Mentana, Enrico
upi
Advertisement
Advertisement
La polemica

“La vostra autonomia non ha più senso”

Enrico Mentana punta il dito contro le Speciali. Patt: “Parole inaccettabili”. Ferrari (Pd): “Delirio di onnipotenza”. Fraccaro (M5s): “Autonomia: modello da esportare”.
Di
Ritratto di Sarah Franzosini
Sarah Franzosini25.09.2017
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Mensch Ärgerdichnicht
Mensch Ärgerdichnicht 25 Settembre, 2017 - 10:12

Peccato che Mentana non è minimamente in grado di spiegare come mai "l'autonomia" non può anche essere data a Veneto, Emilia, Piemonte e Lombardia. Il motivo è molto semplice: paura! Una paura ancestrale che il resto d'Italia debba primariamente arrangiarsi con mezzi propri! E poi naturalmente il terrore nero di giornalari e commentatori di quarta categoria, i quali in TV e sulla stampa, sopravvivono giusto per mostrare e raccontare i battibecchi dei politicanti romani davanti alle telecamere. Per carità, Mentana non fa' parte di questo gruppo, sia ben chiaro, ma fa parte di un sistema dove giornalismo e politica romana vivono una sorta di convivenza a metà strada fra la simbiosi e il parassitismo ed i risultati sono quelli che leggiamo qua sopra. Ragionamenti populisti che in quanto tali vogliono solo piacere al popolino e non convincere nessuno. Dato che ci si trova a sinistra, prendersela con i migranti non va bene, allora tocca ai "ricchi", ai "privilegiati"! Qui il dogma del populista non è quello del "prenditeli a casa tua!", qui le cialtronerie sono, o vogliono apparire, un po' più raffinate: "se molti stanno peggio di pochi, sarebbe più equo se tutti stessero male alla stessa maniera!". Che il discorso non ha alcun senso lo capiscono anche i sassi, ma intanto l'applauso da sotto il palco è arrivato e allora va bene così.
Complimenti Mentana!

Ritratto di Daniel Pietra
Daniel Pietra 25 Settembre, 2017 - 10:50

Mentana ha dimostrato un livello d´ ignoranza che non mi sarei aspettato da lui.

Ritratto di Giancarlo
Giancarlo 25 Settembre, 2017 - 23:40

Nulla di nuovo, Mentana non è né il primo né l'ultimo giornalista che prova ad attaccare l'autonomia di Trento e Bolzano. Il copione è sempre il solito: non si va a Bolzano perché "lassù" sono tedeschi, l'ambiente è naturaliter ostile, manca la complicità linguistica e mentale dei talk show e dibattiti italiani, in più si rischia la scomodissima compagnia di gente come Casapound e delle destre nazionaliste altoatesine. Quindi si va a Trento, forse contando sul tacito, annoso complesso d'inferiorità dei trentini, che sanno di avere un'autonomia "meno" legittimata, agganciata al carro sudtirolese grazie ai buoni uffici di Alcide De Gasperi dopo la 2^ guerra mondiale. E a Trento si fanno sempre i soliti discorsi, ogni volta più risaputi, che ogni volta provocano le medesime reazioni indignate quanto scontate. Poi tutti sanno dentro di sé che l'autonomia sudtirolese è un'altra cosa, che i trentini ce l'hanno perché diciamo che gli è andata bene, ma tutto sommato la sanno gestire bene, e che in linea di principio sarebbe giusto concederla anche a Lombardia, Veneto, Emilia più altre regioni del centro-nord che hanno dimostrato di sapersi amministrare, ma che in pratica non se ne farà mai di nulla perché una settimana dopo salterebbe il bilancio dello stato italiano e forse lo stesso stato italiano, anzi
basterebbe la sola Lombardia per farlo saltare.

