commento sarcastico cade nel vuoto.

Ritratto di Manfred Klotz
Manfred Klotz 28 Agosto, 2020 - 08:21

Chiedo venia e scusa a Christoph, il verbo è stato riportato nella forma arcaica dall'avvocato estensore della lettera (che non è Marco Cappello).

Advertisement
Advertisement
Advertisement