Ritratto di gianluca rossi
gianluca rossi 26 Settembre, 2017 - 12:19

Il problema evidenziato, forse in maniera un po' grossolana, da Mentana comunque esiste ed è grosso come una casa. Si chiama sperequazione. La presenza di territori/regioni che godono di status fortemente differenziati all'interno di un assetto istituzionale unitario, crea legittime aspirazioni nei territori che si ritengono penalizzati a raggiungere lo status di quelli più avanzati... e fin qui nulla di male, anzi. Ma crea anche tensioni, frustrazioni e rabbia se queste legittime aspirazioni non sono minimamente prese in considerazione o peggio se si prova ad annientarle come accaduto con la legge Delrio che ha svuotato le province senza cancellarle o con recente tentata riforma centralista della Costituzione, appoggiata dalle autonomie speciali (con poche eccezioni) ma fortunatamente bocciata dalle urne. Non sempre la "pezza" che il legislatore ha concepito per cercare di risolvere il problema (fondi comuni confinanti) riesce nel suo intento, perchè, ad esempio, i territori confinanti con Il TAA/ST non chiedono, per "limare" quelle che sono vissute come disparità inaccettabili o addirittura come forme di concorrenza sleale, solo un po' di soldini, che certo sono un aspetto non secondario... chiedono anche e soprattutto autonomia e possibilità di autogoverno, nella ferma convinzione di sapersi governare bene, se solo fosse loro concesso. L'assenza di risposte se non addirittura la ferma contrarietà (Delrio ai bellunesi: "non sarete mai come Trento e Bolzano"- 2014) genera la frustrazione che, ad esempio porta molti comuni a cercare scorciatoie in improbabili salti del muro verso le più fortunate vicine regioni/province speciali... Mi accontenterei che per una volta, si smettesse di affermare ipocritamente che il modello del TAA/ST dovrebbe essere esportato nel resto del paese, come ho sentito fare solo qualche giorno fa dal governatore Rossi interpellato sul referendum autonomista di Veneto e Lombardia... almeno fino a che questa affermazione non verrà suffragata da una qualche analisi economico-finanziaria che mi spieghi chi pagherà, ad esempio, il debito pubblico italiano, se le due regioni che oggi maggiormente contribuiscono, da domani trattenessero nel loro territorio buona parte delle tasse sui redditi che producono (si, certo, anche le competenze e relativi costi...). In altre parole il modello TAA/ST, cui vanno riconosciuti meriti oggettivi, è sostenibile perchè interessa una parte limitata della popolazione italiana e difficilmente, per usare un eufemismo, potrà essere esteso ad altri; se così è, ma sarei felicissimo di essere smentito, è difficile dare torto a Mentana quando parla di privilegi... (diz. Treccani "privilegio: attribuizione a un soggetto o a una categoria di soggetti di una posizione più favorevole di quella della generalità degli altri").

Ritratto di Mensch Ärgerdichnicht
Mensch Ärgerdichnicht 26 Settembre, 2017 - 12:32

Anche la Provincia di Bolzano contribuisce a ripagare il debito pubblico nazionale. Meno di altre regioni, ma più di altre, ma sopratutto non contribuisce ad aumentarlo! http://www.osservatoriofederalismo.eu/la-mappa-del-dare-avere-il-residuo...
Quindi se il modello fosse esportato al resto del paese, naturalmente con amministratori capaci, non c'è motivo per il quale non dovrebbe essere possibile ripianare il debito pubblico con un paese federale.

Ritratto di gianluca rossi
gianluca rossi 26 Settembre, 2017 - 13:22

Vero che la Provincia di BZ non incrementa il debito e che contribuisce anzi a ripianarlo... anche se in misura ben inferiore a quanto fanno Lombardia, Veneto e Emilia Romagna... però a fare qualche conto sulla tabella del link si vede subito che se i cittadini di Lombardia e Veneto potessero lasciare a Roma, da domani, lo stesso residuo fiscale che lasciano quelli del TAA/ST (con riferimento ai valori del triennio 2012-2014) a Roma verrebbero a mancare, da subito, qualcosina meno di 60 miliardi di euro... e credo che la cosa rappresenterebbe un serio problema per la tenuta dei conti.

Ritratto di Mensch Ärgerdichnicht
Mensch Ärgerdichnicht 26 Settembre, 2017 - 14:46

Va anche ricordato che la provincia di Bolzano ha anche più competenze oltre a quelle speciali, quindi il dato andrebbe relativizzato. Nessuno dice che Lombardia e Veneto debbano andarsene, si dice che se hanno pagato fior fior di quattrini fino ad oggi, magari è ora di salassarli di meno e di premiare la loro virtuosità, lasciando loro una fetta più grande della torta che in buona parte sono loro stessi a produrre.

Ritratto di Benno Kusstatscher
Benno Kusstatscher 26 Settembre, 2017 - 13:39

Certamente l'autonomia non è una questione quanto grossa la fetta sia, anche se proprio questo è l'argomento fake cavalcato dalla Lega. Se autonomo oppure indipendente il Veneto non sarà libero di contribuire meno, ma sarà libero di pagare volontariamente come membro di una familglia solidale, sentendosi partner ad altezza.

Ritratto di gianluca rossi
gianluca rossi 26 Settembre, 2017 - 14:50

Forse sarebbe più corretto affermare che l'autonomia non "dovrebbe essere" questione di quanto grossa è la fetta... su questo siamo d'accordo... nella realtà il principio ideale si scontra con la sostenibilità economica. Anche il via libera al passaggio di Sappada da regione ordinaria a regione speciale, è arrivato solo dopo aver valutato in Commissione Bilancio che l'operazione comportava un aggravio per i conti pubblici tutto sommato limitato (parliamo di qualche centinaio di contribuenti). Liquidare il tutto come un fake della Lega, mi sembra riduttivo. E' vero invece che dopo il referendum per Veneto e Lombardia dal punto di vista fiscale non cambierà proprio nulla.

Ritratto di Dai retta a un cretino
Dai retta a un cretino 27 Settembre, 2017 - 10:18

Mentana ha solo messo in evidenza, come qualcuno ha già qui detto, la sperequazione.
Sperequazione non solo economica ma anche normativa.
Aggiungendo che le autonomie motivano la loro "specialità" con argomentazioni inconsistenti quando non ipocrite.
E credo che abbia ragione ad affermarlo.
Perchè non estentendere questa autonomia alle altre regioni ? A parte questa onnipresente sottile quanto insopportabile motivazione del "bisogna meritarsela" che non è degna nemmeno di essere commentata, il fatto è che sarebbe necessario modificare l'assetto della repubblica trasformandola in federale. Con tutto ciò che ne consegue.
Siamo sicuri che poi lo si vorrebbe davvero ? Vedendo come viene oggi gestita l'autonomia, ossia come un mero cambio chi comanda (da Stato a Provincia) senza però cambio di modalità (la provincia si comporta con i comuni nello stesso modo che lo stato usava nei confronti della provincia, il centralismo statale è sostituito da un centralismo provinciale forse ancora più forte) dubito che si sia ben inteso lo spirito federalista...

Ritratto di Mensch Ärgerdichnicht
Mensch Ärgerdichnicht 27 Settembre, 2017 - 12:28

Che una sperequazione ci sia non lo mette in dubbio nessuno. Come ho già scritto più in su, è assurdo voler togliere l'autonomia e non darla ai virtuosi secondo il ragionamento del "se molti stanno peggio di pochi, sarebbe più equo se tutti stessero male alla stessa maniera"! L'ipocrisia e l'inconsistenza sta proprio qui!
E come andrebbe inteso correttamente lo spirito federalista di grazia? Con i comuni, che comandano loro e tutti devono adeguarsi? Fra l'altro i comuni in provincia di Bolzano, se paragonati a quelli di regioni a statuto ordinario, godono di ottima salute e sono tutto sommato soddisfatti per come vanno le cose (eccezion fatta per Bolzano, per ragioni prettamente politiche).
"il fatto è che sarebbe necessario modificare l'assetto della repubblica trasformandola in federale. Con tutto ciò che ne consegue."
Basta una riforma costituzionale in senso opposto di quella appena bocciata dall'elettorato. Sarà dura farla digerire alla classe politica meridionale, ma pur sempre proponibile. Il problema è che manca a livello nazionale un forza politica seria per portare avanti un progetto del genere, ciò però non significa che non sarebbe la soluzione migliore per il paese.

Ritratto di Dai retta a un cretino
Dai retta a un cretino 27 Settembre, 2017 - 13:55

Quindi noi siamo virtuosi e gli altri tutti sfigati? Lo vada a dire ai veneti o ai lombardi!
Lo spirito federalista c'è già all'interno della costituzione ed è quello che sta sotto il suo titolo V. Significa comunque adottare un modello collaborativo e partecipativo, esattamente il contrario del modello iper centralista della nostra mamma Provincia. Che fa pure ridere perchè quando lo Stato applica a lei gli stessi metodi si risente e indigna. Alla faccia della coerenza! I comuni non comandano, ma sulle questioni gestite direttamente dai comuni, che sono moltissime visto che i comuni sono il vero "terminale" della pubblica amministrazione verso i cittadini, esiste il principio di autonomia di gestione. Che non vuol dire che ognuno fa i cavoli suoi (è dovuto il rispetto delle leggi) ma che ognuno nella gestione è libero di fare secondo le proprie peculiarità. Poi è opportuno confrontarsi e cercare di uniformare tutto ciò che è possibile. Ma su un tavolo dove tutti sono presenti e possono concordare le misure prese. Questo è difficile (ma democratico) e se non si accetta un modello del genere ogni rivalsa autonomista è mero interesse di gestione del potere.

Ritratto di Mensch Ärgerdichnicht
Mensch Ärgerdichnicht 27 Settembre, 2017 - 18:45

Ma no! I veneti, i lombardi, sono ancora più virtuosi: ben venga l'autonomia anche per loro! Lo spirito federalista nel Titolo V della Costituzione è uno spiritello, un soffietto d'aria e nulla di più! La collaborazione c'è in tutti paesi federali, solo che è diversa! Ma se nei comuni è giusto e sacrosanto che ognuno faccia secondo le sue peculiarità, perché nelle regioni no?

Ritratto di Dai retta a un cretino
Dai retta a un cretino 29 Settembre, 2017 - 12:25

Io non dico (e non lo dice nemmeno Mentana) che uno stato federale non sia possibile o auspicabile. Dico solamente (e lo dice anche Mentana) che non è sostenibile (economicamente ma anche normativamente) estendere le autonmie attuali alle altre regioni. Le autonomie attuali non per nulla sono catalogate come "speciali", non possiamo far diventare tutti speciali. Attivare un modello federale significa definire un modello valido e sostenibile per tutti, anche per evitare quelle che sarebbero ingiustificate (e ingiustificabili) sperequazioni.
Un altro concetto che vorrei ribadire è che adottare un modello federalista significa accettarne fino in fondo lo spirito. Da noi non è affatto così, perchè la Provincia è tutto meno che federalista, anzi è forse più centralista di Roma. E proprio da come è trattato il Comune di Bolzano se ne può avere un esempio lampante. Inutile essere autonomisti così, questa non è autonomia ma semplicemente un modo per poter fare liberamente lo staterello iper-centralista senza avere nessuno fra i piedi!

Ritratto di Mensch Ärgerdichnicht
Mensch Ärgerdichnicht 29 Settembre, 2017 - 12:49

Ah! Adesso i nodi vengono al pettine. Alla fine della fiera il problema è la povera città do Bolzano, maltrattata dalla provincia cattiva, che elargisce milioni ai paesotti di baccani nelle valli, mentre la povera città rimane a becco asciutto. Ma per favore! La città di Bolzano versa nella sua situazione attuale per colpa sua! Il "trattamento" di cui è oggetto, è dato primariamente dall'incapacità e debolezza POLITICA di far valere le proprie ragioni, causati a loro volta da un consiglio comunale fatto di 43,785 partitelli e partitini, maggioranze spaccate su tutto e litigi e faide (prettamente personali) che ormai perdurano da decenni.

Ritratto di Dai retta a un cretino
Dai retta a un cretino 2 Ottobre, 2017 - 10:36

Il caso del comune di bolzano è un esempio esemplificativo ed è capitato ad altri, vedasi ad es. Merano. Vale la stessa "regola" per ogni forma di dissenso o diversità. (leggasi non sei allineato con il volere del partito di maggioranza). Consentito proprio da questa forma di autonomia: chi comanda non riesce ad avere la coerenza di non applicare ad altri quello che non verrebbe applicato a se stesso.
Questa non è autonomia nel senso di federalismo ma semplice cambio di vertice al potere.

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 27 Settembre, 2017 - 13:28

Sperequazione o meno il sig. Mentana dimostra che leggere libri non significa far funzionare il cervello! Se ho due figli, uno dei quali gli ho insegnato ad arrangiarsi con i soldi che guadagna, e lo fa bene, mentre all'altro gli do la paghetta che sperpera in malo modo, se sono una persona ragionevole e che fa funzionare il cervello cercherò di riportare alla retta via il secondo figlio, non il primo! Se faccio diversamente è evidente che mi drogo, o bevo, comunque sono un cattivo genitore! Attualmente in Italia paghiamo dai 30 ai 50 cent in più la benzina (ma potremmo prendere a mo di esempio il costo dell'energia) rispetto all' Austria e questo è indicativo di ciò che non va! Per la cronaca nemmeno un centesimo della benzina che paghiamo in più è dovuta ai migranti, però noi CONTINUANO a parlare di loro e non dei veri problemi! Loro e voi vi meritate la benzina a 3€ perché non state cogliendo il senso delle cose!
Per la cronaca l'UNICA vera e sensata RIFORMA è quella di tipo provinciale autonomista (con eliminazione delle regioni). Semplicemente perché non si può stravolgere la storia! E chi non lo capisce è semplicemente ignorante!

Ritratto di gianluca rossi
gianluca rossi 27 Settembre, 2017 - 16:38

Preciso che non ho nulla contro l'autonomia del TAA/ST e confido si possa trovare una soluzione ai problemi oggettivi che le affermazioni di Mentana evidenziano, senza in alcun modo ridurne i margini. Ci terrei però a dire che qui i figlioli non sono due bensì tre, con tutte le approssimazioni che la semplificazione del caso comporta: il primo figlio (TAA/ST, Valle d'Aosta e in parte FVG) si arrangia molto bene con i soldi che guadagna, ha un carattere deciso e sa farsi rispettare, ha un buon lavoro e una bella paga che può permettersi, a giusta ragione, di spendere come meglio crede... il secondo figlio (Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna) ha un carattere più accondiscendente, qualche volta brontola, ma è da molto tempo abituato a rimboccarsi le maniche e non è capace di rispondere di no alle continue richieste del padre; per questo fa molta fatica a tirare avanti pur lavorando sodo almeno quanto il primo figlio; perchè, proprio per disposizione del padre, deve cedere la maggior parte della sua paga al terzo fratello che, sembra, oltre a non essere nelle condizioni di guadagnarsela, ha pure le mani bucate... Ora il secondo figlio inizia a manifestare forti segni di insofferenza nei confronti del padre, gli fa presente che il terzo figlio spende male i soldi che riceve e che lui oramai non ce la fa più ma il padre, anzichè redarguire il figlio spendaccione minaccia il secondo di ridurne ulteriormente i margini operativi (tentativo di riforma costituzionale), in questo con l'appoggio complice del primo figlio... Faccio presente che in Veneto un cittadino su 5 si dichiara contrario all'autonomia e a favore dell'indipendenza sul modello catalano; è una percentuale altissima, ma è destinata ad aumentare in maniera consistente se non verrà avviato al più presto un processo che porti al riconoscimento di forme di autonomia e federalismo fiscale spinti. Zaia, che sicuramente ha tanti difetti ma a cui va riconosciuto un discreto fiuto politico, l'ha compreso e ha deciso di farne il motivo della sua stessa esistenza politica. Credo sia interesse di tutti, anche delle Regioni e Province a statuto speciale, avviare una seria riflessione sul futuro assetto istituzionale del paese... chiamarsi fuori potrebbe rivelarsi un errore.

Ritratto di Diti P.
Diti P. 27 Settembre, 2017 - 22:33

Hai descritto bene la situazione.
In effetti vedere l'esito del referendum su di una cartina dell'Italia colorata fa un certo effetto...
Inoltre pensare che in ST ci sia stato il massimo dei SI addirittura più che nella zona intorno al giglio magico... a me fa un po' vergognare in quest'ottica qui...

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 28 Settembre, 2017 - 10:22

Mi scusi ma non metterei la mano sul fuoco sul secondo figlio! E non è nemmeno colpa sua, perché nel momento che io padre lo foraggio (male, ma lo foraggio) egli di indole si "sbatterebbe" pure per procurarsi i soldi ma in parte si adagia, è nella natura dell'essere umano! Si veda il caso emblematico e scolastico delle ferrovie trenord. A dimostrazione che la "mafia" esiste anche a nord.
Comunque il punto è sempre lo stesso! A suon di ceffoni tu prendi i figli due e tre e li obblighi a campare a vivere! Non ti lamenti di chi ha imparato a badare a se stesso. E ribadisco, perché FONDAMENTALE, questo deve avvenire a livello PROVINCIALE. Perché altrimenti vi sarà una Venezia che diventa la nuova Roma in Veneto. Dobbiamo esaltare le sfumature di ogni provincia, con le proprie particolarità. E questo avviene solo rendendole autonome. Se non facciamo questo è inutile parlare di tutto! Di evasione, di corruzione, di debito pubblico, di burocrazia, di emigranti etc. etc.
Quindi, smettiamola di attaccare l'autonomia e battiamoci democraticamente perché ogni provincia di questo stato sia autonoma! A questo concetto ci arrivano sole poche persone, e purtroppo anche qui in Alto Adige molti politici non lo capiscono!

Advertisement
Advertisement
Advertisement